1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. renatodi

    renatodi Nuovo Iscritto

    buonasera
    mio padre come da titolo
    vuole mandarmi fuori di casa
    lui e l'usufruttario,
    mi spiego io vivo in questa casa da oltro 25 anni
    lui e andato via (separato da mia madre)da oltre 12 anni
    poi subito dopo mia madre
    io sono rimasto solo ed e' mi e stata data per uso gratuito,
    nessuna scrittura privata elenca,
    ma come da certificato di residenza cita la mia data di residenza,
    lui adesso vuole questa casa
    io mi oppongo perche non so' dove andare,
    nel frattempo ho messo su' una mia famiglia
    quindi sono padre di un meraviglioso campione
    di anni tre, ma sono disoccupato da quasi un anno
    quindi non so proprio come gestire questa situazione ...
    io fino a che non lavore e non riesco ad accedere un mutuo io non voglio lasciargliela
    ma la prima udienza e nel mese di luglio, di cui non posso neppure chiedere ad un avvocato perche chiede soldi...
    be qualcuno puo' dirmi come comportarmi
    e se questo codardo puo' togliermi questo....


    grazie
     
  2. Guarda, ti dico il mio pensiero: essendo un comodato ad uso gratuito, sì, tuo padre potrebbe mandarti via da casa! Ma ricordiamoci che è sempre un padre, obbligato dalla legge ad aiutare un figlio in difficoltà! Comunque è da un po' che leggo su questo sito di genitori indegni , che si comportano con i loro figli in modo a dire poco vergognoso! :daccordo::daccordo:
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  3. renatodi

    renatodi Nuovo Iscritto

    be che dire,
    innanzi tutto ti ringrazio di avermi risposto e dei genitori di questo genere spero che c'e' ne siano davvero pochi.
    comunque devo fare qualcosa per la prima udienza di luglio e voglio presentarmi per chiedere magari dei rinvii,hai senza avvocato chissa' cosa succedera'....................
    grazie
     
  4. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Alla prima udienza non succederà nulla. Presentati e chiedi al Giudice di darti un lungo rinvio spiegandogli la tua situazione e dicendo che per munirti di un avvocato devi richiedere il gratuito patrocinio presso la Corte di Appello perchè penso che tu abbia i requisiti per richiederlo. Vedrai che un lungo rinvio certamente l'otterrai. In seguito vedi di convincere tuo padre a farti rimanere in casa,sia pure pagando un piccolo canone.
     
  5. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Prova un poco a chiedere a qualche forum di avvocati anche qui c'è ne sono potrebbe darsi che si possa chiedere:
    Art. 1158 Usucapione dei beni immobili e dei diritti reali immobiliariLa proprietà dei beni immobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano in virtù del possesso continuato per venti anni.
    Ovvero si divende proprietari del bene (anche se non si è pagato niente) quando per venti anni si è posseduto la proprietà in modo gratuito e continuativo, ma è dimostrabbile con documenti?
    Ciao e Auguri
     
  6. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao,
    per quale motivo la rivuole?
    E' in necessità?
    Certo che se anche lui si trova in brutte acque . . . non so se possa definirsi indegno . . . certo che un genitore deve aiutare un figlio, ma un figlio non deve lo stesso?
    A parte questo non mi è chiara la storia dei proprietari dell'appartamento, allora tua madre era la sola proprietaria? ha ceduto l'usufrutto a tuo padre? ma tua madre è ancora in vita?
    Chiarisci questi punti.
    ciao
    Luigi
     
  7. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    credo tu possa avere i requisiti per chiedere il gratuito patrocinio, il che significa che un avvocato seguirà il tuo caso in maniera per te gratuita. a parte ciò tu potrai richiedere a tuo padre gli alimenti essendo lo stesso tenuto a provvedere sia a te che alla tua famiglia.
     
  8. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per il gratuito patrocinio credo che, stando a quanto da te affermato, non ci dovrebbero essere problemi, per la seconda parte ho qualche dubbio che il padre debba provvedere alla sua intera famiglia, forse a lui e credo che in questi anni non avendo richiesto nulla per la casa qualcosa abbia fatto, ed inoltre mi sembra che non sia un "bamboccione" che è sempre rimasto a casa con la paghetta dei genitori, ma ha avuto la sua indipendenza con un lavoro che gli ha fatto sognare e realizzare una famiglia (ed anche per questo credo che il padre non debba gli alimenti neanche a lui . .) a prescindere da questo non è chiara la situazione della casa, è usufrutto? diritto all'abitazione?
    Luigi
     
  9. Io non porterei MAI mio figlio in causa! Piuttosto crepo di fame, mi dispiace!
     
  10. renatodi

    renatodi Nuovo Iscritto

    grazie

    ciao
    siete davvero gentilissimi vedo che siete in tanti a darmi una mano grazie,
    cmq volevo risp.
    alla prima udienza mi presentero' chiedendo un lungo rinvio,
    in secondo tempo chiedero' il gratuito padrocinio,
    voglio informarmi anche sull'art 1158 ,
    e sinceramente da lui gli alimenti non li voglio come per tanti anni non ho mai chiesto niente.
    voglio risp 1giggi1
    pensa che lui ha avuto l'usufrutto dalla mia nonna,
    il proprietario di questo appartamento e ancora oggi mia nonna
    ed io dopo la separazione dei miei genitori circa nel '98 da loro ho avuto la piena librta' di scegliere con chi vivere....io invece scelsi di vivere in questo appartamento appena diventai maggiorenne ,
    mi diedero cosi' l'uso gratuito.
    nel frattempo mio padre usufruttario con la nuova famiglia a acquistato una nuova casa
    di cui ha lasciato da qualche anno questa famiglia ed e ritornato nel mio paese convivendo con un'altra
    donna ed acquistando un'altra casa ... ma facendo una visura a suo nome la proprietaria di quest'ultimo appartamento ed e' intestata a lla nuova e medesima compagna..
    lui rivuole " la mia casa " perche avendo ottenuto il trasferimento di lavoro ha bisogno di una locazione e vuole sfruttare la mia di abitazione quindi buttarmi fuori e affittarla ad altri ...
    quindi cosa ne pensi non e uno schifo tutto questo......
    faro' il possibile per ottenere quello che voglio .......
    grazie
     
  11. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sbagli sai c'è un articolo del codice civile che non ricordo che prevede l'elenco di soloro che sono tenuti a prestare gli alimenti. tra questi genitori, figli, nonni e persino nuore suoceri e generi.
     
  12. Dovrebbe essere il 433 c.c. , ma non vorrei sbagliare!
     
  13. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Vedi margheritabella anche io concordo con te, ma da quanto riferito da renatodi poco si capisce di come sia la situazione, nulla si sa della situazione economica del padre, nulla si sa di cosa abbia il padre chiesto al figlio prima di fargli causa, pensa se versa in situazione economica disastrata e ha chiesto al figlio di appoggiarsi da lui per un breve periodo e questi ha rifiutato e per questo intenta causa. Poi puoi pure decidere di morire di fame, ma la questione è se farlo sotto un ponte o con un tetto sopra.
    Luigi
     
  14. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Esatto :
    Art. 433 Persone obbligate

    All'obbligo di prestare gli alimenti sono tenuti, nell'ordine:

    1) il coniuge;

    2) i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi, e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali;

    3) i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottanti;

    4) i generi e le nuore;

    5) il suocero e la suocera;

    6) i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali.

    :daccordo:
     
    A e renatodi piace questo messaggio.
  15. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ma la situazione del padre la si conosce o no??
    Il punto 2 non dice che anche i figli devono passare gli alimenti ai genitori?
    E allora che parte si prende solo quella di chi parla per primo?
    Per dare un giudizio che può essere sia legale che morale occorre conoscere come stanno le cose (saranno sempre raccontate da una parte qui da noi), ma saranno di sicuro di più di quanto renatodi ha detto insufficientemente sino ad ora.
    Luigi
     
  16. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Scusa renatodi, hai asserito che hai goduto dell'immobile per 25 anni, e risulta anche dal certificato di residenza del tuo godimento ininterrotto, senza che per un anno hai interrotto il godimento o per tua volontà o per richiesta del proprietario o dell'usufruttario, quindi secondo l'art. 1159 e seguenti del c.c. tu puoi
    usucapire l'immobile essendo trascorsi anche solamente 10 anni e "importante " in modo bonario, cioè il possesso del bene non è stato clandestino, nè violento, nè pubblico. A questi requisiti si deve aggiungere la buona fede, che la legge esige debba accompagnarsi al possesso, è quella (di tipo soggettivo) prevista dall'art. 1147 c.c. ossia l'ignoranza incolpevole di ledere un diritto altrui.
    Quindi a mio parere, puoi usucapire la casa in cui abiti anche, ripeto, in modo abbreviato, cioè trascorsi appena 10 anni.
    saluti JERRY48
     
  17. joenocera

    joenocera Membro Junior

    America the Creator of the best and the worst

    In America se i figli hanno bisogno di aiuto dopo aver compiuto16 anni, si rivolgono allo Stato,perche' allo Stato pagano le tasse quando lavorano,percio' secondo me l'indegno e' lo Stato Italiano non il genitore. Un genitore non puo' mantenere i figli e i figli dei figli.Germania Finlandia Norvegia,Svezia, Austria,Fancia Gran Bretagna Canada Stati Uniti Australia,ect danno lo stipendio minimo garantito in caso di bisogno,lo Stato Italiano fa schifo.
     
  18. renatodi

    renatodi Nuovo Iscritto

    grazie jerry
    prendo nota di cio' che mi hai consigliato
    grazie
    :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina