1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Deny

    Deny Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti!
    Per colpa dell'inquilino precedente moroso, Enel staccherà a breve il gas per un paio di settimane (cessazione amministrativa). L'inquilino nuovo che non ne ha colpa, non vuole pagare l'affitto per le settimane nelle quali non avrà gas. E' corretto? Il proprietario deve accettare di non essere pagato?
    (Neanche il proprietario ne ha la colpa perché non sapeva che l'inquilino precedente era moroso).
    Per andare incontro all'inquilino il proprietario gli ha proposto di fare lo sconto sull'affitto del 50% per i giorni in cui non c'è gas, ma l'inquilino non vuole proprio saperne, vuole non pagare l'affitto del tutto nei giorni in cui non ci sarà il gas.
     
  2. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao, in genere conviene specificare nel contratto che gli oneri per subentri e volture delle utenze sono a carico dell'inquilino. non vedo perché l'inquilino si debba rivalere sul proprietario soprattutto se era a conoscenza di dover attivare, come consuetudine, la nuova titolarità delle utenze.
     
    A pattis e Deny piace questo messaggio.
  3. Hug

    Hug Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    L'inquilino nuovo si intesta subito il nuovo contratto. Il fornitore non potrà pretendere né da lui né dal proprietario il pagamento del dovuto non pagato, per avere ciò dovrà inseguire il cliente moroso.
    Questo vale per tutti i contratti di fornitura (gas, luce, acqua).
     
    A colpam e Deny piace questo messaggio.
  4. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Concordo con le risposte precedenti e aggiungo come mi sono comportata in un caso analogo.
    L'inquilino precedente non aveva pagato alcune bollette del gas. Il nuovo inquilino si è recato dal fornitore (Eni) dove ha sottoscritto una dichiarazione dicendo di non essere parente del precedente intestatario. Quindi ha stipulato un nuovo contratto con Eni che non ha interrotto la fornitura del gas.
    Probabilmente Eni chiede questa dichiarazione per evitare che un moroso volturi l'utenza a nome di un familiare convivente per continuare a utilizzare il gas senza pagare.
    Comunque il proprietario dell'immobile non deve mai sanare la morosità di bollette intestate ai suoi inquilini.
     
    A Deny piace questo elemento.
  5. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    il problema è del vecchio inquilino, e non del locatore, i servizi sono cose tra privati e nulla può pretendere il locatario, l'importante è dare gli impiani a norma di legge
     
    A Deny piace questo elemento.
  6. Deny

    Deny Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti! E' chiaro che ne io (proprietario) ne l'inquilino nuovo non sono responsabili della morosità dell'inquilino precedente. Il fornitore del gas (Enel) ha rifiutato di fare la voltura al nuovo inquilino in quanto l'inquilino moroso ha accumulato un grande debito, pertanto Enel ha avviato la procedura di cessazione amministrativa che prevede la chiusura del contatore. Dopo pochi giorni dalla chiusura si potrà fare un contratto nuovo, ma passeranno giorni e anche settimane senza gas nell'appartamento. La colpa non è mia (del proprietario) perché non sapevo della morosità dell'inquilina precedente (sono stato ingenuo a non controllare). L'inquilina precedente non la conosco neanche perché ho comprato la casa pochi mesi fa.
    Detto questo ritorno alla mia domanda:
    L'inquilino nuovo che non ne ha colpa, non vuole pagare l'affitto per le settimane nelle quali non avrà gas. E' corretto? Il proprietario (io) deve accettare di non essere pagato nei giorni in cui l'inquilino non potrà usufruire del gas (acqua calda + cottura)? (Legalmente credo di no, ma umanamente mi sembra sia il caso di trovare un compromesso... o sbaglio?)
    Per andare incontro all'inquilino gli ho proposto di fare lo sconto sull'affitto del 50% per i giorni in cui non c'è gas, ma l'inquilino non vuole proprio saperne, vuole non pagare l'affitto del tutto nei giorni in cui non ci sarà il gas.
     
  7. Hug

    Hug Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Nessuno può essere chiamato a sanare morosità relative ad un contratto che non ha firmato.
     
  8. Deny

    Deny Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Questo è chiaro. Nessuno ci chiede di sanare la morosità. La mia domanda era diversa.
     
  9. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Anche alla luce di quanto scritto da uva, non capisco proprio perchè ENEL debba per forza sigillare il contatore per un periodo più o meno lungo prima di un nuovo allaccio (peraltro, visto che mi pare di aver capito che ora il gas c'è, sarebbe un subentro): ritengo sia una violenza privata (forse per spingere il nuovo intestatario a sanare la morosità del precedente...), perchè un gestore, che io sappia, non può negare un nuovo allacciamento, peraltro da eseguirsi entro termini ben precisati dall'Autorità per l'Energia.
     
    A Deny piace questo elemento.
  10. Hug

    Hug Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Le aziende fornitrici dovrebbero creare un database dei morosi, di modo che uno che fugge da un fornitore non possa avere un allaccio da un altro fornitore ignaro del furto perpetrato ai danni del fornitore di provenienza. Si tratterebbe pertanto di un database alimentato dai fornitori che non sono stati pagati e disponibile per tutti i fornitori (di gas, luce, acqua).
    Con i mezzi informatici di oggi è banale. Sarebbe una tabella a tre campi:
    campo 1: codice fiscale del moroso,
    campo 2: entità della morosità,
    campo 3: fornitore che lo segnala.
     
    A Deny piace questo elemento.
  11. Deny

    Deny Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Forse non ci siamo capiti. I tempi tecnici per riattivare il contatore gas possono essere lunghi. Esempio, il 24 agosto il gas viene staccato. All'Enel mi hanno detto che il 29 agosto l'inquilina può già fare un contratto nuovo (non subito perché la pratica deve essere prima caricata). Il 29 agosto stipula il contratto, ma essendo un periodo a cavallo del mese, il tecnico esce il 6 o il 7 settembre per riaprire il contatore. Sono le tempistiche che mi hanno prospettato all'Enel e all'A2A. In questo modo l'inquilina rimane senza gas per ben 2 settimane.....
    L'inquilina che non ne ha colpa, non vuole pagare l'affitto per le 2 settimane nelle quali non avrà gas. E' corretto? Il proprietario deve accettare di non essere pagato? In fondo non è colpa nè dell'inquilina nè del proprietario.
    Spero di essermi spiegato bene questa volta ))
     
  12. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    @Deny, la tua domanda è chiara.
    Ti si può rispondere citando l'art. 1575 Cod.Civ. che stabilisce i doveri del locatore:
    Art. 1575 codice civile - Obbligazioni principali del locatore - Brocardi.it
    Il "pacifico godimento" della casa locata è impedito dalla mancata erogazione del gas.
    Ma in quale misura? La casa non è proprio abitabile o c'è solo un disagio che grava sull'inquilino pur non impedendogli di abitarvi?
    Temo che se non trovate un accordo dovrete rivolgervi al giudice. E probabilmente il costo (e i tempi) di una pratica legale supera di molto lo sconto chiesto dall'inquilino.

    Tutto ciò non toglie che, a mio parere, il comportamento posto in atto da Enel non sia corretto, come scritto dalle persone intervenute su questo argomento.
     
    A Deny piace questo elemento.
  13. Deny

    Deny Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Perfetto. La casa è abitabile, ristrutturata, bella, arredata, c'è luce e acqua, c'è tutto quello che occorre, mancherà solo il gas per 2 settimane circa. Del giudice non se ne parla, volevo semplicemente avere le vostre opinioni su quale sia la cosa corretta non solo dal punto di vista legale, ma anche umano. Ho proposto all'inquilina di fare lo sconto del 50% sull'affitto per il periodo in cui mancherà il gas, ma lei insiste di non pagare proprio niente (pur abitando nell'appartamento) nel periodo della mancanza del gas. In pratica se il gas non ci sarà per 2 settimane, lei mi pagherà non 400 euro mensili come da contratto, ma solo 200 euro. A me sembra più corretta la mia proposta (sconto 50%) perché comunque ci abita e usufruisce dell'appartamento anche se non c'è gas!
     
  14. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Concordo con te.
    La tua mi sembra una proposta ragionevole.
    Supponendo che il riscaldamento sia autonomo a gas, in questo periodo non serve; a meno che la casa di cui parliamo si trovi in alta montagna!
    Quindi il disagio consiste nel non poter cucinare (ma l'inquilina può usare un fornetto elettrico) e nella mancanza di acqua calda, giusto?
     
    A colpam piace questo elemento.
  15. Deny

    Deny Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sì, giusto
     
  16. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non avere l'acqua calda è sicuramente un disagio. Anche durante l'estate per molte persone, me compresa, è molto sgradevole dover fare la doccia fredda!
    Però l'appartamento è comunque abitabile e la tua proposta mi pare equa. Speriamo venga accettata.
     
    A colpam piace questo elemento.
  17. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi spiace per l'inquilina, ma deve pagrare per l'intero il canone, altrimenti diventa morosa a sua volta. Avrebbe dovuto attivarsi lei per tempo pr fare le necessarie volture. Il proprietario in questo caso non c'entra e non deve entrare in un rapporto che riguarda esclusivamente l'inquilina e la compagnia di servizi, che non si può opporre alla richiesta di subentro\voltura
     
  18. Hug

    Hug Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Il proprietario ha dato in locazione un immobile. Finché l'immobile non è adatto all'uso l'inquilino non solo non è tenuto a pagare, ma ha anche diritto ad un risarcimento danni.
     
  19. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Come puoi affermare che l'inquilina non si sia attivata in tempo?!?
    Normalmente un inquilino prima stipula il contratto di locazione col proprietario, e dopo si occupa delle volture delle utenze. Infatti i fornitori di gas e energia elettrica chiedono i dati catastali dell'immobile, che l'inquilino conosce solo dopo aver stipulato il contratto.

    Da come è stato descritto il caso in oggetto, pare che l'Enel avrebbe comunque impedito la voltura a causa della morosità lasciata dall'utente precedente.
    A me sembra che l'attuale inquilina non abbia alcuna colpa. Anche se avesse chiesto all'Enel la voltura il giorno stesso in cui ha stipulato il contratto di locazione, l'Enel avrebbe rifiutato (come spiegato nel post n. #6).
     
  20. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    chiedi all'inquilina di cambiare fornitore
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina