1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    ciao a tutti ho un quesito da porvi...
    come potete vedere dall'immagine allegata

    [​IMG]

    mi è stato chiesto di verificare la possibilità di edificare sul lotto in oggetto, si tratta di un lotto che confina su due lati con delle case su uno con la strada e su di un altro con un lotto libero. Tutta l'area è zona F però nel corso degli anni molti hanno costrutito abusivamente e poi hanno condonato... ora il proprietario del lotto si chiede se il suo lotto è intercluso e quindi se può edificare... ora la mia domanda è come faccio ad interrogare il Comune sulla questione affinchè mi dia una risposta?

    spero di essere stato chiaro e poco ampolloso....

    grazie a tutti
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non riesco a visualizzare l' immagine... :daccordo:
     
  3. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    [​IMG]

    eccola....
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  5. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    zona F.jpg

    ho allegato l'immagine speriamo bene....
    grazie
     
  6. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    OK ;)
    :daccordo:
     
  7. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    A mio avviso il lotto non è intercluso poiché, come tu stesso scrivi, confina con un lotto inedificato. Se anche quel lotto fosse del medesimo proprietario, tramite una riunificazione delle particelle, si potrebbe sostenere la tesi del lotto intercluso e quindi edificabile senza ulteriori norme legislative (piani particolareggiati e/o piani attuativi).
     
    A gcava piace questo elemento.
  8. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    no i proprietari sono diversi.... purtroppo.....
    il fattto è che il proprietario del lotto in questione trova ingiusto che oggi il suo terreno sia indeficabile ma circondato da abitazioni... anche se costruite abusivamente......

    gli toccherà digerire la cosa.....

    grazie
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    potrebbe diventare un parco a verde o un piano di completamento di area:daccordo:
     
  10. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    Come vi ho accennato l'intera area era sottoposta al vincolo di zona F (attrezzature) questo vincolo è stato negli anni infranto dall'abusivismo poi legalizzato con il condono, l'ultima variante al piano è del 1996 in cui il vincolo è stato riproposto ma dal 1996 ad oggi non vi sono state più varianti quindi quel voncolo passati i 5 anni può ritenersi decaduto?
    E se fosse così quella è una zona bianca?

    grazie :occhi_al_cielo:
     
  11. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    In teoria, ossia facendo ricorso al Tribunale, si potrebbe sostenere che, essendo trascorsi più dei dieci anni che è la durata dei vecchi piani di attuazione, il vincolo sia decaduto. Questo però non significa automaticamente che il terreno, in mancanza di un qualsiasi strumento di previsione urbanistica specifico, sia diventato edificabile.
     
  12. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    sono daccordo!

    grazie
     
  13. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    Ciao a tutti vi pongo una nuova domanda in merito all'argomento in oggetto.
    Se il mio cliente decidesse di acquistare il lotto adiacente alla sua proprietà e facesse poi una fusione come detto in precedenza potremmo parlare di lotto intercluso.
    Ma a quel punto chi stabilisce l'indice per la volumetria edificabile?:occhi_al_cielo:
     
  14. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    prima di dire stabilire l'indice di edificabilità bisogna vedere se è edificabile, una visura all'ufficio tecnico e al pgt del comune con le norme attuative si vede la destinazione del lotto, questi sono i documenti che stabiliscono l'edificabilità di un lotto di terreno:daccordo:
     
  15. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    Attualmente entrambi i lotti ricadono in zona F quindi non edificabili, il cliente vuole acquistare l'intero lotto affinchè definito intercluso possa decadere il vincolo di indeficabilità, in virtù del fatto che è l’unica area a non essere stata ancora edificata
    che si trova in una zona integralmente interessata da costruzioni e dotata di tutte le opere di urbanizzazione (primarie e secondarie), previste dagli strumenti urbanistici.
     
  16. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    forse non mi sono spiegato bene, se la zona è così appetitosa come dici, ed è un fondo intercluso, e che la zona è molto edificata, non sarebbe in prevalenza una zona a verde pubblico?:daccordo:

    Aggiunto dopo 1 :

    io ci starèi attento ad avvicinarmi a quest'area per un speculazione, proprio perchè a fondo intercluso.
     
  17. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    Mi sembra attualmente l'unica possibilità, naturalmente, una volta acquistato, bisognerà anche unificare catastalmente i due lotti, per sicurezza e far valere maggiormente la regola del lotto intercluso.
     
  18. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    e dopo ottenuto che il lotto è intercluso non è detto che si possa edificare?:daccordo:
     
  19. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    Giusta la prudenza di adimecasa, perciò trascrivo qui da Legislazione tecnica (http://www.legislazionetecnica.it/dett_giuris.asp?id_giuris=225&err_code=NOCK):

    22/06/2010


    Con la recente sentenza n. 3699 del 10/06/2010 il Consiglio di Stato ha fornito il proprio orientamento sui requisiti per il rilascio del permesso di costruire per un �lotto intercluso�, senza l�approvazione dello strumento urbanistico attuativo previsto dalle NTA del PRG.

    Ai sensi dell�art. 9 del D.P.R. 380/2001 costituisce regola generale ed imperativa, in materia di governo del territorio, il rispetto delle previsioni del PRG che impongano, per una determinata zona, la pianificazione di dettaglio. Tali prescrizioni, di solito contenute nelle NTA, sono vincolanti e idonee ad inibire l�intervento diretto costruttivo.
    A fronte di tale principio fondamentale e dei suoi corollari, la prassi giurisprudenziale ha coniato una deroga eccezionale, dagli incerti confini, in presenza di una peculiare situazione di fatto che ha preso il nome di �lotto intercluso�. Tale fattispecie si realizza, secondo una preferibile rigorosa impostazione, allorquando l�area edificabile di propriet� del richiedente:

    sia l�unica a non essere stata ancora edificata;
    si trovi in una zona integralmente interessata da costruzioni;
    sia dotata di tutte le opere di urbanizzazione (primarie e secondarie), previste dagli strumenti urbanistici;
    sia valorizzata da un progetto edilizio del tutto conforme al PRG.

    In sintesi si consente l�intervento costruttivo diretto purch� si accerti la sussistenza di una situazione di fatto perfettamente corrispondente a quella derivante dall�attuazione del piano esecutivo, allo scopo di evitare defatiganti attese per il privato ed inutili dispendi di attivit� procedimentale per l�ente pubblico.

    Stante la natura eccezionale della regola sopra illustrata la Corte ha chiarito che ai fini del rilascio di un permesso di costruire per un �lotto intercluso�, senza l�approvazione dello strumento urbanistico attuativo previsto dalle NTA del PRG, occorre in ogni caso:

    una valutazione circa la congruit� del grado di urbanizzazione della zona, rimessa alla valutazione discrezionale ed esclusiva del Comune;
    una completa istruttoria volta ad accertare che la pianificazione esecutiva non conservi una qualche utile funzione, anche in relazione a situazioni di degrado che possano recuperare margini di efficienza abitativa, riordino e completamento razionale, ovvero non sia in grado di esprimere scelte programmatorie distinte rispetto a quelle contenute nel PRG.
    Saluti
     
  20. cicciof80

    cicciof80 Nuovo Iscritto

    grazie a tutti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina