1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. mgsrodi

    mgsrodi Nuovo Iscritto

    vivo in un condominio risalente al 1988, il regolamento di condominio in vigore vieta l'occupazione delle parti comuni con qualsiasi oggetto ivi comprese automibili. Devo precisare che ad ogni appartamento non corrisponde un box dunque proprietari di box non sono proprietari di appartamento,(situazione anomala), ora un condomino ha sollevato la questione del divieto di parcheggiore negli spazi condominiali anche se lo si fa da sempre.
    Mi chiedo se sia possibile modificare quell'articolo del regolamento del condominio e se basta la sola maggioranza assoluta dei condomini o sia necessaria l'unanimitàdegli stessi.
    grazie
     
  2. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Penso che se il regolamento è trascritto alla Conservatoria Immobiliare ci sia bisogno dell'unanimità dei condomini per modificarlo, altrimenti basta la maggioranza richiesta per le delibere in prima convocazione.
     
  3. GAME

    GAME Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    chiedo un chiarimento. "trascritto alla Conservatoria Immobiliare" vuol dire allegato al contratto di acquisto della casa? Grazie:daccordo:
     
  4. Jakal

    Jakal Nuovo Iscritto

    solo a maggiore precisazione di quanto ha già correttamente riferito da "cautandero" leggi questo brano di sentenza che ti può essere utile per il tuo caso: "(...) E' opportuno, innanzi tutto, precisare che è stata da tempo abbandonata l'opinione secondo cui sarebbero di natura contrattuale, quale che sia il contenuto delle loro clausole, i regolamenti di condominio predisposti dall'originario proprietario dell'edificio e allegati ai contratti d'acquisto delle singole unità immobiliari, nonchè i regolamenti formati con il consenso unanime di tutti i partecipanti alla comunione edilizia. La giurisprudenza più recente e la dottrina ritengono, invece, che, a determinare la contrattualità dei regolamenti, siano esclusivamente le clausole di essi limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprietà esclusive (divieto di destinare l'immobile a studio radiologico, a circolo ecc.) o comuni, ovvero quelle clausole che attribuiscano ad alcuni condomini dei maggiori diritti rispetto agli altri.
    Quindi il regolamento predisposto dall'originario, unico proprietario o dai condomini con consenso totalitario può non avere natura contrattuale se le sue clausole si limitano a disciplinare l'uso dei beni comuni pure se immobili. Conseguentemente, mentre è necessaria l'unanimità dei consensi dei condomini per modificare il regolamento convenzionale, come sopra inteso, avendo questo la medesima efficacia vincolante del contratto, è, invece,sufficiente una deliberazione maggioritaria dell'assemblea dei partecipanti alla comunione per apportare variazioni al regolamento che non abbia tale natura. E poichè solo alcune clausole di un regolamento possono essere di carattere contrattuale, la unanimità dei consensi è richiesta per la modifica di esse e non delle altre clausole per la cui variazione è sufficiente la delibera assembleare adottata con la maggioranza prescritta dall'art. 1136 c.c., comma 2 (vedi Cass. S.U. n. 943/99, Cass. Sez. 2, n. 5626/2002)." Cass Civ n. 17694/2007. ciao Jakal
     
    A GAME e piace questo messaggio.
  5. GAME

    GAME Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E' chiarissimo! Grazie:D
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina