• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Ciao a tutti ho aperto tante discussione e vorrei creare un post unico cosi da poter essere utile ai lettori e fare chiarezza se qualcosa è stato frainteso approfondirlo qui.
Trattasi di manutenzione straordinaria di un appartamento a me intestato nel quale coabito con la mia compagna alias more uxorio.
Sarà lei a detrarre TUTTE le spese al 50% della manutenzione e le spese del bonus mobili al 50%; per non aver problemi mi aveva consigliato qualcuno di andare al comune e chiedere un certificato di stato di famiglia e di residenza cosi si evince che lei ha diritto a detrarre in quanto a titolo nell'immobile!
Ho dato incarico al mio tecnico geometra di aprire una CILA per inizio lavori di manutenzione straordinaria ed è stata depositata al comune abbiamo indicato che abbatteremo dei tramezzi e rifacimento bagno con sostituzione sanitari e impianti.
I lavori riguarderanno :
1)abbattere due muri e crearne uno nuovo e smantellamento vecchio pavimento e posa del nuovo.Le porte interne e impianto elettrico rimarrà quello esistente perchè in ottime condizioni. Questi lavori verranno eseguiti da me e non chiamerò nessuna ditta. Pago tutte le fatture dei materiali pavimenti,colle,cemento, tutte con bonifico e le porterò in detrazione come lavori in economia.
2)il bagno lo smantello e poi interviene una ditta di idraulica che rifarà tutto l'impianto nuovo cambiando tutti i tubi.I pezzi per il bagno li acquisto sempre io e poi l'idraulico Mi rilascerà fattura della manodopera eseguita e la dichiarazione di conformità che dovrò conservare. Ovviamente pagamento bonifico.

Fin qui avrò fattura idraulico, fattura materiali tutti con IVA al 22%.
I materiali verranno conferiti in discarica autorizzata e pagherò con bonifico e porto in detrazione l'importo.
Fin qui è tutto corretto?qualche dimenticanza?
Dovrò conservare:
fatture
ricevute bonifici
dichiarazione conformità impianto
copia cila
altro?
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Fattura idraulico leggendo tutte le guide ho capito che è al 2 2 l' IVA perché I materiali li acquisto io e non li fornisce la ditta. Per lda discarica ci vuole perché il.materiale di risulta lo devo buttare da qualche parte e il tecnico deve allegare la ricevuta che è stato smaltito in regola quindi credo vada scaricato anche questo costo. Per il resto sono ok o dimentico qualcosa?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ripeto: su tutti i lavori di manutenzione straordinaria IVA al 10% (a prescindere da uso del bonus fiscale).
Nel caso di lavori idraulici la manodopera è sempre al 10% anche se i materiali o i beni sono acquistati dal proprietario (ma paghi IVA al 22).

Ti avevo già spiegato le mie perplessità nel acquistare direttamente e far fare la posa ad una ditta.
Oltre a non godere di IVA agevolata sul bene (ammettiamo che pareggi il ricarico della ditta) ti esponi ai rischi (in caso di difetti) di rimpallo di responsabilità.
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
perdonami ma non avevo compreso questo passaggio al 100% . Pertanto la messa in posa della ditta va al 10% .I materiali li acquisto io per mia convenienza, perchè li prendo a prezzi di ingrosso da mio cugino!I Direi che fin qui ci siamo e non sto facendo errori. Vi chiedo intanto grazie a tutti e spero questa guida sia utile ad altri che ci leggono.
Vengo con un dubbio fresco fresco:
mi sono imbattuto in questo articolo molto ben scritto dove si fa riferimento al fatto che nella pratica edilizia cioè nella nostra cila che andiamo a presentare dovremmo specificare che le opere murarie saranno fatte in economia e l'impiantistica idraluca da ditta che rilascerà dichiarazione di conformità.

ricopio lo stralcio dell'articolo con il riferimento di legge:

A fronte di questa difficoltà è intervenuta laLegge 9 agosto 2013 n.98. Cito l'articolo 31: «in caso di lavori privati di manutenzione in edilizia realizzati senza ricorso a imprese direttamente in economia dal proprietario dell'immobile, non sussiste l'obbligo della richiesta del documento unico di regolarità contributiva (DURC) agli istituti o agli enti abilitati al rilascio».

Si parla di lavori privati di manutenzione in edilizia. Quindi sono da ritenersi realizzabili con fai da te lavori di manutenzione sia ordinaria che straordinaria. Sulla pratica edilizia da presentare in Comune (sempre se richiesta) si dovrà allora segnalare che i lavori saranno eseguiti in economia e che, ai sensi della Legge citata, non si è soggetti all'obbligo di presentazione del DURC.

Fonte:

Detrazioni 50% e 65% per lavori fai da te


Significa che dovevo fargli scrivere nella cila che l'abbattitura dei tramezzi sarà fatta in economia mi sembra un cavillo davvero! :triste:
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Quanto spiegato nell'articolo è per evitare "noie" in caso di controllo.
È un "consiglio" ...non una "norma".
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Quanto spiegato nell'articolo è per evitare "noie" in caso di controllo.
È un "consiglio" ...non una "norma".
bene!vabbè allora sto a posto.
L'unica noia che mi si prefigura è che qualcuno mi possa contestare che non rifaccio l'impianto elettrico,ma io abbattendo il muro dello sgabuzzino e ricavando una nuova stanza non devo variare nulla nell'impianto dove per altro ci sono già passati ottimi fili ed era stato rivisto una decina di anni fa dal precedente proprietario. Non ho nessuna certificazione dell'impianto elettrico ma se non devo toccarlo e di conseguenza detrarlo credi possa essere oggetto di problemi in caso di controlli o è una paranoia? partivo dal presupposto che se vedono che ho abbattuto muri..potrebbero dire embè e i fili lei non li ha ripassati? considera che non ne passo davvero ma non vorrei essere attaccabile su questo punto. ovviamente mi cambio le placchette mettendo quelle più carine ma non tocco nulla e soprattutto non detraggo le placchette per carità!DCosa ne pensate?
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Ok grazie resto in sospeso per lo scaldacqua a pompa di calore Im sostituzione di quello elettrico attuale, due aspiratori per bagno e cucina che monto ex novo, 3 condizionatori in sostut di quelli esistenti, porta blindata, tenda sole,porte interne scorrevoli a posto di quelle classiche.
Le guide dicono che:
1) le porte interne non si possono detrarre ma qualcuno mi pare abbia scritto che se sono scorrevoli si. Io non trovo riscontro di questo..
2) aspiratori bagno forse sono conplementi d' arredo e non si detraggono ma non so
3)porta blindata di classe 2, tenda sole,condizionatori,scaldacqua avevo pensato di detrarli al 65% con pratica enea ma temo che avendo una fattura per la porta, una per la tenda, una per condizionatori con I relativiti montaggi vado ad intaccare la necessità di avere un piano sicurezza perché se intervengono 2 o più ditte diventa obbligatorio. Su questo vi chiesto un enorme consiglio altrimenti detraggo I condizonatori al 50% cone grande elettrodomestici senza le spese del montaggio e basta.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Si ci confondiamo anche noi @golfsuper2000 con tutte queste discussioni che hai aperto, bastava aggiornare la solita.
Comunque non era solo il bagno come nell'ultima discussione ma immagino che i pavimenti li rifai in tutta la casa...e li fai tu! Occhio mi raccomando non è semplice la cosa!
Anch'io concordo con @Dimaraz che chiamare una ditta idraulica solo per la manodopera svincolata dalla posa ti potrebbe creare problemi per il rimpallo di responsabilità e avere fatture del 22% per la fornitura e 10% per la posa, il gioco non ne vale la candela.
Tutto dall'idraulico avresti detto il 10% con possibilità di chiedere il 50% di detrazione fiscale ed in più avere una persona responsabile su tutto!
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Si ci confondiamo anche noi @golfsuper2000 con tutte queste discussioni che hai aperto, bastava aggiornare la solita.
Comunque non era solo il bagno come nell'ultima discussione ma immagino che i pavimenti li rifai in tutta la casa...e li fai tu! Occhio mi raccomando non è semplice la cosa!
Anch'io concordo con @Dimaraz che chiamare una ditta idraulica solo per la manodopera svincolata dalla posa ti potrebbe creare problemi per il rimpallo di responsabilità e avere fatture del 22% per la fornitura e 10% per la posa, il gioco non ne vale la candela.
Tutto dall'idraulico avresti detto il 10% con possibilità di chiedere il 50% di detrazione fiscale ed in più avere una persona responsabile su tutto!
Escludiamo il discorso responsabilitá fattura materiali idraulica al 22 e posa in opera al 10. Non detraggo lo stesso il 50%?? Perdo solo l' IVA agevolata.

Ho aperto una discussione unica per evitare dispersioni di info.
Per il pavimento che problema devo avere per il fatto che lo metto in tutta la casa non ho capito
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Per il pavimento che problema devo avere per il fatto che lo metto in tutta la casa non ho capito
Che ti potrebbero contestare il lavoro visto che per qualche inspiegabile logica ritengono la sostituzione del rivestimento di un pavimento un'opera non di manutenzione straordinaria.
La detraibilità vale per il bagno visto che sei "costretto" a rifarlo per i cambiamenti ai tubi idraulici.
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Che ti potrebbero contestare il lavoro visto che per qualche inspiegabile logica ritengono la sostituzione del rivestimento di un pavimento un'opera non di manutenzione straordinaria.
La detraibilità vale per il bagno visto che sei "costretto" a rifarlo per i cambiamenti ai tubi idraulici.[/QUOTE
Se è cosi detraggo solo le mattonelle usate per il bagno, consigliate
 

golfsuper2000

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Questa legge sembra non porre problemi ai lavori eseguiti in economia come nel mio caso è da verificare se i tramezzi possono essere contestati .
la Legge 9 agosto 2013 n.98. Cito l'articolo 31: «in caso di lavori privati di manutenzione in edilizia realizzati senza ricorso a imprese direttamente in economia dal proprietario dell'immobile, non sussiste l'obbligo della richiesta del documento unico di regolarità contributiva (DURC) agli istituti o agli enti abilitati al rilascio».
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Sono @Gianco, sto cercando di collegarmi con un altro computer, ma non ci riesco. Potete mandarmi un messaggio che leggerò con l'altro computer. Grazie.
dove è il tasto invio per mandare il messaggio che ho scritto
Alto