1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pieroalbino

    pieroalbino Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    in un condominio di oltre 200 appartamenti allacciato al teleriscaldamento in torino che maggioranza serve per inserire le valvole termostatiche ai termosifoni con relativo contacalore consumato ?
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nessuna maggioranza in quanto è norma di Legge con obbligo di adempimento entro il 31/12/2016.

    Al limite la solita maggioranza (50%+1 votanti con 500 millesimi) potrà decidere con quel ditta...ma per l'installazione è "pacifico" che dobbiate provvedere.
     
  3. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anch'io avrei un problema simile, visto da un altro lato. Se per teleriscaldamento
    s'intende quello a terra (nei pavimenti) allora io da inquilino al 5° piano su dieci
    di un complesso di 180 alloggi suddivisi in sei scale patisco la mancanza di regolatori singoli per ottenere la riduzione dei gradi che raggiungendo di notte anche i 24-25 gradi mi rendono l'aria irrespirabile...Con l'amministratore sordo
    alla richiesta di intervento autoritario sul "fuochista" probabilmente interessato
    a mantenere il consumo di gas metano ( o altro...)...Quindi, ti chiedo: anche
    per questo complesso scatterà l'obbligo di termovalvole? E come potranno essere installate se in fase costruttiva non fu previsto un sistema di allacciamenti
    finalizzato a tale "bisogna" ??? Puoi aggiungere qualcosa alla precedente risposta?
    Grazie. qpq.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    No.
    S'intende il servizio con il quale una società terza anzichè fornire un combustibile (metano, gasolio o altro) ti fornisce direttamente il "calore".

    L'obbligo di provvedere, negli impianti "condominiali" all'installazione sia di sistemi di termoregolazione "locale" che di sistemi di misurazione sui consumi dei singoli proprietari vale per tutte le tipologie di impianto "centralizzato" indipendentemente dalla presenza di "generatori" (caldaie, pompe di calore etc etc) in loco o del tipo di combustibile.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Difficile dare un risposta tecnica senza visionare in loco il vostro impianto...ma se quasi 2.000 anni fà sono riusciti a costrure Venezia sull'acqua...direi che oggi non si possano campare scuse.
     
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie...proverò a telefonare a sua eccellenza il ministro Amministratore che
    non Kkkkca il proprietario, figuriamoci un inquilino come quiproquo.
     
  7. viola22

    viola22 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti e grazie a chi potrà e vorrà darmi delle indicazioni . Mi inserisco in questa discussione perché ne ho viste diverse e questa sui millesimi e' quella che più si avvicina al mio problema. Sono nuova del forum. Arrivo al dunque .Come in molte cita anche a Torino a breve scadrà il temine per le valvole , l'amministratore non ha ancora convocato l'assemblea ma alcuni proprietari hanno chiesto che porti dei preventivi per i lavori, stiamo aspettando di vedere i conti. Nel mentre mi e'sorto questo dubbio perché avete scritto che per legge si deve ottemperare , salvo poter discutere su chi scegliere per fare i lavori ... ipotizzo che per assurdo L'Assemblea non deliberi e rinvii , Chi e' invece a priori favorevole alla installazione può far scrivere nel verbale che in caso di sanzione per mancato rispetto della legge il condominio non può rivalersi Su quei condomini che invece volevano installare le valvole? Altro dubbio: se i condomini hanno dei debiti anteriori con il fornitore del calore ( da noi Iren) prima di passare alla contabilizzazione con termovalvole il condominio deve estinguere il debito di chi ad oggi non ha pagato il riscaldamento ? Spero di essere stata chiara. Grazie anticipatamente. Viola
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    No. Nesusn vlauore una simile voce nel verbale. Le responsabilità e le rivalse saranno da perseguire per Legge.

    No.
    Comunque i morosi vanno "aggrediti" con DI o se ne comunichi nominativo ed insoluto al fornitore.
     
  9. viola22

    viola22 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Il decreto ingiuntivo però nel ns caso lo farebbe il gestore del teleriscaldamento direttamente al moroso e al condominio in solido. Purtroppo ogni famiglia riceve il bollettino del riscaldamento direttamente dal gestore e non si passa dall'amministratore, che tra l'altro dice di ignorare a quante migliaia di euro ammonta il debito dei morosi... Il problema a quanto pare e che se non si estingue quel debito prima non si passa alla contabilizzazione . non so perché il fornitore sia silente...grazie per la risposta!
     
  10. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non è così "semplice".
    Bisogna capire come è contrattualizzata la fornitura:

    -se il gestore ha fatto un unico contratto con il Condominio...prima deve rivalersi sul "moroso" ...gli altri condòmini diventano solidali solo se i morosi non hanno proprietà (nullatenenti o falliti).

    -se esistono tanti contratti per ogni singolo condòmino...allora mai potrà chiedere che gli altri si facciano carico delle morosità.
     
    A viola22 piace questo elemento.
  11. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @viola22: Non so quali vincoli impiantistici presenti il vostro impianto. Ma la contabilizzazione e ripartizione sono una cosa, i debiti sulle forniture passate sono un'altra.

    Il vostro erogatore potrà anche farvi pressione condizionando un intervento al saldo delle fatture precedenti: ma non siete obbligati a far installare il sistema di contabilizzazione dal medesimo fornitore di calore. Anzi, per la verità credo di ricordare che formalmente il fornitore di servizio energia, non può essere il medesimo che cura la manutenzione: difatti solitamente gli enti di teleriscaldamento operano con due società magari gemelle ma distinte: una per l'erogazione, l'altra per l'impiantistica.
     
    A viola22 piace questo elemento.
  12. viola22

    viola22 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Non sono molto ferrata in argomento ma se ho capito bene iren (che nel mio caso offre il servizio di teleriscaldamento su Torino ) non può o non potrebbe "ricattare" il condominio chiedendo l'adempimento dei debiti pregressi prima di passare al c.d. bollettone unico intestato al condominio? Ok invece sulla possibilità di far fare i lavori sull'impianto ad una ditta diversa estranea alla società di teleriscaldamento. Grazie mille!!!
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La bolleta può essere anche divisa in quanto Iren si presta a calcolare i rispettivi consumi...è il "contratto" che però farà testo in caso di chiamata a pagare al posto dei "morosi" (da cui non sia più possibile recuperare).

    Dovresti sapere se tu hai firmato direttamente un contratto con Iren o se è il Condominio ad averlo fatto.
     
    A viola22 piace questo elemento.
  14. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Alla tua domanda ha risposto Dimaraz.
    Ma per curiosità, perchè prevedi Iren passerà a questo bollettone unico?
    Oggi dici che Iren si presta a suddividere gli importi tra i condomini: non ancora a fronte di una contabilizzazione del calore, ma già suddivide in base ai millesimi o mc delle vostre tabelle. Qual è il motivo per cui abbandonerebbe questo approccio? E' una ipotesi o ve lo ha già annunciato?
     
  15. viola22

    viola22 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buon giorno ! La notizia E' stata comunicata dall'amministratore in assemblea :" per passare alla contabilizzazione con termovalvole si devono estinguere i debiti pregressi del teleriscaldamento e se i singoli morosi non pagano (già sappiamo che sara' così...le rispettive case sono state vendute all'asta dal tribunale per debiti molto più consistenti di quelli con noi) iren vorrà quei soldi dal condominio" . quindi ,da come l'amminostratore parlava, sembrava condizione imprescindibile pagare noi per loro. oggi vorrei chiamare iren al n. Verde, chissà se mi confermano questa informazione. Dopo aver messo le valvole invece sarà l'amministratore a versare a iren e a fare decreti ingiuntivi con chi non paga...(ma ormai furboni non ve ne sono più )
     
  16. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Di questo non avevi fatto menzione.

    Nessun dubbio che IREN pretenderà da voi il pagamento...salvo che fossero tutti contratti "personali" firmati ciascuno per proprio conto.

    Non hai nemmeno spiegato se avete già sottocontatori o come abbiate fatto per determinare la suddivisione dei costi e se l'impianto di riscaldamento sia a sviluppo orrizzontale o verticale.

    In ogni caso non è IREN che decide se e che tipo di contabiizzatori/ripartitori e termovalvole...ma la maggioranza che può decidere di far eseguire il lavoro alla ditta che preferisce.
    IREN non è proprietaria dell'impianto condominiale ma semplice fornitore.
     
    A viola22 piace questo elemento.
  17. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il fatto nuovo è la vendita all'asta degli alloggi dei morosi.
    In questi casi quali obblighi ricadrebbero sugli acquirenti/assegnatari in merito ai debiti relativi alle due annualita pregresse?
     
  18. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chiarimento: già vendute ...oppure messe in vendita???

    Nel primo caso vi sarebbe un nuovo proprietario e i debiti spettano solo a lui.
     
  19. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo non oltre quelli dell'anno in corso e anno precedente. Salvo che con l'acquisto in asta vigano regole diverse.
     
  20. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    L'aquirente è "solidale" per l'esercizio in corso e quello precedente.

    I debiti oltre i 5 anni sono prescritti.

    Dubito che un fornitore attenda oltre 6 mesi di insoluti senza intraprendere azione o chiusura della fornitura.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina