• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

enrico7

Membro Attivo
Dunque probema, c'è un contratto locazione concordato 3+2, che il 28 Febbraio 2020, dopo i primi 3 anni doveva essere rinnovato per 2 anni, il conduttore ha chiesto a dicembre di poter andare via entro fine Aprile (due mesi dopo la prima scadenza dei 3 anni), in effetti ha avvertito soltanto 4 mesi prima, ma siccome è stato corretto l'ho hanno voluto accontentare...
Supponiamo che se ne vada il 28 Aprile 2020.
Ora fiscalmente online sul sito Agenzia entrate devono:
1) lasciare scadere il contratto del 28 Febbraio (fu registrato inizialmente per 3 anni da prorogare poi con gli adempimenti successivi) e mettere i mesi di marzo e Aprile nel prossimo 730.
2) Oppure fare a marzo 2020 la proroga di 2 mesi con adempimenti successivi RLI?
Saluti


Messaggi: 15 | Punti: 225 | Utente da
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Se l'inquilino non va via entro la scadenza del triennio (28/02/2020) occorre comunicare la proroga biennale all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI.
Quando il conduttore rilascerà l'immobile (il 28/04/2020 o in data successiva) si dovrà comunicare, sempre col mod. RLI, la risoluzione anticipata.

Se il contratto è in cedolare secca non occorre pagare l'imposta di registro né quella di risoluzione.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Se l'inquilino non va via entro la scadenza del triennio (28/02/2020) occorre comunicare la proroga biennale all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI.
Quando il conduttore rilascerà l'immobile (il 28/04/2020 o in data successiva) si dovrà comunicare, sempre col mod. RLI, la risoluzione anticipata.

Se il contratto è in cedolare secca non occorre pagare l'imposta di registro né quella di risoluzione.
Concordo.
 

enrico7

Membro Attivo
posso fare la proroga per soli 2 mesi invece che per due anni dato che hanno scritto che se ne vanno entro il 28/4/2020?
Oppure posso lasciare scadere il contratto il 28 febbraio (anche se il preavviso che mi diedero era di solo 4 mesi invece che 6) e intascare e dichiarare l'affitto dei due mesi come indennità di occupazione?
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
posso fare la proroga per soli 2 mesi invece che per due anni
No.
La proroga è necessariamente di 2 anni.

posso lasciare scadere il contratto il 28 febbraio (anche se il preavviso che mi diedero era di solo 4 mesi invece che 6) e intascare e dichiarare l'affitto dei due mesi come indennità di occupazione?
Lo potresti fare se la disdetta del conduttore recasse come data di rilascio 28/02/2020.
E se, malgrado ciò, occuperà ancora l'immobile dopo tale data pagando appunto l'indennità di occupazione.
Ma hai scritto che la data di risoluzione indicata dal conduttore è 28/04/2020.

Non capisco qual è il tuo problema, e non hai specificato se quel contratto di locazione è in cedolare secca oppure in regime IRPEF ordinario.
Perché non vuoi fare la proroga e successivamente la risoluzione anticipata nella data in cui l'inquilino effettivamente andrà via?
 

enrico7

Membro Attivo
Si il conduttore ha scritto entro il 27/4/2020 (ed io ho accettato via email) il contratto è in cedolare, non volevo fare troppi adempimenti burocratici proroga di 2 anni e chiusura dopo due mesi.... l'Agenzia delle Entrate cosa vuol vedere in caso di chiusura anticipata del contratto?
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
il contratto è in cedolare, non volevo fare troppi adempimenti burocratici
Se il contratto è in cedolare secca tu e l'inquilino non dovete pagare nulla!
Facendo la proroga biennale non si paga l'imposta di registro.
Facendo successivamente la risoluzione anticipata non si paga l'imposta di risoluzione.

Non sono "troppi" adempimenti burocratici, soltanto due: una proroga e una risoluzione.

l'Agenzia delle Entrate cosa vuol vedere in caso di chiusura anticipata del contratto?
L'Agenzia non chiede alcuna documentazione.
Dovrai solo presentare il mod. RLI compilato per risoluzione anticipata.
Lo presenti in forma cartacea agli sportelli, oppure fai la pratica telematicamente se hai le credenziali per operare con Fisconline.

Ricordati che in entrambi i casi (proroga e successiva risoluzione anticipata) il mod. RLI deve essere presentato entro 30 gg. dalla data in cui si verifica l'evento.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
il conduttore ha scritto entro il 27/4/2020 (ed io ho accettato via email)
Prima di presentare il mod. RLI per la risoluzione anticipata, aspetta che il conduttore abbia rilasciato l'appartamento.
Potrebbe capitare che, malgrado abbia scritto nella disdetta "entro il 27/4/2020", stia nell'appartamento ancora un po' di tempo. Ovviamente continuando a pagare il canone di locazione.
La data di risoluzione sarà quella del verbale di rilascio e restituzione chiavi. Entro 30 gg. da quella data dovrai presentare il mod. RLI all'Agenzia delle Entrate.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno a tutti, sono proprietaria di un locale commerciale categoria C1 - 87 mq, mi hanno proposto di venderlo con un contratto Rent to buy oppure con un contratto preliminare di compravendita con consegna anticipata. Non avendo nessuna conoscenza di tali procedure, ringrazio chiunque possa informazione sulla diversità dei due contratti e suggerimenti utili da tener presenti per non incorrere in fregature.
Buongiorno,sono unica proprietaria di un immobile,ho una mamma di ottanta anni e due figlie che vivono con me,sono divorziata. Vorrei sapere, nel caso in cui dovessi mancare prima di mia mamma,la casa a chi andrebbe?
grazie.
Alto