• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

tumultuoso

Membro Attivo
Proprietario Casa
#4
Le più diffuse asciugatrici sono di tre tipi:
Il primo, più semplice e ormai credo fuori produzione per motivi energetici, funziona come un asciugacapelli, aspira l'aria dall'ambiente mediante un ventilatore, la riscalda, e quindi abbassa la sua umidità relativa, mediante una resistenza, la convoglia nel cesto in cui si carica nuovamente di umidità e la espelle nell'ambiente carica di umidità.
Il secondo, si chiama a condensazione. L'aria che attraversa il cesto è mossa da un ventilatore e compie un percorso chiuso passando dapprima attraverso una resistenza in cui si riscalda e quindi diminuisce la sua umidità relativa, poi attraversa la biancheria in cui ne assorbe l'umidità ed infine attraversa uno scambiatore di calore che la raffredda e su cui si condensa appunto l'umidità, ricominciando succesivamente il percorso. Lo scambiatore di calore viene mantenuto freddo, dall'altro capo, da un altro ventilatore, in genere mosso dallo stesso motore del ventilatore dell'aria di asciugatura, dall'aria dell'ambiente che lo investe.
Il terzo tipo è a pompa di calore e funziona esattamente come un condizionatore, ossia l'aria attraversa il condensatore, si riscalda e ne viene abbassata l'umidità relativa, attraversa la biancheria a cui sottrae umidità, attraversa l'evaporatore su cui condensa l'umidità acquisita e ricomincia il ciclo. Il circuito è chiuso e il salto di temperatua tra condensatore ed evaporatore viene garantito dal lavoro del compressore sul fluido refrigerante.
Sapendo quindi come funziona la macchina, puoi già tu capire quale sia l'ambiente più adatto per il suo funzionamento.
Comunque, per rispondere alla tua domanda, bisogna quindi distinguere il tipo di asciugatrice. La prima sfrutta, per asciugare, l'aria dell'ambiente che è bene sia la più secca possibile e quindi sarebbe più indicata quella fredda esterna d'inverno, la seconda necessità comunque di aria fredda, e poco importa l'umidità, per abbassare il più possibile la temperatura dello scambiatore per permettere un'ottimale condensazione dell'aria del circuito chiuso. La terza, non fa differenza, in quanto il circuito è completamente chiuso e non interferisce con l'ambiente esterno.
Saluti
 

griz

Membro Storico
Professionista
#5
abbiamo appena acquistato l'asciugatrice, è a pompa di calore, le istruzioni dicono che deve essere posizionata in ambiente ampio e arieggiato, credo però che intendano di non lasciarla in un vano piccolissimo senza finestre e con porta chiusa, noi l'abbiamo in bagno sopra la lavatrice, funziona bene, quando si usa teniamo la porta aperta, effettivamente quando è attiva si sente nell'ambiente un aumento dell'umidità che però si dissipa subito
 

Rompiballe

Nuovo Iscritto
Professionista
#6
Egregio Esimio signor Bianchi, quando si legge una domanda, se non si è all'altezza di dare una risposta sei pregato di astenersi, senza fare delle allusioni fantasiose, che non servono in un forum per ora ancora democraticamente gestito:riflessione:
 

tumultuoso

Membro Attivo
Proprietario Casa
#7
abbiamo appena acquistato l'asciugatrice, è a pompa di calore, le istruzioni dicono che deve essere posizionata in ambiente ampio e arieggiato, credo però che intendano di non lasciarla in un vano piccolissimo senza finestre e con porta chiusa, noi l'abbiamo in bagno sopra la lavatrice, funziona bene, quando si usa teniamo la porta aperta, effettivamente quando è attiva si sente nell'ambiente un aumento dell'umidità che però si dissipa subito
Il lavoro del compressore richede energia dalla presa elettrica che viene convertito in calore, quindi è normale che l'ambiente in cui viene collocata la macchina non deve essere troppo piccolo per evitare che la temperatura del locale cresca troppo in quanto la macchina scalda.
L'umidità che viene sottratta alla biancheria finisce in una vaschetta di raccolta, tale vaschetta comunica con l'ambiente mediante fessure e sfiati, pertanto è normale che parte dell'umidità raccolta finisca nell'aria e quindi c'è un percepibile ma contenuto aumento di umidità, soprattutto su serramenti e muri se questi non sono particolarmente isolati e fuori fa freddo. Comunque nulla ha a che vedere questa tecnologia con le vecchie asciugatrici tradizionali che espellevano tutta l'umidità nell'ambiente mediante un tubo che andava collocato necessariamente all'esterno dell'abitazione se non si voleva entrare nella stanza con maschera e pinne!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto