1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Mikaakim

    Mikaakim Nuovo Iscritto

    Tempo fa mi ero imbattuto in un articolo che sosteneva che una clausola nel contratto di locazione ad uso commerciale che prevedesse il periodico aggiornamento dei prezzi (oltre alla clausola che recepisce le variazioni ISTAT) doveva considerarsi legittima, a differenza che nella locazione ad uso abitativo.

    Qualcuno potrebbe gentilmente fornirmi riferimenti in materia?

    Grazie
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    L. 392/78 :
    Art.32. (Aggiornamento del canone). Le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore per eventuali variazioni del potere di acquisto della lira. Le variazioni in aumento del canone non possono essere superiori al 75 per cento di quelle, accertate dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche ai contratti di locazione stagionale.

    Per le locazioni abitative l' adeguamento può essere del 100 % della variazione del costo della vita registrata dall' Istat. :daccordo:
     
  3. Mariangela Morelli

    Mariangela Morelli Membro dello Staff

    Se nel contratto ad uso commerciale è previsto un aumento di canone scalare ed ADEGUATAMENTE GIUSTIFICATO (AD ESEMPIO UN CANONE INFERIORE PER I PRIMI TEMPI PER ANDARE INCONTRO ALL'AVVIAMENTO DI UN NUOVO NEGOZIO) ciò è perfettamente legittimo PURCHE' sia espressamente previsto nel contratto:
    Ad esempio per i primi due anni l'affitto di un negozio è di 500 euro mensili e poi dal 3^ anno passa a 600.:fiore:
     
    A mavi di noia piace questo elemento.
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non sono un legale, ma l'esperienza mi insegna che una ipotesi di canone commerciale a scaglioni, possa essere facilmente impugnabile, il che non vuol dire che sarà sicuramente impugnato. Ha ragione Mariangela, che si possono fare delle forme di applicazione scalare, ma attenzione, per mia modesta esperienza direi:
    A) Solo per motivazioni molto concrete, bene "causa l'avviamento iniziale", in considerazioni a "lavori edili che hanno disturbato il passaggio di accesso al negozio", "lavori sul selciato cittadino che hanno deviato il flusso pedonale":
    B) Se si intraprende tale strada si deve congeniare un contratto fatto come l'esempio che segue: Canone mensile di € 2.000,00 ovvero annuale di €*24.000,00 con scadenza ecc..... Per il primo anno si riconoscerà uno sconto causa........ di €*500,00 mensili ovvero per un canone annuo di €*18.000,00 sino al..., per il secondo anno uno sconto di €*300,00 mensile ovvero per un canone di €*20.400,00 sino al....
    Attenzione che alcuni Uffici del Registro, non accettano la tassa sul canone effettivamente corrisposto, ma quello di riferimento non scontato. Capisco che è follia, ma nonostante il Sole 24 ORE mi abbia dato ragione l'Uff. di registro di Udine non accetta.
     
    A mavi di noia piace questo elemento.
  5. Marco Costa

    Marco Costa Membro dello Staff

    Anche quelli in Piemonte per il calcolo della tassa di registro 1% considerano il canone annuale a regime e non quelli scontati
    Saluti Marco
     
  6. Mikaakim

    Mikaakim Nuovo Iscritto

    Grazie a chi ha voluto intervenire.
    Se invece volessi vendere l'immobile in corso di locazione, tale vendita potrebbe essere causa legittima di recesso del locatore?
     
  7. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Assolutamente no, il contratto proseguirebbe normalmente.
    Attenzione al diritto di prelazione del conduttore.
    Legge 392/78 :
    Art.38. (Diritto di prelazione). Nel caso in cui il locatore intenda trasferire a titolo oneroso l'immobile locato, deve darne comunicazione al conduttore con atto notificato a mezzo di ufficiale giudiziario. Nella comunicazione devono essere indicati il corrispettivo, da quantificare in ogni caso in denaro, le altre condizioni alle quali la compravendita dovrebbe essere conclusa e l'invito ad esercitare o meno il diritto di prelazione. Il conduttore deve esercitare il diritto di prelazione entro il termine di sessanta giorni dalla ricezione della comunicazione, con atto notificato al proprietario a mezzo di ufficiale giudiziario, offrendo condizioni uguali a quelle comunicategli . Ove il diritto di prelazione sia esercitato, il versamento del prezzo di acquisto, salvo diversa condizione indicata nella comunicazione del locatore, deve essere effettuato entro il termine di trenta giorni decorrenti dal sessantesimo giorno successivo a quello dell'avvenuta notificazione della comunicazione da parte del proprietario, contestualmente alla stipulazione del contratto di compravendita o del contratto preliminare. Nel caso in cui l'immobile risulti locato a più persone, la comunicazione di cui al primo comma deve essere effettuata a ciascuna di esse. Il diritto di prelazione può essere esercitato congiuntamente da tutti i conduttori, ovvero, qualora taluno vi rinunci, dai rimanenti o dal rimanente conduttore. L'avente titolo che, entro trenta giorni dalla notificazione di cui al primo comma, non abbia comunicato agli altri aventi diritto la sua intenzione di avvalersi della prelazione, si considera avere rinunciato alla prelazione medesima. Le norme del presente articolo non si applicano nelle ipotesi previste dall'articolo 732 del codice civile, per le quali la prelazione opera a favore dei coeredi, e nella ipotesi di trasferimento effettuato a favore del coniuge o dei parenti entro il secondo grado.

    :daccordo:
     
  8. Mikaakim

    Mikaakim Nuovo Iscritto

    Grazie Marco

    forse il mio errore deriva dal fatto che per le locazioni ad uso abitativo la vendita è in qualche modo causa legitima di recesso?
     
  9. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Anche nelle locazioni abitative la vendita non determina risoluzione anticipata del contratto.
    Sempre dalla L. 392/78 :
    Art.7. (Clausola di scioglimento in caso di alienazione). È nulla la clausola che prevede la risoluzione del contratto in caso di alienazione della cosa locata.

    :daccordo:
     
  10. Mikaakim

    Mikaakim Nuovo Iscritto

    Ma rimane pur sempre la facoltà di diniego del rinnovo del contratto alla prima scadenza ex art. 3 comma 1 lett. g), giusto?
    In questo caso non mi è chiara l'intenzione e il risvolto pratico della condizione cui è sottoposta tale facoltà: "...e non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abitativo...". Come dovrebbe leggersi questa norma?
     
  11. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Tu fai riferimento alla Legge 431/98 :
    Art. 3.
    (Disdetta del contratto da parte del locatore).
    1. Alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 1 dell'articolo 2 e alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 3 del medesimo articolo, il locatore può avvalersi della facoltà di diniego del rinnovo del contratto, dandone comunicazione al conduttore con preavviso di almeno sei mesi, per i seguenti motivi:
    g) quando il locatore intenda vendere l'immobile a terzi e non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abitativo oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione. In tal caso al conduttore è riconosciuto il diritto di prelazione, da esercitare con le modalità di cui agli articoli 38 e 39 della legge 27 luglio 1978, n. 392.

    La interpreto che se un locatore che ha affittato parte del suo appartamento/casa intende vendere può non rinnovare il contratto, al termine del primo quadriennio riconoscendo contemporaneamente il diritto di prelazione all' inquilino.
    :daccordo:
     
  12. Marco Costa

    Marco Costa Membro dello Staff

    a proposito della 1a risposta a firma MIDEALISTA mi sento di aggiungere che l'adeguamento ISTAT massimo per locazioni commerciali puo' essere anche del 100% della variazione accerata dall'ISTAT in caso il contratto di locazione commerciale sia di durata uguale o maggiore di 7+7 anni , questo per esperienza diretta durante la contrattazione di un contratto con un supermercato
    Saluti Marco
     
  13. giannigiliola

    giannigiliola Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    è possibile aumentare il canone delle locazioni iad uso commerciale anche al 100% però il periodo di affitto deve diventare 7+6 per magior chiarimenti rivolgersi all' AIPI di bologna:sorrisone:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina