• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

uva

Membro Senior
#1
Da una ventina d'anni ho una pen pal in Germania: una signora, oggi settantenne, con la quale mi tengo regolarmente in contatto tramite lettere cartacee.
E' una tipa un po' estrosa. Scrive su carta decorata con collage di foto ritagliate da riviste e suoi disegni. Ha l'abitudine di decorare anche le buste, che risultano poco leggibili dai portalettere (almeno da quelli italiani, non so quelli tedeschi) perché il nome del destinatario, indirizzo e francobolli sono scritti e incollati a caso.
Il mio postino mi ha più volte avvisata che se continua così le lettere verranno cestinate anche perché non riconoscibili dalle macchine che selezionano automaticamente la posta.
L'ho riferito alla mia "amica di penna" che si è offesa! Ha partecipato ad alcune mostre all'estero con sue buste gelosamente conservate dai suoi corrispondenti (io le cestinavo ma ora le tengo, se lei diventa famosa magari mi trovo con un piccolo tesoro artistico!) e non vuole rinunciare alla sua creatività.
Quindi continua a spedirmi queste buste incasinate e io temo che non mi vengano più recapitate. Nel qual caso tutto finirà nel nulla: di lei non ho né l'indirizzo di posta elettronica (non usa internet) né il telefono. Solo un indirizzo a cui spedire le mie lettere, dove però pare che non abiti stabilmente. Non l'ho mai conosciuta di persona e probabilmente mai la conoscerò, però mi ci sono affezionata e mi dispiacerebbe perderla!
Secondo voi chi ha ragione: la mail artist che decora le buste o il servizio postale che potrebbe cestinarle?

Ecco la foto fronte/retro di una busta (le righe nere sono il mio nome, cognome, indirizzo che ho cancellato per privacy)
 

Allegati

Gianco

Membro Storico
#3
Certamente la scritta su una busta bianca o di color pastello è immediatamente individuata e leggibile, se il nome e l'indirizzo viene messo fra le pieghe di una gonna può sfuggire e se non c'è neanche il mittente, è l'occasione buona che l'addetto in periodo di ferie, non abbia la pazienza di dilungarsi nella ricerca.
 
Piaciuto: uva

Franci63

Membro Assiduo
#5
Per salvare capra e cavoli, potresti spiegarle che tu apprezzi molto le sue buste, ma che non sono conformi alle regole delle poste italiane.
Poi le puoi suggerire di usare un’altra busta bianca “normale” su cui scrivere il tuo indirizzo, e infilare in essa le sue missive, comprensive di buste creative.
 
Piaciuto: uva

griz

Membro Senior
#6
dal punto di vista collezionistico la busta affrancata e timbrata ha un valore diverso dalla busta semplicemente decorata, dal punto di vista pratico il suggerimento di Franci potrebbe essere un'idea
 
Piaciuto: uva

uva

Membro Senior
#7
conformi alle regole delle poste italiane.
Mi sono improvvisata anch'io mail artist, però osservando le regole di Poste Italiane. Destinatario e mittente ben leggibili, spazio libero in alto a destra per incollare l'affrancatura dell'ufficio postale (dove mi guardano come se fossi un po' strana, ma accettano le lettere e le affrancano).
Domani spedisco questa:
 

Allegati

Gianco

Membro Storico
#9
L'arte e la fantasia oltre che il buon gusto uno lo deve avere nel sangue. Complimenti per la simpatica trovata ed entrambe le artiste!!
 
Piaciuto: uva

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

moralista ha scritto sul profilo di robertomarte.
Auguri per il compleanno, conserva la delibera dell'assemblea, e in caso di infrazione potresti incolpare i dissenzienti
Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
Alto