• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

marinoernesto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buon giorno.
Nella ricerca sul sito dell'argomento che propongo oggi non ho trovato risposte qualificanti e specifiche. Ecco quindi che mi permetto di riproporre l'argomento.
Da qualche anno (forse da 2018) è previsto la possibilità di installare limitatori di portata: questi devono garantire una disponibilità giornaliera di 50 litri/per persona. Questo dice la legge, alla quale mi voglio allineare. Guardando in internet ho visto che molti enti gestori si stanno attrezzando al riguardo, per 'invitare' le utenze morose a rientrare. Anche entrambi i gestori del servizio idrico dove abito e dove ho una seconda casa, prevedono questa clausola nel contratto di servizio. Di uno dei due, quello che ha pubblicato il listino prezzi, so che per installare questo 'dispositivo' chiede 70€. Parlando con i tecnici mi hanno detto che, in base alla pressione prevista nel contratto ed in base al num. di persone alle quali è destinato il servizio (la limitazione), installano un riduttore che permette il consumo previsto: in pratica è una "strozzatura" (di gomma o altro materiale, non so) il cui foro riduce drasticamente il flusso del liquido. Io invece sono alla ricerca di un qualcosa di più sofisticato, che, ad esempio, lasci passare un flusso pieno, ma che al raggiungimento della soglia impostata, attivi una elettrovalvola che chiuda la tubazione. Ho già scritto ad un paio di produttori di contatori acqua (non dico i nomi perchè non so se posso dirli) di livello nazionale ma entrambi mi hanno risposto che, al momento, non hanno in catalogo strumenti con le caratteristiche richieste. Qualcuno di voi ha già avuto occasione di sapere se in commercio esiste un qualcosa di simile?
Ringrazio dell'attenzione
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Io invece sono alla ricerca di un qualcosa di più sofisticato, che, ad esempio, lasci passare un flusso pieno, ma che al raggiungimento della soglia impostata, attivi una elettrovalvola che chiuda la tubazione.
ti costruisci un serbatoio della capienza voluta che viene riempito alle 0:01 di ogni giorno e poi un'autoclave per dare pressione al circuito idraulico.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
ti costruisci un serbatoio della capienza voluta che viene riempito alle 0:01 di ogni giorno e poi un'autoclave per dare pressione al circuito idraulico.
Salvo che il serbatoio non possa essere ospitato sul terrazzo ad un dislivello sufficiente a garantire una pressione adeguata. Altrimenti, autoclave.
Infine, non ero a conoscenza di un limite sul consumo dell'acqua, valutato pro capite. Mi sembra una "bufala", anche perché il suo consumo non è a costo zero.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Ma scusa, la possibilità di limitare i flussi d'acqua agli utenti morosi riguarda i gestori dei servizi idrici. Mica i condomini o i privati ! Tu sei un gestore del servizio idrico ?
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
evidentemente il condominio ha un contatore unico per tutti gli appartamenti.
Io ho capito il contrario. Forse @marinoernesto vorrebbe limitare il consumo d'acqua di una sola presa con contatore, per ovviare al problema che chi ne usufruisce non paga la bolletta. Ma la possibilità di limitare la fornitura è riservata ai gestori dei servizi idrici. I condomini e i privati non possono farlo.
 

marinoernesto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma la possibilità di limitare la fornitura è riservata ai gestori dei servizi idrici. I condomini e i privati non possono farlo.
Dispositivo dell'art. 63 Disposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorie

FontiDisposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorieCapo I - Disposizioni di attuazioneSezione III - Disposizioni relative al libro iii

...........
..........
In caso di mora nel pagamento dei contributi che si sia protratta per un semestre, l'amministratore può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato.
......

In tal senso si sono espressi già alcuni tribunali.
Installare un limitatore è comunque garantire un qualcosa in più a favore del moroso, pertanto penso non sia attaccabile.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Quindi @marinoernesto è un amministratore di condominio e il condomino che non paga l'acqua è il proprietario di un appartamento ? Non tutta la giurisprudenza però concorda sul fatto che si possano sospendere i "servizi essenziali" suscettibili di fruizione separata, come l'acqua, poiché si rischia di ledere il diritto alla salute che è garantito dalla Costituzione. Anche limitando solo la fornitura, il condomino potrebbe ricorrere al Giudice. Forse, nel caso di morosità protratta nel pagamento del consumo di acqua, sarebbe meglio che l'amministratore stesso ricorresse al giudice per chiedere un provvedimento ex art. 700 c.p.c. al fine di sospendere o limitare l’erogazione del servizio idrico. Così facendo la sua azione verrebbe legittimata da un provvedimento giurisdizionale.
 
Ultima modifica:

marinoernesto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Diversi tribunali si sono espressi "l'amministratore ha il diritto/dovere di intervenire..... nei confronti del condomino moroso senza la necessità di ricorrere preventivamente al giudice". (ci sono delle condizioni da rispettare: il condomino è moroso da più di 6 mesi, l'importo deve essere superiore al costo medio...., il servizio da limitare è erogato su impianto che serve altre unità abitative e la limitazione deve essere adottata solo sulla parte che serve il moroso; la limitazione non può essere applicata ad un impianto che serve la sola UI)
L'art.63 è stato modificato, nella forma che ho postato al #10, dal 18/06/2013. Non mi pronuncio se, prima di quella data, l'amministratore avesse o meno questa facoltà. Concordo che non è possibile togliere l'acqua, per i motivi citati da @mapeit. A mio avviso sono obbligato a garantire la qta minima prevista dall'autorità ARERA, con le disposizioni emanate che ho linkato nel post #4, che già considera le necessità del rispetto del diritto alla salute..
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Ma davvero state parlando di limitare l'acqua a un moroso? pertanto non pagherà neanche la pulizia delle scale, in quel caso che fate quando lui scende prendete il secchio della spazzatura e lo buttate davanti a i suoi piedi?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Lorca ha scritto sul profilo di FioreAle.
Ciao,
ho letto della tua disavventura circa l'affitto. Spero di cuore che si sia risolto tutto.

Mi chiedevo come fosse andata con AffittoAccurato perche stavo prendendo anche io in considerazione di fare un contratto con loro.
Puoi condividere qualche suggerimento?
Buongiorno a tutti, sto ristrutturando una casa indipendente, per i pavimenti (legno) e le porte mi sono affidato ad un artigiano della zona, fatto il preventivo e firmato per accettazione ora mi chiede un'acconto del 60 % piu' IVA, considerando che i lavori cominceranno a ottobre è una procedura normale quella di richiedere acconti di questa entità?
Grazie
Alto