1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. morglar

    morglar Nuovo Iscritto

    ho inviato la seguente mail a parecchie associazioni di proprietari di immobili.
    Gradire conoscere anche il Vs. parere.

    Con la presente sono a richiedere informazioni riguardanti un caso presentatoci dal Ns. amministratore nella scorsa riunione ordinaria.
    Abito in un condominio formato da 6 unità, 3 con ingresso privato e giardino privato, 3 con ingresso comune e giardino formante condominio parziale.
    I confini dei relativi giardini sono percorsi da una siepe, piantata all’interno di ciascuna recinzione privata all’incirca 10 anni fa.
    Uno dei condomini, per dislocazione della sua abitazione che si affaccia sui garage in comune e per sua volontà di piantare siepi finte sugli altri lati, non possiede siepi che necessitano di manutenzione.
    Della potatura di tali siepi vive se n’è occupato sempre il relativo condomino in quanto ritenute di proprietà.
    Nell’ultima assemblea il Ns. amministratore ci ha comunicato l’esigenza di appaltare ad una ditta del settore non solo il taglio dell’erba e della manutenzione delle piante e della siepe all’interno del condominio parziale ma anche la manutenzione delle altre siepi nella parte della loro altezza e di ciò che si rivolge verso l’esterno dei confini del condominio.
    Ha portato a motivazione, il fatto che piantate tali siepi, le stesse sono divenute parte del condominio come decoro dello stabile e pertanto non alterabili, non eliminabili ma soggette a lavoro sommerso nel caso in cui le stesse vengano curate dai condomini, o da altri per conto degli stessi, e soggette a pesanti sanzioni a carico del condominio nel caso di infortuni.
    Non ha ben specificato la ripartizione della spesa di tali manutenzioni ma compreso nella ripartizione anche chi di siepi non ne ha.
    Sono pertanto a richiederVi se quanto asserito ha un qualche fondamento e come il condominio si deve comportare a fronte della ripartizione della spesa totale, se e come il proprietario di giardino singolo è tenuto alla stessa e se e come chi siepi non ne ha venga chiamato in causa.
    Sicuro di una Vs. celere ed esaustiva risposta, rimango a disposizioni per ogni altra comunicazione in merito.
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    L' amministratore è tenuto ad attivare i servizi comuni che sono deliberati dall' assemblea.

    Egli non ha il potere di attivare servizi per conto dei condòmini che non siano stati deliberati, a parte il caso si renda necessario eliminare la possibilità anche potenziale che accadano danni a persone e/o cose.

    La legge sulla prevenzione degli infortuni (sicurezza), si rivolge esclusivamente ai dipendenti.

    Se il condomìnio non ha dipendenti assunti, non è obbligato a rispettare le norme sulla sicurezza.

    Nel caso il condomìnio deliberi di svolgere la manutenzione delle siepi, comunque, la ripartizione di questa spesa è a carico di tutti i condòmini secondo le norme previste dalla legge (ossia anche a carico dei condomini che non hanno siepi davanti alle loro abitazioni private).
     
  3. morglar

    morglar Nuovo Iscritto

    grazie mille! risposta esaustiva.
    Avrei però un 'altra domanda. se il condominio decide di non seguire le norme sulla sicurezza e un condomino con giardino di rpoprietà ha un infortuno o lo crea agli altri, vengono coinvolti tutti i condomini o solo quello che stava tagliando la siepe?
     
  4. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Evidentemente non mi sono spiegato bene:

    Le norme sulla sicurezza del lavoro riguardano SOLO i dipendenti. In particolare è una norma generale che riguarda tutte le aziende (pertanto anche i condomìni).

    Se il condomìnio non ha dipendenti, dal punto di vista delle norme della sicurezza, non ci sono obblighi.

    Se, per esempio, un condòmino vuole cambiare una lampadina nel condominio utilizzando una pila di libri al posto della scala per arrivare al lampadario, e poi cade e si fa male, il condominio non può essere citato in giudizio perchè non si sono rispettate le norme sulla sicurezza, perchè se non ci sono dipendenti, le norme non sono applicabili.

    Spero di essermi spiegato più chiaramente.

    N.B. Con questo non voglio suggerire di usare le pile di libri al posto della scala (questo è solo un esempio per spiegarmi).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina