1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sergioxcase

    sergioxcase Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Voglio mettere a norma l'impianto elettrico, con passaggio dei nuovi cavi, sostituzione di prese, interruttori, salvavita etc. etc. da quello che ho capito dalla nuova guida 2012 della agenzia delle Entrate dovrebbe essere necessario solamente farsi rilasciare apposita fattura, farsi rilasciare la dichiarazione di conformità, ed effettuare il pagamento per bonifico ... visto che non occorre più l'invio a Pescara della richiesta, che non credo serva la Dia o Scia e che non occorre la domanda all'ASL per quel tipo di lavoro... dico bene o sbaglio qualcosa ??? :occhi_al_cielo: Grazie di una Vs. risposta.
     
  2. rforte

    rforte Nuovo Iscritto

    Nel tuo caso si tratta di opere interne per le quali la normativa ammette la detrazione

    Se vai a pagina 10 della guida fiscale, trovi....

    Altre spese ammesse all’agevolazione
    Oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile
    considerare anche:
    ■ le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse
    ■ le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento
    le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi della legge 46/90 (impianti elettrici)
    e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71)
    ■ le spese per l’acquisto dei materiali
    ■ il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti
    ■ le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi


    Nella fattura devi far specificare bene il tipo di intervento. Fai attenzione che il pagamento deve essere fatto obbligatoriamente tramite bonifico, richiamando gli articoli di legge relativi alla detrazione IRPEF (è sufficiente che tu chieda alla banca di indicare il motivo del bonifico, oppure se lo fai online devi selezionare il tipo di bonifico con detrazione per RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA)

    Per quanto riguarda gli adempimenti devi sentire un professionista del luogo dove abiti, perché la situazione cambia in base ai regolamenti regionali e comunali.

    A Genova, ad esempio, per il tipo di intervento di tuo interesse non devi fare nessuna segnalazione obbligatoria.

    Spero di esserti stato di aiuto.
     
    A mario54 piace questo elemento.
  3. lineagotica1945

    lineagotica1945 Membro Junior

    Mi inserisco nella discussione per chiedere un chiarimento.
    Mi trovo nella stessa situazione, l'impianto elettrico dovrebbe essere un lavoro di manutenzione ordinaria per il quale non occorre presentare documentazione al comune.
    La messa a norma prevede l'accesso alla detrazione del 36%.
    Ora mi chiedo, se il ripristino dell'impianto elettrico comporta la rottura della pavimentazione e la successiva riposa di nuove piastrelle, quest'ultima spesa può essere detratta pur essendo esplicitamente esclusa dal bonus fiscale come m.o. su abitazioni private?

    E poi, per poter portare in detrazione l'impianto elettrico occorre la certificazione ai sensi del DM 37/2008?
     
  4. sergioxcase

    sergioxcase Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    A dirla tutta io ci ho rinunciato, perché al Comune mi hanno richiesto di fatto la documentazione come se fosse una normale DIA -compresa domanda del tecnico etc-, il Durc della ditta che avevo scelto io non prevedeva la possibilità di ristrutturazioni edilizie (vedi altro post) e quindi non hanno accettato la domanda, tra il compenso del tecnico e quanto risparmi conviene poco ... povera Italia, si vive più di burocrazia ipocrita che di lavoro reale.
     
  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Puoi avere l'agevolazione fiscale del 36% perchè la norma prevede che siano «agevolati tutti gli interventi di messa a norma eseguiti presso unità abitative». Ma alla condizione che «sia rilasciato, da un soggetto abilitato, il certificato di conformità degli impianti stessi». Per usufruire del beneficio è necessario che il pagamento delle spese venga effettuato esclusivamente con bonifico specifico (bancario o postale). Non occorre alcun titolo abilitativo. Conservazione dei documenti, fatture e ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute, ricevute dei bonifici di pagamento. Nella dichiarazione dei redditi dovranno poi essere indicati i dati catastali identificativi dell'immobile.
    Saluti
    dolly
     
  6. lineagotica1945

    lineagotica1945 Membro Junior

    Mi pare di capire, niente cil e la detrazione viene ammessa purché si certifichi il rispetto della legge 46/1990.

    Quindi è corretto che l'elettricista, per gli impianti al disotto dei limiti sopra indicati, rediga il progetto e che l’elaborato tecnico debba essere costituito almeno da:
    • schema dell’impianto da realizzare, inteso come descrizione funzionale ed effettiva
    dell’opera da eseguire, ovvero schema più tipologia dei materiali utilizzati;
    • eventuale documentazione tecnica attestante le varianti introdotte in corso d’opera. ??

    Il progetto deve essere depositato presso lo Sportello Unico per l’edilizia del Comune?
     
  7. sergioxcase

    sergioxcase Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    A me hanno fatto storie perché lo considerano tra gli interventi di straordinaria manutenzione, ci vuole quindi la richiesta al Comune di un tecnico comprensiva del DURC, non credo si possa fare a meno della consegna in Comune, almeno a me è stato detto così anche alla AdE, e quindi non basta tenere e conservare i documenti, avere la certificazione ed aver effettuato il bonifico.
     
  8. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Fino a 6kW di potenza non sono necessarie le redazioni della DIA e del progetto elettrico (salvo il Regolamento Edilizio del Comune disponga diversamente); ad ogni modo il tecnico che si occuperà della redazione del certificato dell'impianto ti darà di sicuro informazioni su come procedere per ottenere la detrazione.
     
  9. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Ciao a tutti..

    io sono in questa situazione cioè impianto non a norma a giorni lo facciamo con elettricista. Pertanto non serve comunicazione ma solo pagamento con bonifico ristrutturazione giusto? Inoltre IVA al 10% per tutto sia manodopera che materiale? Tra l'altro fino a Giugno dovrei beneficiare del 50% anziche 36...?

    Grazie a tutti
     
  10. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Sì, tutto ok! Il bonifico (con agevolazione al 50% se effettuato appunto entro il 30 giugno) dovrà essere specifico per la detrazione fiscale e riportare (oltre che il CF del soggetto che paga ed il CF o n. di p.IVA del beneficiario del pagamento) nella causale il riferimento alla nuova normativa, ovvero ai sensi dell'art. 16 bis del Tuir - Dpr 917/86.
     
  11. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Scusa Dolly basta che effettui il bonifico per ristrutturazione che la mia banca prevede, invece non ho capito la trattenuta del 4% da parte della banca che poi viene saldata...?? Ne sai nulla??
    A proposito il mio comune di ha suggerito nel dubbio di inviare cmq una
    Grazie
     
  12. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    A te il discorso ritenuta non deve interessare (è la banca o le Poste del beneficiario a doverla effettuare nella misura del 4% all'atto dell'accredito del bonifico dopo averne decurtato l'IVA al 21% anche se in fattura è stata applicata quella al 10%, certificandola e poi inserendola nel 770). Tu pagherai la fattura al fornitore via bonifico specifico. Stop (oltretutto sei un privato e non un sostituto d'imposta come nel caso ad es. di un Condominio per lavori su parti comuni, anch'esso comunque esonerato per interventi oggetto di agevolazioni fiscali).
     
  13. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Ti ringrazio moltissimo....

    Ancora una cosa, l'IVA al 10% sia sul materiale che sulla manodopera perchè sulla guida dell'agenzia dell'entrate sembra si debba applicare una formula in modo da distinguere l'IVA applicata alla manodopera e quella applicata al materiale.
    Ed inoltre, IVA ridotta anche nel caso acquistassi io il materiale direttamente da un rivenditore? grazie
     
  14. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    1) Sì, sia sul materiale che sulla manodopera. Quello che hai letto è riferito ai cd "beni significativi".
    2) No.
     
  15. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Ciao Dolly abbi pazienza ma in questo oceano burocratico non se ne viene a capo;
    Punto 1) Hai qualche riferimento per l'IVA al 10 % perchè all'Agenzia dell'Entrate (ho chiesto stamattina) avevano dubbi perchè secondo loro la devo pagare per intero.
    Punto 2 )USL e Comune hanno versione discordanti se trattasi di manutenzione ordinaria o straordinaria e l'obbligo o meno di dare comunicazione di inizio lavori il che tradotto in soldi significa sbagli non dai la comunicazione se và data non ti viene riconosciuta la detrazione :rabbia:.
    punto 3 ) Inoltre la fattura secondo te và distinta costo materiale e costo manodopera?
     
  16. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    1) Cosa vuol dire che devi pagare l'IVA per intero, ovvero al 21%?
    Ad ogni modo leggi http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/wcm/connect/b817df80426dc23e98b59bc065cef0e8/GUIDA+Ristrut_edilizie.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=b817df80426dc23e98b59bc065cef0e8 pag. 17
    2) Rileggiti il post n. 5; poi, se proprio ritieni opportuno, fai pure la comunicazione.
    3) No, non è più necessaria questa distinzione.
     
  17. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Grazie del link ed infatti al punto 2 (l'IVA sulle ristrutturazioni edilizie) non rientra nell'elenco dei beni significativi il materiale elettrico. L'unico dubbio sempre del predetto elenco è nell'ultimo rigo e cioè "Impianti di sicurezza" ma suppongo si riferiscano a sistemi di allarme.....se sbaglio illuminatemi!!!!

    Grazie a tutti!!!
     
  18. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Non sbagli! (ovvero tutti quegli impianti finalizzati a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi)

    beh, non proprio!:)
     
    A fabrizio piace questo elemento.
  19. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Vero Dolly...ti chiedo scusa....:) :)

    Un grazie particolare per tutte le dritte....!!!

    Saluti
     
    A dolly piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina