1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, vorrei porre un quesito: nel 2013 abbiamo affittato il piano terra della nostra villetta, al primo piano abitiamo noi, l'impianto di riscaldamento è centralizzato.
    Prima di affittare abbiamo fatto inserire nell'appartamento tre caloriferi, che sono andati ad aggiungersi ai due già esistenti.
    L'inverno 2013 tutto bene, la bolletta è stata divisa in due, in quanto gli appartamenti hanno la stessa superficie, una parte pagata da noi e l'altra dagli inquilini.
    L'inverno scorso il conduttore si lamenta dicendo che in una camera e nel bagno fa freddo: noi provvediamo facendo sostituire i caloriferi esistenti con altri con un maggior potere calorico, calcolato sulla cubatura dei locali interessati. Dopo la sostituzione tutto bene.
    Quest'anno il conduttore mi informa a fine novembre che i caloriferi ( i tre aggiunti) si scaldano appena.
    Noi facciamo intervenire un primo tecnico che ci dice che una pompa è bruciata , un secondo tecnico invece interviene sull'impianto elettrico perchè dice che le pompe sono a posto.
    Il conduttore continua a lamentarsi del freddo, intanto arriva la prima bolletta da dividere e lui dice che ne dobbiamo parlare, perchè nel frattempo per ovviare alla mancanza di calore, ha dovuto acquistare una stufetta a petrolio, che ha già comprato diverse taniche e che costano tanto.
    L'ultimo tecnico uscito in questi giorni dice che lui non intende mettere mano al lavoro fatto da altri, perchè l'impianto dei caloriferi aggiunti è stato fatto male e così non potranno mai scaldarsi (come mai però prima si scaldavano regolarmente?). Noi pensavamo di fare uno sconto al conduttore sulla sua parte di bolletta di circa il 40%; potrebbe essere equo? Inoltre credo che vorrà il risarcimento del costo sostenuto per l'acquisto della stufa e di quello per l'acquisto delle taniche...cosa mi compete?
    Ringrazio anticipatamente chi mi potrà dare consigli in merito
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Difficile darle una risposta. Non vi sono parametri fissi a cui poter far riferimento. Troppe variabili.
    Spetta a lei trovare un accordo con il suo inquilino, tenendo presente che:
    - lei, in virtù della pigione ricevuta, è tenuto a garantire il servizio promesso (riscaldamento)
    - l'inquilino non deve essere danneggiato in alcun modo da problemi che interessino la proprietà
    Quindi:
    - faccia un calcolo realistico delle spese sostenute dal suo inquilino per riscaldarsi quali il gasolio utilizzato ed il costo per l'acquisto della stufa (che però le andrà consegnata visto che lei la pagherà - salvo altro accordo)
    - dalla spesa annua di riscaldamento dovuta dal suo inquilino, detragga quanto su calcolato.
     
  3. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sì infatti ci siamo accordati per la detrazione del costo del gasolio dalla loro parte di bolletta relativa ai consumi metano.
    Per la stufa invece dicono che intendono tenerla e quindi non la pagheremo.
    Grazie ancora
     
  4. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Viene tolta regolarmente l'aria dal circuito dell'impianto? Ci sono i jolly?
     
  5. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sì l'aria viene tolta, sia tramite lo sfiato che c'è sul solaio, perchè i vecchi caloriferi non hanno la valvola, sia tramite i jolly sui nuovi....
    L'ultimo tecnico mi ha detto che i tubi che collegano i nuovi caloriferi hanno un diametro troppo piccolo e che l'acqua ci mette tanto a riempirli, non so sono abbastanza abbattuta anche perchè dovrei far rifare il lavoro e pagare una seconda volta la spesa, circa 200 a calorifero...
     
  6. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Caso mai ci mette poco, non tanto! Metti meno tempo a riempire una bottiglia di mezzo litro che di un litro!
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Riempire i caloriferi, non i tubi!
     
  8. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    sì infatti, non mi sono spiegata bene, il tecnico dice che mentre i vecchi caloriferi sono alimentati tramite tubi di un diametro superiore e l'acqua li riempie e li scalda velocemente, quelli nuovi prima che si riempiano ci vuole una vita, visto che il tubo che porta l'acqua ha un diametro piccolo, però il primo anno, subito dopo l'installazione dei tre nuovi questo problema non c'era e lui non mi ha saputo dare una spiegazione
     
  9. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    I caloriferi sono tubi in senso lato. E poi il tempo di riempimento al massimo è grande nel transitorio idraulico, non a regime!
     
  10. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Per me questo è arabo....
    in ogni caso avendo risolto la parte legale della questione non dovrei spostare la discussione nell'area tecnica?
     
  11. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    No, non è neanche fisica, è buon senso. Una volta che un circuito è pieno d'acqua, esso funziona scambiando il calore (grazie ai corpi scaldanti, ai caloriferi) normalmente.
     
  12. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Arabo per quanto riguarda transitorio idraulico nel senso che non so cosa voglia dire...
    Ma allora nell'impianto il problema dove sta, o forse non c'e' nessun problema e stanno solo tentando di risparmiare sulla loro parte di bolletta? E i tecnici che dicono che l'impianto dei tre nuovi caloriferi e' sbagliato e giustificano la scarsa resa con il diametro troppo piccolo dei tubi, devo pensare che approfittino delle lamentele degli inquilini per interesse? L'altro giorno sono scesa per verificare di persona e i caloriferi incriminati guarda caso erano caldi, ma loro hanno giustificato la cosa dicendo che quando la caldaia va da tante ore allora siscaldano
     
  13. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
  14. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Diametro piccolo vuol dire perdite di carico elevate. Se non si possono mettere tubi con diametri più grande si può, se possibile, mettere una pompa di ricircolo con prestazioni maggiori, ossia una pompa che dia la prevalenza adeguata (maggiore) alle perdite di carico nel circuito.
     
  15. virgi

    virgi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ho capito, grazie del consiglio, domani verrà un nuovo tecnico a dare un'occhiata e sentiro' se sia possibile applicare una o l'altra soluzione...grazie ancora
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina