1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gerri

    gerri Nuovo Iscritto

    salve a tutti , sono locatore di un inquilino che gli ho affittato la casa ereditata dai genitori , dal 2008 ha pagato puntualmente i canoni , ma da novembre scorso , ora 12 mesi non mi paga piu' l'affitto . gli ho inviata la lettera dal mio avvocato dicendogli che entro e non oltre 10 giorni mi deve tutti i canoni . l'inquilino non ha intenzioni di pagare perche' dice che ha infiltrazioni di aqua e umidita' , in effetti i miei non hanno mai voluto riparare , la copertura , la casa non e' un condominio . io gli vorrei fare lo sfratto , ho anche il contratto a tacito rinnovo , da ormai tre anni , lui ha tre figli minori ma anche disoccupato . volevo appunto chiedervi , se mi conviene fare una causa davanti al giudice visto che le infiltrazioni ci sono davvero perche' l'inquilino puo' fare le foto e metterci anche lui l'avvocato , grazie ..............
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A me pare che dovresti prima ripristinare l'appartamento a che non abbia infiltrazioni, per altro l'inquilino deve corrispondere l'affitto al locatore, per cui siete in torto ambedue, direi che la soluzione sta nel bel mezzo, tu ripara e lui paga;

    riferimenti di legge;

    Codice Civile
    Art. 1575. Obbligazioni principali del locatore.
    Il locatore deve:
    1) consegnare al conduttore la cosa locata in buono stato di manutenzione;
    2) mantenerla in istato da servire all'uso convenuto;
    3) garantirne il pacifico godimento durante la locazione.

    Art. 1576. Mantenimento della cosa in buono stato locativo.
    Il locatore deve eseguire, durante la locazione tutte le riparazioni necessarie , eccettuate quelle di piccola manutenzione che sono a carico del conduttore.
    Se si tratta di cose mobili, le spese di conservazione e di ordinaria manutenzione sono, salvo patto contrario, a carico del conduttore.

    Art. 1577. Necessità di riparazioni.
    Quando la cosa locata abbisogna di riparazioni che non sono a carico del conduttore, questi è tenuto a darne avviso al locatore.
    Se si tratta di riparazioni urgenti, il conduttore può eseguirle direttamente, salvo rimborso, purché ne dia contemporaneamente avviso al locatore.

    Art. 1587. Obbligazioni principali del conduttore.
    Il conduttore deve:
    1) prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene per l'uso determinato nel contratto o per l'uso che può altrimenti presumersi dalle circostanze;
    2) dare il corrispettivo nei termini convenuti.
     
    A meri56 piace questo elemento.
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    considerando che la casa che ripari è tua l'inquilino qualche ragione ce l'ha. io riparerei e poi cercherei un accordo. in caso contrario sfratto.
     
  4. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Scusami, ma neanche l'inquilino ha ragione, infatti non può esimersi dal pagare il canone di sua iniziativa, praticamente nessuno può farsi giustizia da solo, l'inquilino aveva altre strade da fare in precedenza, poteva p.es. rivolgersi ad un sindacato inquilini, il quale con i suoi legali avrebbe chiesto al proprietario di riparare le infiltrazioni, chiedendo anche un risarcimento danni, ma esimersi dal pagare il canone autonomamente proprio non la vedo come una soluzione valida.
     
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se sollecitato dall'inquilino, il proprietario avesse risolto il problema probabilmente non si sarebbe a questo punto. se il tipo ha pagato per anni l'affitto credo che abbia visto questo comportamento come unico mezzo di pressione sul proprietario. anche perchè in Italia prima di ottenere giustizia... potresti morire.
     
  6. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non si può far giustizia d soli, si tratta di agire, altrimenti si passa dalla parte del torto, insomma hanno torto ambedue n questo caso l'inquilino non poteva da solo esimersi dal pagare l'affitto e il proprietario doveva tenere l'appartamento esente da infiltrazioni, non c'è soluzione autonoma, ognuno per se, che possa risolvere la questione, o si mettono d'accordo oppure si finisce (purtroppo) davanti al Giudice, e sarà quando sarà.
     
  7. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai perfettamente ragione. Ma capisco la sfiducia nella giustizia (?) ammesso che dopo anni di giustizia si possa parlare.
     
  8. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Questo è tutt'altro fatto che non c'entra con il problema, purtroppo si sa che la nostra Giustizia ha tempi lunghi, ma forse ci sarà una soluzione con la nuova norma del mediatore, ma le che vada c'è il Giudice di Pace, tempi brevi e costi contenuti.
     
  9. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sui tempi brevi del gdp dipende... ho sulla scrivania da almeno tre anni un ricorso per un udienza del 2014.
     
  10. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    tutto è relativo, io ho risolto in 30 giorni dal GdP.
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    lo sfratto per morosità si risolve abbastanza presto, il problema è l'infiltrazioni di acqua che va risolto, e rendendo l'immobile abitabile e garantendo un buon godimento, ma purtroppo l'inquilino è disoccupato, e i canoni rimangono in sospeso?????????????????????????:daccordo:
     
  12. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
  13. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Secondo me hanno torto entrambi. Il locatore deve provvedere alle riparazioni straordinarie, quali le infiltrazioni dal tetto, e l'inquilino non può sospendere il pagamento dell'affitto perché il locatore non provvede. Al limite può provvedervi egli stesso, se il locatore non adempie, addebitandogli poi il costo della riparazione ed, eventualmente, detraendolo da canoni. Ma per far ciò avrebbe dovuto prevvertirlo formalmente (tramite raccomandata a.r.), concedendogli un termine congruo per provvedere alle riparazioni trascorso il quale, in caso di inadempienza, avrebbe potuto provvedervi egli stesso.
    Evidentemente il proprietario ha fatto finta di ignorare il problema, per sua convenienza, e l'inquilino ha colto la palla al balzo, visto lo stato di disoccupazione e quindi di disagio economico, per sospendere il pagamento.
    Sinceramente allo stato attuale la vedo dura, per il locatore, ottenere uno sfratto rapido di una famiglia in quelle condizioni economiche, con il capofamiglia in stato di disoccupazione e tre figli a carico. Nessun giudice farebbe a meno di concedere una proroga in un caso del genere.
    Se fossi il proprietario riparerei comunque urgentemente il tetto (tanto da rendere la casa fungibile anche per future locazioni) e poi, eventualmente, costituirei in mora l'inquilino con una lettera di un legale per poter iniziare la causa di sfratto.
     
  14. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti è quanto dico dall'inizio;
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina