1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. dario rota

    dario rota Ospite

    Salve a tutti,ho letto con attenzione diversi argomenti simili in questo forum ma non trovo una soluzione attuale al mio che espongo brevemente:Sono in fase di separazione consensuale e con la mia ex moglie abbiamo un immobile (ex casa coniugale) acquistato nel novembre 2007 e dove tutt'ora ci abito solo io in quanto la mia ex ha comprato nel 2010 un'altro appartamento in un altro comune e dove ha trasferito la residenza con nostra figlia di cui abbiamo affidamento congiunto.Siamo in regime di separazione dei beni,il mutuo e' cointestato ma lo pago solo io,la nuova casa della mia ex deve ancora rogitare in quanto non vuole comprarla come seconda casa ma non troviamo un accordo sul suo 50% della casa coniugale.Lei vuole troppi soldi(oltre al fatto che necessita'della liberatoria della banca dal primo mutuo cointestato per aprire un nuovo mutuo!!!...ma non cede..):l'immobile vale 110000 e ci sono 77000 euro di mutuo residuo.Lei ne vuole 40000,ovviamente non e' una cifra equa.Ho provato il mediatore civile ma piuttosto che scendere di prezzo esige di vendere la casa coniugale(ricavandone meno di 20000 euro a testa!!!!!!!).Insomma il mio quesito e' il seguente:in sede di separazione con omologa tra due mesi la mia ex puo' obbligarmi a vendere la casa coniugale?Che via puo' intraprendere il giudice considerato che la mia ex guadagna il doppio di me e che gia' possiede(anche se ancora non ha rogitato per sua convenienza...)una casa?Avendo io pagato sempre il mutuo per entrambi possono obbligarmi a rimanere senza un tetto sopra la testa?O il giudice vedendo il valore periziato della casa coniugale puo' imporre un prezzo del 50% dell'immobile?Insomma ho paura di non riuscire a tenermi la casa dove mia figlia e' nata e di dovermene andare perdendoci un sacco di soldi.Vi ringrazio in anticipo anche solo per la pazienza di aver letto tutto.
     
    A possessore piace questo elemento.
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La soluzione per non perdere la casa sembra ovvia: la vampira vuole 40.000 Euro, se ce li hai daglieli, e toglietela dalle scatole per sempre, restando nella casa coniugale.

    Lo so che è poco equo, che il mutuo l'hai pagato tu, eccetera, ma è proprio per questo che lei ti ha chiesto 40mila euro: lei preferisce vendere la casa coniugale, e chiedendoti un prezzo alto sta cercando di convincerti.

    A volte il valore affettivo che può avere una casa (magari regalata da una nonna che ora non c'è più) supera di gran lunga i 40mila euro che la vampira ti chiede, quindi ti conviene darglieli.

    Però gioca bene le tue carte, se vede che sei disposto a darle 40mila euro potrebbe alzare la posta e chiederne 50mila o addirittura 60mila.
     
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perchè non provi a suggerirle di acquistare entrambi la quota di quella casa per vostra figlia? in questo modo tu dai a tua figlia 20000 euro e lei altrettanti, la quota è della figlia e lei ha ottenuto di poter rogitare come prima casa. Chissà magari...
     
  4. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ottimo suggerimento, ma temo che al punto in cui sono, nessuno dei due è disposto a scendere a compromessi o a cambiare idea.
     
  5. dario rota

    dario rota Ospite

    Vi ringrazio per i vostri suggerimenti ma da profano vi chiedo una delucidazione:la mia ex ha comprato la sua casa prima che passassero i 5 anni dall'acquisto della prima casa.Il suo appartamento deve pagarlo 340000,quindi se non si 'libera' della casa coniugale rischia non gli diano il mutuo(ha versato solo 100000 euro di caparra) in quanto gia' cointestata su quello della casa coniugale ed in piu' non rischia di pagare tasse in piu' rogitano come seconda casa?Insomma da ignorante in materia non dovrebbe essere lei a perderci economicamente?E' vero che la casa coniugale e' quella dove sono nato e vorrei tenerla ma vale solo 110000 e a venderla e togliendo il mutuo residuo rimarrebbero meno di 20000 euro a testa!!!Carissimi se non cedo sui soldi potrebbero obbligare la mia ex ad accettare i soldi come da perizia o obbligheranno me a vendere anche la mia quota e quindi ci perdiamo entrambi altri soldi?Non sono avaro,sia chiaro,ma sono due anni che mi sta' svenando tutti i miei risparmi e proprio di piu' non ne ho.Siete stati gentilissimi nella vostra risposta,GRAZIE!!!!!Buon ferragosto.....io lavoro...mi tocca.
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    potrebbero costringerti a vendere la casa all'asta ma potresti anche comprarla tu all'asta.
     
    A dario rota piace questo elemento.
  7. dario rota

    dario rota Ospite

    Arianna26 a questo non avevo mai pensato:mi hai sollevato un poco il morale......ottimo suggerimento!Grazie,sei stata utilissima!
     
  8. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Lietissima di esserti stata d'aiuto!

    Buon ferragosto
     
    A e possessore piace questo messaggio.
  9. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    1) Se la tua ex fa il rogito come seconda casa, pagherà il 10% di IVA anziché il 4%, quindi ci rimette eccome;

    2) Se la tua ex non si libera del mutuo cointestato con te (ma che hai pagato sempre tu, come ci racconti), difficilmente le concederanno un altro mutuo;

    3) In realtà la tua ex dovrebbe con urgenza estinguere la sua quota di mutuo sulla casa che tu vorresti tenere, dovrebbe essere questo il suo primo pensiero, evidentemente non le hanno ancora raccontato dell'IVA al 10% (seconda casa) anziché al 4% (prima casa); una volta estinta la sua quota di mutuo, la tua ex dovrebbe velocemente cederti il suo 50% in modo da NON AVERE PIU' UNA PRIMA CASA, e a quel punto scatta l'IVA al 4% sulla nuova casa che la tua ex vuole acquistare, e in più le concedono il mutuo perché non ha altri mutui in essere (in quanto ha già provveduto ad estinguere quello cointestato con te).
     
    A dario rota piace questo elemento.
  10. dario rota

    dario rota Ospite

    ma allora il coltello dalla parte del manico ce l'ho io a conti fatti.Vi devo ringraziare di cuore per le vostre risposte,ora ho le idee piu' chiare!Grazie grazie grazie a tutti!speriamo nel buon senso comunque.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina