1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Roberto61

    Roberto61 Nuovo Iscritto

    Buongiorno, alla morte dei miei genitori ho ereditato l'immobile di loro proprietà e che mio padre aveva acquistato da sua madre nel 1975. Ho fatto tutte le successioni e adesso sto vendendo l'immobile. Il notaio della parte acquirente si è accorto che nell'atto di acquisto di mio padre (nel 1975) è stata trascritta in modo errato la particella catastale. Il notaio mi dice che deve essere rettificato l'atto di acquisto del 1975 e per questo mi chiede 1500 euro + 1000 euro per una perizia di un tecnico. Ho chiesto parere ad un altro notaio il quale mi dice che l'atto del 1975 va in prescrizione acquisitiva (usocapione) e quindi può essere tranquillamente modificato dal notaio senza alcuna perizia giurata. Il notaio della parte acquirente però dice che l'ordinamento della prescrizione acquisitiva non è contemplato. Chi ha ragione? Grazie in anticipo per la risposta
    Roberto
     
  2. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    Gli onorari a quanto dici sono due..uno per il Notaio che dovrà redigere l'atto di rettifica...(1.500) .l'altro per tecnico (1.000) che dovrà regolarizzare l'esatta identificazione catastale. non credo che il primo notaio abbia parlato di perizia giurata ma di oneri spettanti al tecnico.
     
  3. Roberto61

    Roberto61 Nuovo Iscritto

    Si, in effetti il notaio ha chiesto 1500 euro e il tecnico 1000. Ma il mio problema principale è: è necessaria una perizia giurata per modificare un atto di oltre 30 anni fa o la prescrizione acquisitiva (usucapione) consente al notaio di mettere a posto le cose senza bisogno della perizia giurata? In fondo è quello che sostiene un altro notaio a cui ho chiesto parere.
    Grazie
     
  4. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    In ogni caso l'onorario di 1.500,00 €. al Notaio della parte acquirente proprio non gli spetta. In questa pratica non occorre il notaio, perciò incarica tu un tecnico di tua fiducia per far aggiustare la particella. Anche i 1.000,00= per questo incarico mi sembrano un poco esagerati. Devi solo pregare gli acquirenti di aspettare fino a quando non regolarizzi il tutto.
     
  5. ferrari domus

    ferrari domus Nuovo Iscritto

    Roberto, no credo che a perizia giurata non occorra non ha motivo di essere redatta. Le spese richieste mi sembrano in linea con atti simili (rettifica atto-e identificazione catastale di nuovo sub)
    Non è esatto un sub diverso nell'atto identifica un altro appartamento per cui è NECESSARIO provvedere a far redigere l'atto di rettifica dal notaio, altrimenti l'amico si troverebbe a vendere un bene non suo.
     
  6. Roberto61

    Roberto61 Nuovo Iscritto

    Grazie per le risposte. Mi sembra comunque di capire che la prescrizione non si può applicare all'atto del 1975. In effetti il Notaio a cui mi sono rivolto mi ha detto che la perizia giurata assolutamente non è necessaria però mi aveva anche detto che l'atto con la particella errata andava in prescrizione. Mi sembra di capire dalle vostre risposte che comunque un atto di rettifica è necessario.
     
  7. Panti

    Panti Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ciao, io credo che se hai a disposizione l'atto di provenienza, puoi evitare la spesa del tecnico.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina