1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. hobbidee

    hobbidee Membro Attivo

    Inquilino/Conduttore
    Su un terreno indiviso, di proprietà di quattro fratelli, uno dei fratelli, usufruttuario a vita, ha apportato delle migliorie.
    Alla sua morte, il suo erede, richiede che gli vengano riconosciute le migliorie apportate prima della morte dell'ususfruttuario, e anche quelle apportate da lui stesso, dopo che ne è venuto in possesso, nonostante appena nata la comunione, alla morte dell'usufruttuario, gli altri fratelli ne abbiano chiesto lo scioglimento.
    La domanda che si pone è:
    -il suo è un diritto legittimo?
    -Le migliorie apportate vengono riconosciute solo se ricadono nell'area che, fase di divisione, vengono attribuite a ciascuno dei proprietari?
    Come ci si comporta in questi casi?
    Grazie per qualunque suggerimento
     
  2. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Credo che la domanda non sia tanto chiara.
    Riassumo: 4 fratelli proprietari di un terreno. Un fratello è usufruttuario a vita.
    Se è usufruttuario la nuda proprietà di chi è??
    Supponiamo il caso che ci sia un fratello usufruttuario al 100% e gli altri tre fratelli nudi proprietari per 1/3 a testa.
    L'usufruttuario ha fatto delle migliorie, ma avendo l'usufrutto totale è anche quello che ha goduto in pieno del terreno e di tutto quello che è stato prodotto.

    Alla morte dell'usufruttuario il suo diritto decade e viene accorpata alla nuda proprietà degli altri tre fratelli.
    L'erede dell'usufruttuario non ha nessun diritto su tale terreno e quindi non poteva apportare ulteriori migliorie.

    I tre fratelli superstiti hanno chiesto lo scioglimento della comunione.
    Ma si tratta di divisione consensuale o giudiziale??

    La domanda è troppo dispersiva...

    saluti
     
  3. hobbidee

    hobbidee Membro Attivo

    Inquilino/Conduttore
    Chiedo scusa.
    Cercherò di chiarire.
    La proprietà era di 4 fratelli, 1/4 ciascuno. Uno di questi era l'usufruttuario, che durante il godimento dell'usufrutto ha apportato le migliorie. Alla sua morte la proprietà è passata ad un suo amico per testamento olografo.
    I restanti 3 fratelli hanno chiesto lo scioglimento della comunione. Il suo amico, nonchè erede, chiede il pagamento delle migliorie apportate asserendo che, nonostante il terreno fosse gestito dall'usufruttuario (ancorchè ancora in vita) , sia stato lui ad apportarvi le modifiche. E chiede anche le migliorie apportate dopo la morte dell'usufruttuario, nonostante gli altri tre fratelli avessero già chiesto lo scioglimento.
    Lo scioglimento è giudiziale.
    Spero di aver chiarito.
    Grazie ancora.
     
  4. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Se lo scioglimento della comunione è giudiziale, allora sarà il giudice, tramite il CTU (consulente tecnico d'ufficio) a verificare la possibilità dello scioglimento e se ci sono state le migliorie, chi le ha fatte e se ciò ha comportato l'apprezzamento del terreno.

    Mi dici che la proprietà di 1/4 è passata ad un'estraneo per testamento olografo.
    Presumo quindi che il fratello deceduto fosse celibe e senza figli.

    Credo che devi attendere l'esito della controversia giudiziaria.

    Saluti
     
  5. hobbidee

    hobbidee Membro Attivo

    Inquilino/Conduttore
    Diciamo che si è "passata" ad un estraneo", essendo senza eredi legittimi.
    Ovviamente è logico attendere la decisione del giudice. La mia curiosità era sapere se l'erede ha diritto di pretendere tali migliorie, supposto che non possa dimostrare di averle effettuate lui, e se aveva il diritto ad apportarle non avendo, quando era in vita l'usufruttuario, alcun titolo. Forse fnugeva da mezzadro, pur essendo ormai scomparsa tale figura, credo.
    Grazie mille.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina