1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. luciano1949

    luciano1949 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Vengo a porre una domanda che sta stravolgendo la vita di una persona.
    Questa persona è una signora quasi 70enne rimasta vedova da pochi giorni, il marito sposato in seconde nozze (era vedovo) ha 5 figli che concorrono all'eredità di qualche € e alcuni titoli, questa signora abita nella casa coniugale che è sempre stata di sua esclusiva proprietà, i figli chiedono, oltre alla loro parte giusta e legale, ( a loro disposizione senza nessun blocco da parte della vedova) pretendono tutti i mobili, quadri, tappeti e quant'altro c'è nella casa, mobili messi dal padre che, andando a vivere in casa della seconda moglie, ha portato contribuendo all'arredamento dell'immobile che era vuoto.
    Possono farlo? oppure i mobili devono restare nella cada coniugale, la signora purtroppo ha grossi problemi sia economici sia di spostamento, e io, che la conosco da moltissimi anni, gli sto dando una mano nello sbrigare qualche faccenda ma in questa vorrei un vostro parere prima di dover andare da un legale che metterebbero in ginocchio l'interessata.
    grazie a chi mi vorrà dare delle indicazioni.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 540, comma 2 c.c.:
    "Al coniuge, anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni".
     
  3. luciano1949

    luciano1949 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie, risposta più che chiara.
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    questa è la dimostrazione di quanto i figli di primo letto non abbiano gradito le seconde nozze del padre per cui, una volta che questo è passato a miglior vita, accampano tante pretese a titolo vendicativo. Purtroppo sono episodi ricorrenti. Meno male che il c.c. è molto chiaro in merito e qualsiasi avvocato sconsiglierebbe di intraprendere una azione legale.
     
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tanti auguri e un forte abbraccio alla signora. Quanto ai soggetti che ha intorno... che Dio l'assista.
     
    A arciera piace questo elemento.
  6. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    quindi sia chiaro, niente spese di avvocati. La legge basta e avanza
     
  7. luciano1949

    luciano1949 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E' tutto più che chiaro, comunicheremo per raccomandata R/R che aspettiamo le loro richieste "scritte" con il fine di non lasciare parole al vento, poi risponderemo citando appunto quello che la legge dice sperando che si decidano anche a presentarsi per sbloccare i pochi averi che il loro padre ha lasciato, preciso che il genitore è stato per 5 lunghi anni curato in modo impeccabile, (reduce da ictus e da infarto) dalla moglie, e che da una sommaria valutazione dei mobili e arredi si tratta di "veramente" cifre da poche decine di €, (mobili ormai trentenni e di fattura economica) ma come ha sottolineato il preparato Luigi Criscuolo, esistono ancora persone che non accettano che un padre 60enne, vedovo da diversi anni si risposi con una quasi coetanea e viva la propria vita serenamente.
    Grazie a tutti per i suggerimenti.
     
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io non ci spenderei neanche un euro per la raccomandata con R.R. Però se in quel modo vuoi mettere a tacere la cosa e far sì che si presentino alla banca, immagino, è il modo più corretto per arrivare alla conclusione del caso.
     
  9. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Una volta messi a tacere gli avvoltoi con la citazione dell'articolo del codice civile, forse è consigliabile che la signora prepari un elenco delle cose che erano del marito e magari ne dà una copia ai pretendenti. Probabilmente il timore dei figli di lui è che un lontano domani, alla morte della signora, di quei mobili e arredi a loro non rientri niente. Potrebbero essere di valore commerciale zero, ma di particolare valore affettivo... (visto lo stile, direi di no, ma non si sa mai)
    Non so se la signora ha degli eredi per parte sua, ma potrebbe lasciare scritta una disposizione per cui i mobili e gli arredi dell'elenco vengano alla sua morte riconsegnati ai figli del marito. Questo potrebbe calmarli
    Altro discorso è di tutelare la signora per il futuro. Spero che i figliastri non siano così energumeni da presentarsi alla porta e cominciare a portarsi via le cose...

    Caso analogo era successo a una mia zia. Allora erano stati i figli del marito a preparare la lista delle cose paterne e l'avevano sottoposta a mia zia per la firma. Alla sua morte, si sono presentati in casa, lista in mano.
     
    A arciera piace questo elemento.
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La saggezza.
     
  11. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Più che altro, è che nel corso della vita ti tocca vedere proprio di tutto.
    Tra l'altro quella mia zia andava molto d'accordo coi figli del marito. Però, poi, a loro dispiaceva che le cose di famiglia finissero a noi nipoti "dell'altra parte" che certamente non avevamo nessun legame affettivo con quelle cose.
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    hai scritto parole del vangelo.
    Il matrimonio unisce solo due persone non due famiglie.
     
    A arciera e Elisabetta48 piace questo messaggio.
  13. luciano1949

    luciano1949 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi sembra corretto tenere informate le persone che hanno condiviso con me questa discussione, ebbene, dopo uno scambio di lettere dove ognuno diceva la sua, la nostra proposta suggerita da un amico praticante uno studio legale è che i figli del defunto possono ritirare tutti i mobili a patto che arredino la casa con la stessa quantità di mobili che preleveranno, paghino la loro parte di quota per le pratiche e le funzioni del funerale, poi firmino un documento dove dichiarano che alla morte della signora non avranno nulla a pretendere in quanto hanno acquisito fin da oggi, tutta la parte ereditaria di loro spettanza, i figli hanno risposto che per loro non è conveniente e hanno rinunciato per scritto alla loro quota ereditaria su mobili e quant'altro non fosse moneta, e dopo aver detratto tutte le spese funerarie, hanno diviso i pochi € firmando sia in banca che in nello studio di questo nostro amico un documento di completa soddisfazione e futura rinuncia.
    Per informazione a mo' di pettegolezzo, il mobilio trentennale ha un valore di mercato di poco più di 1000€ compreso di elettrodomestici, e quindi era solo la voglia di far disperare una donna 70enne che avrebbe rischiato di dover spendere i pochi risparmi per arredarsi casa sua.
    grazie a tutti quelli che hanno scritto.
     
    A verdianab e Elisabetta48 piace questo messaggio.
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Okay, grazie @luciano1949 questa volta chi ha domandato ha arricchito gli interlocutori. L'escamotage del praticante e' magistrale. Tenetevelo da conto. Ora so cosa in più posso rispondere. (Mi riferisco alla sostituzione della mobilia dato che ne ha diritto)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina