1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    Buongiorno,la mia inquilina non sta pagando le rate delle spese condominiali (a lei spettanti da contratto - riceve i MAV direttamente dall'Amministratore) Più precisamente è in debito di un totale di 805 euro per il mancato pagamento di 3 rate con la seguente scadenza: settembre 2010 - dicembre 2010 e marzo 2011.
    Anche l'anno scorso mi ha fatto sudare sette camicie perchè non rispondeva nemmeno alle mie mail/SMS in cui le chiedevo gentilmente di farmi avere un impegno scritto riguardo come/quando intendeva pagare il dovuto.
    Alla fine ho dovuto chiamarla e discutere per telefono. Quando chiamo adduce milla scuse (non stavo bene, problemi di liquidità, ecc, ecc) e quando le faccio presente che potrebbe ALMENO rispondere ai miei scritti e solleciti si scusa e dice che ho ragione (cioè: mi prende per i fondelli). Ha poi pagato un paio di rate soltanto e ora siamo alle solite: non risponde ad email ed SMS. Le ho mandato una RR dieci giorni fa ,a non mi è ancora tornata indietro la ricevuta di ritorno, quindi non si è nemmeno preoccupata di andare a ritirare la missiva in posta. Non so più cosa fare e, sinceramente, sono stufa di questa storia. Posso incaricare un legale che la stressi giorno e notte alle scadenze per dissuaderla da questa cattiva abitudine? Mi costerebbe molto?
    Altrimenti cos'altro posso fare?
    Grazie per il consiglio.
    Cordialmente
    C.B.
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ma nel pagare l'affitto è regolare?
     
  3. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    ciao Arianna. Si, l'affitto lo paga. In ritardo di ca 20gg (a fine mese anzichè all'inizio come sarebbe da contratto) ma fin'ora ha sempre pagato (BB automatico). Il problema sono le spese ordinarie. Le sono anche andata in contro togliendole la fidejussione perchè mi aveva detto che in questo modo avrebbe avuto più liquidità e meno problemi nei pagamenti. Tutt'ora le ho chiesto se ha problemi... mi sembra di essere molto disponibile. Ma nemmeno risponde!!!
     
  4. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    qualcuno mi risponde? :triste: Grazie....
     
  5. Donat27

    Donat27 Nuovo Iscritto

    ciao..
    ti dò un consiglio personale, imponi al conduttore il versamento della quota mensile del condominio unitamente al pagamento del pigione mensile ed occupatene tu del pagamento del condominio...lo sò è una scocciatura, ma alla fine ti garantisce la regolarità vs il condominio...non ricordo il riferimento legislativo esatto, ma in caso di morosità nel pagamento delle rate condominiali (che è a carico del conduttore) il Condominio può rifarsi sul proprietario dell'immobile...
     
    A CristinaX0X0 piace questo elemento.
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Alla prossima scadenza contrattuale calcola le spese ed inseriscile nel canone . tu sei certamente comprensiva e disponibile, lei certamente non lo merita.
     
    A CristinaX0X0 piace questo elemento.
  7. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    OK, grazie per il suggerimento! Però intanto che aspetto che scada il contratto? E' un 4+4... e lei è dentro dal gennaio 2009.
    Sigh...
     
  8. Donat27

    Donat27 Nuovo Iscritto

    Invia una lettera (racc.ta A/R) nella quale richiedi che, dal successivo pigione, il conduttore dovrà versare unitamente all'importo del canone anche quello del condominio e adducendo i motivi di questa nuova disposizione (mancato ripetuto pagamento delle quote condominiali) ...poi se non va a ritirare la racc.ta sono problemi suoi...in una eventuale sede legale tu - con questa racc.ta - ti sei messa a posto !!
     
    A CristinaX0X0 piace questo elemento.
  9. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    Grazie. Ho appena saputo dall'Amministratore che il 18 ha saldato una rata da 300 euro. Per cui ora è in debito di 500 euro (2 rate). Aspetto dopo Pasqua per vedere se risponde alla mia A/R e che intenzioni ha riguardo il saldo delle altre rate. Se non la sento farò come dici tu. Grazie per il consiglio.
     
  10. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non c'è dubbio che le spese condominiali le deve pagare il proprietario che poi le avrà dall'inquilino. Infatti in caso di morosità chi ne risponde è il proprietario. Normalmente nel contratto di affitto si inserisce una clausola che collega tra loro il pagamento del canone e quello delle spese condominiali, e nel caso che non venga pagato l'importo COMPLESSIVO si potrà intimare lo sfratto.
     
    A Jrogin e arianna26 piace questo messaggio.
  11. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Giustissima l'osservazione di GianfrancoElly.:applauso::daccordo:
    Nei confronti del condominio l'unico responsabile è il proprietario.
     
  12. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    Che il responsabile sono io lo so. Ma nel contratto c'eravamo accordate al fine che fosse lei a pagare le spese anche perchè, essendo tutto autonomo, variano a seconda dell'uso che l'inquilina fa di calore e acqua calda e non sono mai uguali.
    Ormai il contratto è stipulato in questo modo.
    Credo debba attendere la prima scadenza dei 4 anni per poterlo modificare. O no?

    Come ho scritto sopra l’amministratore mi ha informata che l’inquilina ha pagato una rata (299 euro) delle tre scadute. Ne restano da saldare due per un totale di 500 euro.
    La signora ha evidentemente ricevuto i miei innumerevoli solleciti ma non si è degnata di rispondermi per farmi sapere le sue intenzioni.
    Ha fatto così anche lo scorso anno. Paga un pò... mi dà il contentino e poi torna a fare i comodi suoi.

    Ho sentito un legale che mi ha consigliato di mandarle una diffida-sollecito (tramite avvocato).
    La diffida costa sui 50/60 euro ogni volta e mi ha detto e il costo può essere addebitato all’inquilina.
    Quando però ho chiesto a cosa va incontro la mia inquilina ricevendo la diffida da parte di un avvocato (se ad esempio risulterebbe per un futuro una cattiva pagatrice o altro, qualcosa che potesse nuocere alla sua immagine e convincerla a pagare) il legale mi ha detto di no.
    E allora scusate cosa cambia che la diffida la mandi il legale o che la mandi io?
    Solo che devo pagare?
    Perchè se già l’inquilina non paga ciò che dovrebbe, se le aggiungessi pure i costi del legale rischio di peggiorare solo le cose. Si sa che han sempre loro il coltello dalla parte del manico. Lo sa bene anche lei ed è per questo che se la prende comoda.
    Forse mi conviene sperare che, anche se a goccia a goccia e in ritardo, continui a pagare e far intervenire il legale solo se la situazione peggiorasse ulteriormente?
    Non so cosa mi convenga fare.

    Secondo voi sarebbe meglio passare tutto subito in mano al legale? Cosa ci ricavo? Solo il fatto che fa lui il mio lavoro?
    O la diffida del notaio ha qualche importanza a fine di altri scopi (futuro sfratto, ecc)?
    Grazie a chiunque potrà consigliarmi!!
    Buona Pasqua!
     
  13. Jakal

    Jakal Nuovo Iscritto

    Scusami Cristina ma le Tue ultime osservazioni mi sembrano un po' sconclusionate.
    Mi spiego, se Ti sei rivolta ad un legale vuol dire che è tua intenzione risolvere radicalmente il problema altrimenti continui tu a fare telefonate, inviare mail, sms e raccomandate.
    Se un inquilino è abitualmente moroso o in ritardo nel pagamento di canoni di locazione e/o spese condominiali la lettera dell'avvocato non lo condurrà certo sulla "retta via" ma gli potrà farà comprendere che non scherzi più e che la tua pazienza è terminata.
    Quindi essendo giustissima l'osservazione di GianfrancoElly in merito al fatto che lo sfratto possa essere intimato per morosità anche quando l'inquilino non paga le sole spese condominiali (dovresti averlo previsto nel contratto visto che hai previsto che le spese condominiali le deve pagare direttamente) la prossima volta procedi direttamente con lo sfratto. Vedrai che a quel punto o ti liberi definitivamente di un'inquilina che ti fa impazzire oppure l'inquilina avrà capito la lezione e sarà sicuramente rispettosa delle scadenze. Ti ricordo infatti che trattandosi di locazione ad uso abitativo l'inquilina ha la possibilità di sanare in giudizio la morosità ma dovrà anche rimborsarti le spese legali e quindi preferirà, per il futuro, pagare alle scadenze piuttosto che pagarti altre spese legali.
    In bocca al lupo. Jakal
     
    A Jrogin e CristinaX0X0 piace questo messaggio.
  14. santeurosia

    santeurosia Nuovo Iscritto

    Carissimi tutti e cara Cristina, sono anch'io nella tua stessa situazione, stesse modalità di comunicazione, tranne per le rate, sono di importo maggiore, circa 1600 euro e la situazione va avanti da un anno. A fine mese l'inquilino dovrebbe lasciare poichè ha acquistato una casa propria. Ringrazio tutti dei sugggerimenti e visto che oggi è Pasqua, aspettiamo il dopo, non si sa mai.....
    Un abbraccio e tanti auguri a tutti.
    P.S. Il prossimo contratto proporrò il canone mensile maggiorato delle spese condominiali, salvo conguaglio, e in più valuterò l'assicurazione legale, grazie ai vostri consigli.
     
    A CristinaX0X0 piace questo elemento.
  15. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    Grazie Jakal,
    si sono sconclusionate hai ragione... perchè sta qui mi tira scema!
    Ho solo paura che, visto che alla fine, anche se restando sempre in ritardo coi saldi, senza rispondermi, facendomi ammattire, ecc di solito un pò alla volta paga e che a me l'affitto serve per vivere... preferirei non dover ricorrere all'avvocato. L'affitto lo paga. Lo paga a fine mese anzichè all'inizio come dovrebbe da contratto ma lo paga.
    Se mi dici che lo sfratto è eseguibile anche solo per ritardi continui nei pagamenti delle spese ordinarie però posso provare. La mia paura è di spender soldi in avvocati, inimicarmi ancora di più l'inquilina e finire col prenderla in quel posto come purtroppo spesso succede ai proprietari visto che gira e rigira il coltello dalla parte del manico ce l'ha sempre e solo l'inquilino, anche se scorretto e maleducato!!!

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    santeurosia, sono solidale con te.
    Sai se le condizioni del contratto sono modificabili anche prima della scadenza? Potrei dire anch'io alla mia inquilina che se non salda le spese puntualmente gliele metto nel mensile? Lei può rifiutarsi di cambiare il contratto?
    Il mio problema è anche che le spese condominiali sono sempre diverse visto che dipendono dall'uso che fa dell'inquilina di riscaldamento e acqua calda (è tutto autonomo)... è per questo che avevamo deciso per contratto che alle spese avrebbe pensato direttamente lei. Auguri!
     
  16. CristinaX0X0

    CristinaX0X0 Nuovo Iscritto

    Jakal, ecco da dove arriva la mia confusione... da qualche parte avevo letto che si può intimare lo sfratto per mancato pagamento e/o ritardo di pagamento del canone e/o delle spese condominiali solo se la morosità è pari ad almeno 3 mensilità del canone d'affitto. Nel mio caso l'inquilina dovrebbe quindi essere in debito di 1.950 euro.
    Invece il suo debito si mantiene costante attorno agli 800/900 euro...
    Avevo anche chiesto all'avvocato se un suo intervento (solleciti-ingiunzioni di pagamento) macchierebbe eventualmente l'inquilina con una fama di "cattiva pagatrice" (se qualcuno volesse in futuro far controlli sul suo conto) ma mi ha risposto di no.
    A sto punto pagherei l'avvocato per fare i solleciti al posto mio, ma se la mia inquilina sapendo di avere il coltello dalla parte del manico, se ne sbattesse anche delle sue lettere io lo pagherei per niente poichè, se non si può intimarle lo sfratto, perchè la furbetta rimane sotto i 1.950 euro, a cosa serve l'intervento di un legale?
    Resta il fatto che l'Amministratore stressa me per i ritardi... e la mia inquilina non risponde e non mi fa sapere quando ha intenzione di saldare le rate scadute. Bastasse questo (mancate risposte e ritardi continui) per minacciare lo sfratto metterei subito la cosa in mano al legale... ma così come stanno le cose.... mi conviene?
    Qualcuno sa se sia possibile cambiare il contratto anche se non scaduto (aggiungendo le spese al canone d'affitto) e se l'inquilina può opporsi a questo cambiamento? Grazie per i consigli!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina