1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    Gentilissimi,

    mi sono appena iscritta ed è il mio primo post. Vi spiego la mia situazione. Siamo proprietari di un piccolo appartamento a Milano ma viviamo all'estero. Abbiamo un contratto 4 + 4 e siamo sul punto di firmare col nuovo inquilino. Ho le seguenti domande:

    1. La prima riguarda la modalità di versamento del deposito cauzionale: a quanto ho capito, questo, per legge, non va versato sullo stesso conto corrente sul quale si percepisce la mensilità. Vi risulta che sia corretta questa informazione? Se si, come va versata la cauzione?

    2. Può questo conto corrente essere un conto estero, visto che non ho più il conto corrente in Italia?

    3. È vero che specificare che "la cauzione è infruttifera" è clausola illegale e rischia di invalidare l'intero contratto? Come vi regolate in questo senso? In effetti ho fatto due conti e dopo 8 anni sarebbero quasi 160 euro in più... se la clausola fosse legale, sarebbe interessante.

    4. Purtroppo non ho un commercialista disposto a seguirmi in questo momento, per cui siamo orientati a fare da soli tutta la gestione, dalla registrazione online al pagamento delle tasse. Secondo voi è fattibile?

    Ringrazio anticipatamente e resto in attesa di un vostro riscontro,

    Valcesc
     
  2. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non c'è nessun obbligo di legge su come e dove versare il deposito cauzionale, si può versare tranquillamente anche sul conto ove vengono effettuati i pagamenti mensili. Solitamente, nel contratto quando si fa riferimento al deposito cauzionale, si indica anche l'istituto bancario presso il quale il deposito viene versato. Il deposito cauzionale , a mente dell'articolo 11 della legge 392/78, non può essere infruttifero, per cui l'indicazione " infruttifero " potrebbe inficiare il contratto stesso. La sentenza n. 25136/06 della Corte di Cassazione, riconosce al locatario gli interessi legali, e non gli interessi anatocistici (interesse su interesse). La sentenza n. 14655/02, obbliga il locatore, a riconoscere automaticamente , gli interessi maturati, senza richiesta e sono irrinunciabili. La gestione delle pratiche fiscali, relativa al pagamento dell'imposta di registro, si può fare tranquillamente su - fisco on line -. Per la registrazione del nuovo contratto, puoi incaricare anche il locatario. Qualche dubbio sorge, sul fatto del conto estero. Se si è cittadini italiani, residenti all'estero ed iscritti all'AIRE, il problema per il conto di appoggio non dovrebbe esistere, fermo restando che il reddito proveniente dal fitto dell'immobile, deve essere dichiarato in Italia, e su esso pagata l'IRPEF.
     
    A valcesc piace questo elemento.
  3. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    Grazie infinite per la risposta precisa e chiarificatoria. Si, sono iscritta all'AIRE e ho sempre pagato le tasse relative all'affitto dell'appartamento. L'unica differenza è che finora se ne è occupato il mio commercialista che purtroppo non può più seguirmi quindi ho deciso di gestire il tutto io tramite agenzia delle entrate online augurandomi di non commettere errori. Posso ancora chiederti in che senso il conto estero potrebbe far sorgere dubbi? Grazie ancora!
    p.s.: non so ancora usare questo forum pertanto mi scuso se la mia rispota dovesse apparire due volte!
     
  4. Meglio di no! Fallo tu stessa e al più presto!
     
  5. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    contratto : meglio iscriversi a qualche associazione piccoli proprietari in Italia e lasciare che la stessa ccompili ed emetta il contratto di locazione : sono contratti con tutte le clause legali del caso e pertanto non impugnabili :
    deposito infruttifero : tutto vero cio' che dice celefini ....pero il deposito cauzionale non viene quasi mai restituito poiche' l'inquilino dovrebbe lasciare l'appartamento nelle condizioni in cui lo trova (pulito,imbiancato,senza trasformazioni etc) cosa che avviene molto raramente
     
  6. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    Margherita: posso registrare il contratto dall'estero esclusivamente telematicamente?

    Hanton: mi sono iscritta a questo forum proprio perchè qualche giorno fa parlando per telefono con diverse associazioni di piccoli proprietari e chiedendo loro informazioni sulla legalità della cauzione infruttifera mi è stato risposto che un contratto contenente la clausola di deposito cauzionale infruttifero è legale, e che loro stessi forniscono questo tipo di contratto. Mi sarebbe piaciuto sentire una risposta più aderente a quanto dice la legge, e preferisco attenermi a quanto dice Celefini.
     
  7. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    Carissima : Celefini e' un ottimo corrispondente ma,in fatto di contratti, devi sapere che le associazioni NON solo ti forniscono il CONTRATTO ADATTO ma ti DIFEWNDONO D'UFFICIO in caso di contestazioni : Le associazioni sono proprio lì e preposte per questo tipo di....risoluzioni poi....fa' come credi ma oggi,come saprai, i tribunali,giudici et affini NON si mettono MAI contro associazioni sindacali come i "piccoli proprietari" = parlo con esperienza di causa ...io sono iscritto ASPPI qui a Bologna ed ho pagato BENE la loro gestione ma....mai avuta una grana:daccordo:
     
  8. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il conto estero poteva far sorgere dubbi solo nel caso non fossi stata iscritta all'AIRE. Infatti con le nuove norme sulla tracciabilità, gli spostamenti di denaro all'estero sono più monitorate dal fisco, ma non è il tuo caso,in quanto regolarmente residente all'estero.
     
  9. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    celefini : :daccordo::ok::ok:
     
  10. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    Caro Hanton,
    devo anche dire che nessuna delle associazioni con cui ho parlato mi ha offerto assistenza a distanza, che è quel di cui ho bosogno, altra ragione per cui devo lasciar perdere. Non che mi piaccia, ma davvero non ho alternative.
    Mi fa piacere che tu ti trovi bene e piacerebbe anche a me sentirmi garantita. Ho anche chiesto al Consolato se avesse una lista di commercialisti a cui fare riferimento ma nulla, purtroppo. Forse potrebbe essere una buona implementazione per le associazioni di piccoli proprietari pensare a poter assistere casi come il mio che non credo sia isolato.
    Grazie ancora a tutti!
     
  11. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il problema secondo me è forse quello della presentazione all'ADE del contratto per la registrazione. Se non vuoi farlo fare al locatario, credo che abbia qualche vero amico o qualche parente che si possa far carico della sola registrazione. Per il resto puoi fare tu direttamente come già detto on line.
     
  12. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    1. Il deposito cauzionale può essere versato dove si vuole e come si vuole, unica limitazione è che non si può versare in contanti se l'importo supera i 999,99 euro.
    2. In Italia come all'Estero.
    3. E' una clausola illegale ma non invalida di certo le altre clausole del contratto. L'inquilino può sempre pretendere il pagamento degli interessi legali anche se c'è scritto il contrario.
    4. E' tranquillamente fattibile, registrandosi a Fiscoonline sul sito dell'Agenzia delle Entrate, a meno di qualche adempimento che è ancora manuale (es. presentazione del mod. 69), che si può comunque effettuare inviando i documenti tramite posta raccomandata, anche dall'estero.
     
    A e valcesc piace questo messaggio.
  13. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    Grazie Mapeit,
    grazie a tutte le vostre risposte ci vedo già ben più chiaro, anche se temo mi rivediate presto con nuovi fiammanti dubbi e perplessità :confuso:
     
  14. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    I suggerimenti, le opinioni, i toni ed il garbo con cui tutti i partecipanti alla discussione hanno contribuito segue a mio modo di vedere proprio lo spirito di Propit.
    Complimenti a tutti:applauso::applauso:
     
    A valcesc, celefini e piace questo elemento.
  15. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Caro Jrogin, varie volte, sono intervenuto , lamentando le degenerazioni che avvenivano alcune volte, nel corso di alcune discussioni. Leggere il tuo ultimo post, in qualità di supporter, mi rincuora, e mi spinge a continuare. Grazie di cuore, Celestino Fini
     
    A e Jrogin piace questo messaggio.
  16. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    inghippo nella registrazione online dall'estero

    Cari tutti,

    dopo aver redatto il contratto e aperto con successo l'account su Fisco Online, rieccomi imbufalita perchè giunge il fatidico momento di registrarlo online e mi sa che le cose stavano andando troppo bene :rabbia:

    Mi spiego: non avendo più un conto corrente in Italia e non potendo aprirne uno online (perchè non ho più la residenza in Italia) non posso tecnicamente provvedere al sistema di registrazione, i cui requisiti prevedono che il Codice Fiscale del titolare del conto corrente (dal quale si effettuerà il prelievo dell'imposta di registro e bollo) coincidano col Codice Fiscale dell'utente di Fisco Online.

    La cosa è impossibile, perchè la mia banca spagnola non figura nella lista delle banche convenzionate con l'Agenzia Entrate; ho anche provato, d'accordo con l'inquilino (e su suggerimento del servizio clienti dell'Agenzia Entrate) a inserire i suoi dati bancari - che il sistema non accetta essendo il suo codice fiscale diverso da quello dell'utente Fisco Online - cioè io.

    Non mi resta che chiedere all'inquilino di andare lui a registrare, cosa che avrei voluto evitare. Avete altre opzioni?

    Domanda, se qualche anima pia ha le energie per rispondermi: a che ufficio devo mandare l'inquilino, e come si chiama il modulo?

    Certo che è una bella fatica essere onesti.

    Grazie a tutti!
     
  17. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per la prima registrazione, bisogna andare all'ADE di competenza territoriale dove è ubicato l'immobile. Con la prima registrazione, l'ADE, da un numero di protocollo al contratto e lo stesso doivrà essere riportato sul modello F23, per ogni rinnivo annuale. Nei rinnovi, per gli anni successivi, non bisognerà più recarsi all'ufficio, ma presso uno sportello bancario o postale.
     
    A valcesc piace questo elemento.
  18. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non concordo :

    La registrazione cartacea di un contratto di locazione può essere effettuata presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate (non necessariamente, quindi, presso l’ufficio competente in relazione al proprio domicilio fiscale).
    Agenzia delle Entrate - Contratto di locazione - Come registrare in ufficio
    :daccordo:
     
    A valcesc e Jrogin piace questo messaggio.
  19. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    Quindi in sostanza il mio inquilino andrà all'ADE di competenza oppure uno qualsiasi che gli capiti a tiro e presenta:
    1. una copia originale del contratto
    2. il modello 69
    3. il modello F23

    se è corretto, io gli starei spedendo tutto quanto da qui, i modelli compilati nelle parti che mi competono. Corretto?

    Grazie infinite!!
     
  20. valcesc

    valcesc Nuovo Iscritto

    E ancora, ho scaricato i modelli 69 ed F23 e mi assale un dubbio rispetto all'F23: vanno specificati entrambi i codici coi relativi importi, 115T e 456T, oppure devo utilizzare un modulo per codice?:confuso:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina