1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    Cari tutti,
    ho un contratto di locazione ad uso transitorio stipulato a 3 inquilini che non hanno pagato per intero la quota relativa al mese di febbraio. Nonostante i miei continui inviti a farlo questi vengono ignorati. Vi spiego un pò meglio. Gli inquilini non sono nuovi in quanto avevano già un contratto ad uso transitorio. Alla scadenza si è deciso di farne uno nuovo. Gli inquilini avevano anche chiesto se fosse possibile avere una cucina nuova in quanto quella esistente è un pò usurata e poco funzionale. Ho detto loro che non ci sarebbero stati problemi però, vista la spesa che avrei dovuto affrontare, si è parlato di un canone diverso rispetto a quello del contratto precedente. Gli inquilini hanno accettato pur di avere una cucina nuova e hanno per l'appunto firmato il contratto con il nuovo canone da pagare. Cosa è accaduto però? Nonostante la cucina fosse stata già ordinata ma non ancora arrivata sostengono e pretendono di volere pagare la cifra che avevano con il vecchio contratto perché non hanno ancora la nuova cucina a disposizione. Allora mi chiedo perché hanno firmato il contratto se volevano pagare quella cifra solo dopo aver ricevuto materialmente la cucina? Adesso posso fare poco perché dovrei disdire il contratto farne uno nuovo con una pigione diversa per poi farne un altro ancora con un'altra mensilità...insomma un casino. Ma mi chiedo la trasparenza e l'onestà sono sparite da questo mondo?
    Cosa mi consigliate di fare? Io pago delle tasse su una pigione che materialmente non percepisco.. :occhi_al_cielo:
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per coerenza, sino alla data che non arriva la cucina, riconosci il vecchio canone. Come, registra uno sconto canone per n mesi sino a compensare. In fin dei conti conviene sempre avere gente che paga e non baruffare che partire in un nuovo contratto con queste questioni.
     
    A sferbon, bolognaprogramme, fiorello64 e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  3. masagu

    masagu Membro Attivo

    Già..ma come dovrei fare per registrare uno sconto canone Adriano? :occhi_al_cielo:
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Io ti consiglio di fare una scrittura con riferimenti al n° di registrazione del contratto in essere e precisi che il canone di € 1000 lo sconti per tre/sei mesi quello che vuoi di 250 € al mese. Sottoscrivete tutte e due le parti. Vai all'Uff. Registro, due marche da bollo da 16 € con data antecedente alla data della firma e registri con il pagamento di un F24 di € 67. (sia inteso che le spese di € 99 -(67+32 di marche = 99€) sono a carico del conduttore che ottiene il "favore"
     
  5. masagu

    masagu Membro Attivo

    Ti ringrazio Adriano ma non credo che ne valga la pena perché so già la risposta dei conduttori....farebbero prima a pagare quei pochi euro in più che ho richiesto piuttosto che pagare quanto sopra esposto per una modifica....mah sono del parere che in questo paese va avanti soltanto la gente poco onesta...ad ogni modo grazie per avermi risposto e per i tuoi consigli :occhi_al_cielo:
     
  6. AZALEA

    AZALEA Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se l'aumento del canone era condizionato all'acquisto di una nuova cucina e questa non è ancora arrivata, hanno ragione i tuoi inquilini a non voler pagare di più. Mi pare che tu abbia fatto un po' di - casino - Cerca un accordo ragionevole per tutti e due, se fin'ora sono stati dei buoni inquilini, litigare non conviene a nessuno.
     
    A fiorello64 piace questo elemento.
  7. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se l'aumento del canone era condizionato all'acquisto di una nuova cucina e la cucina è stata acquistata, seppur materialmente ancora non consegnata, il canone da percepire è quello aumentato. Non si possono imputare al proprietario, che ha già sostenuto la spesa, i tempi materiali per la consegna del bene acquistato.
    Richiedi l'importo mancante con raccomandata A/R. Se non dovessero pagare, tratterrai le relative somme dal deposito cauzionale al termine della locazione.
     
    A masagu piace questo elemento.
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    pagheresti tu una cosa che non usi, e poi quanto tempo per montare una cucina
     
  9. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se la mettiamo su questo piano gli inquilini aveva chiesto di avere una cucina nuova e non solo di comprare una cucina.
     
  10. masagu

    masagu Membro Attivo

    Bene Tov..grazie per il consiglio ci avevo pensato ma perché sempre problemi? Non ne posso più credimi....Azalea guarda che per me potevano continuare a pagare il vecchio canone con la vecchia cucina sono stati loro a chiedermi di aumentare per avere una cucina nuova...Il punto è che non sono stati onesti perché avrebbero semmai dovuto chiedermi che questo "aumento" sarebbe partito dal momento in cui la cucina fisicamente era presente in casa ma adesso che ho un nuovo contratto con un nuovo canone che loro hanno firmato (quindi sapevano già dell'aumento) perchè si stanno comportando in questo modo? Ti sembra onesto che pago delle tasse su dei soldi che non percepisco per un loro capriccio? Perchè hanno firmato allora? Perchè non sollevavano il problema prima della firma del contratto? Io avrei anche concesso loro il nuovo canone nel momento in cui la cucina fosse in appartamento ma adesso è un casino....che casino avrai fatto quindi secondo te Azalea? Mi sembra di essere stato più che onesto e trasparente io.....:basito:
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    non è questione di essere trasparente, hai cominciato a far pagare il supplemento di una cucina che non è stata ancora montata, chiunque avrebbe qualcosa da obiettare, non ti pare
     
    A AZALEA piace questo elemento.
  12. AZALEA

    AZALEA Membro Ordinario

    Proprietario di Casa

    Ok, avete ragione tutte e due le parti e torto anche, sopratutto nell'avere stipulato un nuovo contratto non specificando quando sarebbe stata utilizzabile la cucina e quindi da che data doveva partire il nuovo canone.
    Oramai che la frittata è fatta, vedete di mettervi d'accordo. Intanto questa benedetta cucina quando dovrebbe arrivare ? per il montaggio può bastare anche una mezza giornata, ma ci sono magazzini (tipo Ikea) che ci mettono anche due mesi per la consegna. A me è successo e poi me l'hanno montata anche sbagliata, quindi altro mese...
    Una soluzione avrebbe potuto essere quella di lasciare a loro la scelta di questi mobili , la cui spesa per te rientrasse entro e non oltre una certa cifra. Io ho fatto così in alcune occasioni riguardanti gli elettrodomestici vecchiotti da sostituire e loro erano ben contenti di poter scegliere.
    Chi ha redatto materialmente il contratto ? Tu o loro ?
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    scusa ma dovevano proprio dirtelo perché da solo non ci arrivavi?
    ma poi questa cucina quando arriverà? è una questione di 2-3 settimane dall'ordine che hai fatto oppure, come per le automobili negli anni d'oro delle vendite, ci voglio 6 mesi per averla.
    secondo me dovresti accordarti nel far pagare il vecchio affitto fino a quando la cucina nuova non verrà montata. Non credo che ci perderai delle grosse cifre a meno che l'aumento è di 500 euro al mese.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  14. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    mi piacerebbe sapere quanto di aumento hai applicato montando una nuova cucina,
     
  15. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusate, ma non condivido questi toni accusatori. I conduttori hanno accettato l'aumento sottoscrivendo un contratto. E i contratti si rispettano, altrimenti potremmo tranquillamente farne a meno.
    Il nostro @masagu, rispettando gli accordi verbali, ha provveduto ad acquistare la cucina, anche se ne avrebbe fatto volentieri a meno, per venire incontro ai suoi inquilini ed ora deve anche sentire darsi addosso per presunte colpe o scorrettezze. Ma stiamo scherzando?
    A me sembra che siamo un attimo fuori dal mondo reale...
     
    A masagu piace questo elemento.
  16. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    aver accettato l'aumento ad una condizione, se manca la condizione perchè non mantenuta, come puoi pretendere che i locatari la mantengono
     
  17. AZALEA

    AZALEA Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Colpe, certamente no, ma leggerezza certamente SI, visto che dei buoni (fin'ora) inquilini sono diventati parzialmente - morosi -
    Non vi siete spiegati bene, evidentemente. Forse pensavano che la cucina arrivasse il giorno dopo ? C'è stato un equivoco da entrambe le parti. Cerca un accordo e non la guerra perchè le leggi oggi proteggono di più i locatari che i locatori.
     
  18. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessuno ha dato la colpa a @masagu . Solamente che da come aveva esposto la situazione appare chiaro, tra accordi verbali e contratto scritto, che con il nuovo contratto con canone aumentato sarebbe arrivata la cucina.
    Come dice @AZALEA è il caso di parlarsi è dire: signori la cucina ordinata arriverà tra un mese/45 giorni/due mesi dall'inizio del contratto; che volemo fà?
    Appare chiaro che se l'aumento rispetto al vecchio contratto è minimo e si tratta di aspettare al massimo un mese, i conduttori potrebbe anche chiudere un occhio e pagare il canome concordato.
    Diverso è il discorso se il nuovo canone è superiore di molto rispetto a quello vecchio e l'arrivo della cucina raggiunge, se non supera, i due mesi.
    Non puoi liquidare il tutto affermando i conduttori hanno firmato il nuovo contratto, devono pagare quello che è stato concordato e basta.
    Non è sufficiente affermare che il proprietario ha adempiuto alla promessa comprando la cucina se questa non è ancora stata installata nell'appartamento.
    E se per disgrazia la cucina è stata comprata presso una azienda in fallimento per cui tutta la merce viene bloccata in attesa dell'inventario di rito?
     
    A bolognaprogramme e AZALEA piace questo messaggio.
  19. masagu

    masagu Membro Attivo

    Credo che solo tovrm abbia colto il nocciolo della questione...ringrazio tutti per aver partecipato alla discussione.. io mi chiedo perchè non sollevare il problema nel momento in cui si è firmato il contratto? Io avrei preso il telefono se fossi stato al loro posto e avrei detto di pagare solo all'arrivo materiale della cucina invece il contratto è stato firmato ed accettato. La cucina è stata ordinata a gennaio e il nuovo contratto è stato fatto da febbraio quindi un mese dopo l'ordine. Adesso se c'è un ritardo per la consegna non è certo colpa mia. Se gli inquilini lo avessero detto io avrei potuto fare due contratti diversi ma ormai è andata così e devo sempre andarci di mezzo io...ancora grazie tovrm..:occhi_al_cielo:
     
    Ultima modifica: 25 Febbraio 2014
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @masagu ha accettato di fornire di una nuova cucina l'appartamento che ha dato in affitto. Contemporaneamente, per questa fornitura ha chiesto un aumento del canone di affitto. Gli inquilini che avevano richiesto una cucina nuova hanno accettato. Ovverossia l'aumento del canone è stato legato alla fornitura della cucina. Masagu in questo caso si è impegnato e quindi si è reso responsabile della fornitura della cucina mentre gli inquilini si sono impegnati al pagamento dell'aumento del canone. @tovrm il contratto prevede la fornitura della cucina, l'aumento del canone era basato su questo presupposto. masagu si è reso responsabile del ritardo dell'installazione della cucina. Essendo il mandante dell'operazione ne assume la responsabilità. Nulla può essere messo in capo agli inquilini, mancano i presupposti del contratto stipulato.[DOUBLEPOST=1393430098,1393429989][/DOUBLEPOST]Volendo, se il fatto fosse più oneroso, si potrebbe rifare sull'azienda che sta ritardando i lavori.[DOUBLEPOST=1393430162][/DOUBLEPOST]Ricordiamoci che per legge non si paga ciò di cui non si usufruisce. In ogni caso.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina