1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ACTARUS

    ACTARUS Membro Attivo

    Buongiorno, vorremmo revocare un amministratore (di cui non possiamo purtroppo provare la disonestà). Siamo in tanti, molti affittano (e si disinteressano) e temo che si possa difficilmente arrivare al 50+1. Ho letto pareri contrastanti, che occorre il 500+1 dei millesimi, e altri che si limitano ad un terzo. Poichè lui farà sicuramente opposizione (è un condominio grosso e ricco per lui ...) vorremo fare le cose per bene. Qualcuno potrebbe esserre così gentile da darci un parere assoluto?
    Grazie in anticipo a chi vorrà rispondermi.
     
  2. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  3. ACTARUS

    ACTARUS Membro Attivo

    Grazie della cortese risposta; leggo quindi che occorrono in seconda 500+1 millesimi per revocare l'amministratore. Sarà dura allora...
    Cordialmente.
     
  4. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Se non ci sono le prove della disonestà perché lo volete revocare?
     
  5. ACTARUS

    ACTARUS Membro Attivo

    Tra l'essere sicuri che gonfia le fatture anche notevolmente, o finge lavori inesistenti, e riuscire a dimostrarlo, con testimonianze, perizie e controperizie, in tribunale per anni ...
    Un conto è conoscere le cose, un conto è provarlo.
     
  6. ACTARUS

    ACTARUS Membro Attivo

    Non so se mi sono spiegato bene; se ci fossero le prove certe e documentate lo denunceremmo, non ci limiteremmo a sostituirlo. Poi ci sono anche altri motivi per la nostra insoddisfazione.
     
  7. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Se c'è un preventivo approvato, come fa a gonfiare una fattura?
     
  8. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Jac e dagli una mano non metterlo in crisi se si trattano di lavori "Urgenti" o lavori di piccola normale manutenzione? dai Jac non fare l'ingenuo
     
  9. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    L’art. 1136, quarto comma, c.c. ci dice che per la nomina dell’amministratore sono necessari i quorum di cui al secondo comma dello stesso articolo, vale a dire maggioranza degli intervenuti all’assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi (la metà del valore dell'edificio).

    Fonte: L’amministratore del condominio: nomina, conferma e revoca
    (www.StudioCataldi.it)
    percui non servono 501 millesimi ma la maggioranza di 501 e cioè 251

    Per far partecipare almeno i 501 millesimi fai come ho fatto io.
    Scrivi a tutti i condomini che se a causa del loro assenteismo non si potesse procedere alla nomina di un amministratore, la legge ora consente ad un singolo condomino di rivolgersi al giudice senza nemmeno aver bisogno dell'assistenza di un legale e chiedere la nomina di un amm.re da parte del giudice. Aggiungerai che non vengano poi a lamentarsi con te se l'ammre cosi nominato gli costerà di più e gli farà vedere i sorci verdi.
    Vedrai che verranno
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Eh? Con 251/1000 non si fa assolutamente nulla.
    Il comma 2 dell'art. 1136 c.c. recita:
    "Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio".
     
  11. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    No Sergio ha ragione Nemesis infatti allego un piccolo elenco
     

    Files Allegati:

  12. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Riforma del condominio: più facile nomina e revoca dell'amministratore
    Articolo di Donato Palombella 19.09.2013
    [​IMG]La riforma del condominio è entrata in vigore da pochi mesi e già i riflettori si accendono su alcune disposizioni poco chiare o di dubbia interpretazione; del resto la legislazione italiana lascia aperti ampi spazi di manovra alle interpretazioni più disparate e questo non è certamente un caso isolato. Parliamo, in questa occasione, delle maggioranze previste dall'articolo 1136 c.c. per la nomina (o la revoca) dell'amministratore di condominio. La norma presta in fianco ad una duplice interpretazione per cui occorrerà attendere le pronunce giurisprudenziali che (ci si augura) chiariscano i dubbi interpretativi.

    Prima ipotesi: quorum unici per prima e seconda convocazione

    Per la nomina e la revoca dell'amministratore sarebbe necessaria la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi. A tale conclusione si giunge fermandosi ad una interpretazione strettamente letterale e più tradizionale dell'articolo 1136 c.c., che mette in stretta correlazione il quarto comma con il secondo comma. In tale prospettiva "Le deliberazioni che hanno per oggetto la nomina e la revoca dell'amministratore.... devono essere approvate con la maggioranza stabilita dal secondo comma.". Il secondo comma, a sua volta, stabilisce che "Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio." Se questa interpretazione dovesse prevalere, la riforma non avrebbe introdotto alcuna modifica sostanziale nella materia.

    Seconda ipotesi: in seconda convocazione i quorum sono più permissivi

    Volendo dare una interpretazione più organica delle norme viste nel loro complesso e lette in armonia con i principi ispiratori della riforma che, come sappiamo, mira ad agevolare il raggiungimento delle decisioni assembleari, evitando inutili situazioni di stallo, si giunge ad una diversa conclusione. Secondo una diversa interpretazione del dettato normativo, i quorum richiesti per la nomina o la revoca dell'amministratore cambiano in funzione che la decisione venga assunta in prima o in seconda convocazione.

    In tale prospettiva, il richiamo contenuto nel quarto comma dell'articolo 1136 c.c. farebbe riferimento solo all'assemblea di prima convocazione; in tale ipotesi, i quorum sarebbero dettati dal combinato disposto del primo e secondo comma dell'articolo 1136 c.c. per cui l'assemblea per la nomina/revoca dell'amministratore sarebbe valida “con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio”.

    Come ben sappiamo, peraltro, nelle assemblee condominiali è difficile che una decisione (specie su un tema tanto delicato) venga presa in prima convocazione vuoi perché non si raggiunge il numero legale per la sua costituzione, vuoi per la difficoltà di formare una maggioranza per cui, di norma, l'organo deliberativo raggiungere una decisione in seconda convocazione. A questo punto, ci si chiede se, anche in seconda convocazione, valgano i quorum stabiliti dal primo e secondo comma ovvero se, per favorire l'assunzione della decisione, siano richiesti quorum più permissivi.

    Per rispondere a questo interrogativo, occorre fare riferimento all'articolo 1136, comma 3, che, a proposito delle assemblee di seconda convocazione, stabilisce "Se l'assemblea in prima convocazione non può deliberare per mancanza di numero legale, l'assemblea in seconda convocazione..... è valida se approvata dalla maggioranza degli intervenuti con un numero di voti che rappresenti almeno un terzo del valore dell'edificio."

    In questo caso, quindi, per le assemblee di seconda convocazione, sarebbero previsti dei quorum più semplici da raggiungere e, conseguentemente, la relativa delibera potrebbe essere assunta con il voto favorevole di un numero di voti che rappresenti solo 1/3 del valore dell'edificio.



    In sostanza, volendo stabilire i quorum deliberativi, necessari alla nomina/revoca dell'amministratore, bisognerebbe introdurre una scriminante distinguendo due ipotesi:

    a) nel caso in cui l'assemblea riesca a deliberare in prima convocazione (caso più unico che raro) sarebbe applicabile il secondo comma (ovvero i 500 millesimi);
    b) nel caso in cui l'assemblea si riunisca in seconda convocazione (come normalmente avviene), troverebbe applicazione il terzo comma (ovvero un terzo del valore dell'edificio).

    Tale interpretazione sembrerebbe più corretta per una serie di motivi:

    a) le assemblee di prima convocazione vengono (volutamente) convocate in orari impossibili e le decisioni vengono assunte sempre in seconda convocazione;
    b) il Legislatore della riforma ha cercato di snellire le decisioni ed imporre dei quorum elevati renderebbe più difficile il raggiungimento delle maggioranze prescritte;
    c) non prevedere quorum differenziati per la prima e seconda convocazione avrebbe poco senso;
    d) nel caso in cui non fosse possibile raggiungere la maggioranza prevista dal secondo comma (500 millesimi) il condominio rimarrebbe paralizzato e s
    arebbe necessario il ricorso all'autorità giudiziaria per la nomina di un amministratore giudiziario.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Che conferma che con 251/1000 non si va da nessuna parte.
     
  14. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Hai ragione.
    Adesso ti chiedo un favore. Il 28 di questo mese abbiamo l'assemblea in seconda convocazione per la nomina del nuovo amminstratore
    Siamo 100 condomini
    Se raggiungiamo una presenza ( fisica o per delega ) di 501 millesimi quanti voti deve avere il candidato per essere eletto ?
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se si aderisse alla tesi di Palombella che hai riportato, i voti della maggioranza degli intervenuti e che rappresentano almeno un terzo del valore dell'edificio. Sempre che gli intervenuti siano almeno un terzo dei partecipanti al condominio, altrimenti l'assemblea in seconda convocazione non sarebbe regolarmente costituita.
     
  16. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    ma io ti ho chiesto quello che pensi/sai tu
     
  17. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Siete 100 condòmini. Allora per la nomina dell'amministratore occorrono e bastano 501 millesimi e la maggioranza degli intervenuti (intervenuti che devono, in seconda convocazione, essere almeno 100/3, ossia 34), come recita l'art. 1136 c.c. Quindi per la nomina dell'amministratore non si va né sotto 501 millesimi né sotto 17 teste.
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Eh? La maggioranza o è quella del comma 2 oppure quella del comma 3 dell'art. 1136 c.c. Non una "miscela" di quanto prevedono i due commi.
    17 teste? Ma quando mai!
     
  19. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Tu critichi sempre gli altri ma non dài mai una tua risposta semplice, comprensibile.
     
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Questo è un forum di discussione. Non un "servizio quesiti". Quindi se vuoi partecipare alla "discussione", accetta le critiche alle tue castronerie. Altrimenti, astieniti.
    La risposta, semplice, è quella contenuta nelle norme. Basta leggerle (o saperle leggere, senza "mescolarle"). In ogni caso, un terzo di 100 non fa 17.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina