1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sauro2

    sauro2 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Scusate il disturbo ma se io sono proprietario di due appartamenti, uno abitazione principale e l'altra data in uso gratuito a mia madre. Nel quadro b a colonna 2 indico il codice 10 ma a colonna 12 mi sembra che non devo indicare niente... o sbaglio?
    A pagina 17 delle istruzioni, nel paragrafo "fabbricati non locati", infatti, tra parentesi mi sembra di capire che sono esclusi dall'indicazione del codice 3 gli immobili con codici 2, 9, 10 e 15 nella colonna 2 dei righi B1 a B8.
    grazie per la risposta.
    sauro2
     
  2. Giovanni Spinella

    Giovanni Spinella Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Al contrario, mi sembra proprio che tu debba inserire il codice '3'.
    Io interpreto il paragrafo a cui fai riferimento in questo modo:
    "dal 2013 il reddito degli immobili ad uso abitativo non locati, appartenenti alle categorie catastali da A1 a A11, escludendo A10 (uffici), ed aventi codici di utilizzo '2', '9', '10' o '15', situati nello stesso comune dell'abitazione principale e assoggettasti all'IMU concorre alla formazione dell'imponibile ai fini IRPEF per il 50%.
    In altri termini, se l'abitazione che hai dato in uso a tua madre e' nello stesso comune della tua abitazione principale e il tuo comune non ha esentato dall'IMU le abitazioni date in comodato gratuito ai congiunti, per il 2013 ti tocca pagare, oltre all'IMU (che avrai gia' pagato), anche il 50% delle imposte IRPEF sul reddito di fabbricato.
     
  3. sauro2

    sauro2 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    come hai scritto tu non posso che concordare, e infatti tu hai aggiunto oltre che (uffici) anche la virgola che nelle istruzioni ufficiali non c'e'.
    allora perche non intepretarla"non locati, appartenenti alle categorie catastali da A1 a A11, escludendo A10 e escludendo immobili aventi codici di utilizzo '2', '9', '10' o '15',"
    D'altronde, come dici tu io l'IMU l'ho pagata e all'inizio del paragrafo, infatti, le istruzioni dicono "in GEnerale l'IMU sostituisce l'IRPEF e le relative addizionali....

    e poi.. il codice 15 riguarda immobili situati in Abruzzo dati in comodato a a persone con casa principale distrutta..... e ti fanno pagare il 50 di IRPEF??? alla faccia della solidarietà...
     
  4. Giovanni Spinella

    Giovanni Spinella Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Che dire... "per un punto Martin perse la cappa" e qui per una virgola...
    Occorrerebbe avere un'interpretazione autentica da parte di AdE.
     
  5. Giovanni Spinella

    Giovanni Spinella Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ho trovato sulla rivista online di AdE "Fisco Oggi" (25/02/2014) la seguente risposta ad una domanda simile sull'argomento:

    "L’IMU sostituisce l’imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali regionale e comunale dovute con riferimento ai redditi dei fabbricati non locati, compresi quelli concessi in comodato d’uso gratuito. Con effetto dall'anno 2013 il reddito degli immobili a uso abitativo non locati, situati nello stesso comune in cui si trova l'abitazione principale, è assoggettato a IRPEF nella misura del 50 % (articolo 1, comma 718, della legge 147/2013). La norma fa riferimento solo agli immobili a uso abitativo non locati. Pertanto, il reddito di tali immobili situati nello stesso comune nel quale si trova l’immobile adibito ad abitazione principale, assoggettati all’IMU, concorre alla formazione della base imponibile dell’IRPEF e delle relative addizionali nella misura del 50%."

    Quindi la concessione in comodato e' ininfluente: se l'immobile e':
    • nello stesso comune dell'abitazione principale
    • non locato
    • assoggettato a IMU
    concorre all'IRPEF per il 50%.
     
    A sauro2 piace questo elemento.
  6. sauro2

    sauro2 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    mi sembra non avere vie di scampo.
    grazie per l'interessamento
     
  7. sauro2

    sauro2 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ritorno sul problema: il codice di utilizzo 15, nelle istruzioni a pag. 20 del 730/2014, viene richiamata l'ordinanza ministeriale 3813 del 29/9/2009 che recita:
    Art. 5.
    1. Per agevolare la piu' sollecita sistemazione alloggiativa delle
    persone fisiche residenti o stabilmente dimoranti nei territori
    colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, in attesa del rientro nelle
    abitazioni riparate o ricostruite, i contratti di locazione o
    comodato stipulati in applicazione dell'art. 11 dell'ordinanza del
    Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3754 del 9 aprile 2009,
    dell'art. 1 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri
    n. 3769 del 15 maggio 2009, nonche' dell'art. 2, commi 1 e 10 del
    decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39, convertito con modificazioni
    dalla legge 24 giugno 2009, n. 77, sono esenti da ogni tributo e
    diritto. Per i contratti di cui al presente comma, gia' stipulati
    alla data di emanazione della presente ordinanza, il termine per la
    registrazione di cui all'art. 21, comma 18 della legge 27 dicembre
    1997, n. 449 e' sospeso fino al 30 novembre 2009.
    2. In considerazione delle esigenze abitative di natura temporanea
    soddisfatte dai contratti di cui al comma 1, il reddito imponibile
    derivante al proprietario e' ridotto del 30%. Il l
    ocatore, per godere
    di tale beneficio, deve indicare nella dichiarazione dei redditi gli
    estremi di registrazione del contratto di locazione o comodato
    nonche' quelli della denuncia dell'immobile ai fini dell'applicazione
    dell'ICI.

    che io la capisco che se da reddito cioè in comodato oneroso il reddito è ridotto del 30%, ma se il comodato è gratuito.... non c'è reddito....
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Il "comodato è essenzialmente gratuito" (testuale nell'art. 1803 c.c., rubricato "definizione"), in quanto, se vi fosse un pagamento in denaro, ci troveremmo di fronte ad un altro tipo di contratto e cioè alla locazione (ciò che, nel linguaggio comune, viene sempre chiamato affitto, mentre tale nome spetta solo alla locazione di beni produttivi; art. 1615 c.c.). Dunque è pleonastico ed errato parlare di comodato gratuito: il comodato è sempre gratuito o non è un comodato.

    Esiste tuttavia il comodato oneroso, che si verifica allorquando chi riceve in comodato il bene si obbliga ad adempiere ad una prestazione che, tuttavia, non assurge a corrispettivo del godimento. Es: la concessione in comodato della propria villa per il periodo estivo, in cambio della semina dell'erba in giardino, e della cura delle siepi.

    La Cassazione ha qualificato come oneroso un comodato che prevedeva, da parte del comodatario, il pagamento di una somma periodica idonea al solo rimborso delle spese (Cass. 2001, n. 3021).

    In alcuni casi è possibile che il contratto di comodato preveda un risarcimento per le spese vive della cosa: caso frequente è che il condominio negli immobili sia a totale carico del comodatario (colui che ha ricevuto la cosa).
     
  9. sauro2

    sauro2 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    grazie jerry48 per le delucidazioni però non ha dato risposta ai miei dubbi riguardo alla questione iniziale sul quadro b del 730
     
  10. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il reddito in questo caso è dato dalla rendita catastale rivalutata.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina