1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    rieccomi sempre con la solita guerra. mio padre, in vita, mi ha donato la sua quota di appartamento. sottolineo che era spostao in divisione di beni. mia madre ci ha lasciato 30 anni fa e ora pur di sbattermi fuori di casa contesta anche la donazione per potere vendere e dare i soldi al convivente. puo farlo? quanto puo durare una contestazione di tale causa. sottlineo che la sig.a ha guasi 80 anni
     
  2. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se tuo padre ti ha donato la sua quota disponibile mi sa che c'è poco da contestare però non dici se i tuoi erano divorziati, separati o separati di fatto.
     
  3. erwan

    erwan Membro Attivo

    non è chiaro: in che data è mancato il padre? al momento della sua morte il matrimonio era ancora valido?
     
  4. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    NO ...non puo' levarti ,in ogni caso, la parte detta "di legittima"....mi meraviglia molto l'agire di una madre in tal senso ma...ne ho viste anche di peggio...in ogni caso tieni duro..non puo' fare nulla !
     
  5. erwan

    erwan Membro Attivo

    immagino che sia esattamente il contrario: la madre sta cioé sostenendo che donazione alla figlia ha leso la propria di legittima...
     
  6. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    ERW : Sì...ma anche in questo caso ....non potra' vendere e donare il tutto al "compagno" !
     
  7. erwan

    erwan Membro Attivo

    vendere può sicuramente vendere;
    e quanto al denaro non servirebbe una donazione: potrebbe semplicemente spenderlo o prelevarlo poco a poco...
     
  8. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aspetta sulla riva del fiume..........come il pescatore cinese. 80 anni sono sempre 80 anni......
     
  9. erwan

    erwan Membro Attivo

    sarebbe appunto la madre a non voler aspettare...
     
  10. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    primo: perdere tempo. in tutti i modi possibili. tua madre reclama la sua parte di legittima della quota di tuo padre? bene. la chieda al giudice. tu poi vai da un legale che metta ben in luce il comportamento di tua madre, il tuo abbandono etc etc e sopratutto perda tempo. la natura farà il resto e tu erediterai almeno la quota di legittima di tua madre. a quel punto si spera che il tipo, auspicabilmente non giovanissimo, non ricominci da capo.
     
    A piace questo elemento.
  11. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    liquidare la sua meta

    adesso siamo in trattative di liquidare la sua meta. spero di riuscire a trattare anche se continua ad alzare la quota.almeno se la compro dopo tutto il resto lo fará la natura. a me basta che ritorni la serenita. anche il mio legale dice di perdere tempo e l unica consolazione che l altro ´un convivente a cui non spetta nulla. anzi potrei rompere le scatole io e se dovesse succedere qualcosa contestare i conti comuni
     
  12. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    in quanto alle domande: purtroppo erano spsoati perche non sono mai riusciti a trovare una conclusione ragionevole. in piu la sig.a anche se vivevono separati da 30 anni prende la pensione (questa è l italia). se riesco a comperare la sua meta anche se si mette a contestare (penso che un suo legale vedrebbe anche la dolce etá di 77 anni). una quota ritornerebbe a me quindi .... ovviamente con l aggravarsi di tutto il resto. comunque é vero c'e di peggio.
     
  13. erwan

    erwan Membro Attivo

    per legge no, ma per testamento?
    non hai ancora risposto a questa: in che data è mancato il padre?
     
  14. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    mancato

    papè morto un anno e mezzo fa e a quanto pare si puo contestare fino a 10 anni dopo la morte. peró avendo anche io delle cose da tirare un po per le lunghe una causa cosi dura minimo 10 anni e chissa che la natura faccia la sua strada. in quanto a testamento papá possedeva mezzo appartamento che ha intestato prima di morire a me. non aveva piu nulla solo una misera pensione
     
  15. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    il mio legale dice di liquidarla con il meno possibile e diciamo che é scesa notevolmente di prezzo. morale o non morale (dopo tutto quello che è stato chiedermi anche soldi) ,il legale giustamente dice che una causa costa e molto e purtroppo la meta è sua e non si discute. magari presi i soldi si toglie dai piedi. io lo spero
     
  16. erwan

    erwan Membro Attivo

    parlavo del testamento della madre: se inizia la causa e viene a mancare ma il convivente è indicato con un testamento come successore universale la causa, per la quota che gli compete, continua con quello o con gli eredi suoi

    mi pare ovvio che i soldi non vengono dati se non firma un compromesso con cui rinuncia definitivamente alla sue pretese.

    ma sono sicuro che tutte queste cose deve averle già spiegate il suo legale!
     
  17. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    testamento nullo

    se intesta tutto al convivente il testamento é nullo perche ho diritti legali anche io. idem sui conti correnti che loro due hanno in comune. in questo caso ci si puo mettere d accordo è un dare e un avere. ma visto che con quel individuo voglio averci a che fare il meno possibile
     
  18. erwan

    erwan Membro Attivo

    no, non è nullo, ma solo impugnabile per ottenere almeno la quota di legittima;
    ma può benissimo darsi che tale quota nel testamento sia prevista, così da evitare riduzioni, e per il resto il convivente sia comunque validamente successore universale (ereditando così anche i diritti eventualmente in causa)
     
  19. millyb

    millyb Nuovo Iscritto

    calcolando che ha 63 anni anche

    il convivente .... ne vedremo delle belle. sperando solo che presi i soldi non ropano piu. in ogni caso liquidata la sua meta anche se contesta l altra la maggioranza resta sempre a me
     
  20. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se questa casa era in conproprietà al 50% e non vi è sentenza di divorzio penso, ma saranno gli esperti del forum a correggermi, che tuo padre donandoti interamente il suo 50% abbia leso la quota legittima di tua madre.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina