1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lucy07

    lucy07 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Gentile forum,

    ho un inquilino (nullatenente) che da tre anni versa il canone a singhiozzo , nel senso che in un anno salta il versamento di alcuni mesi, accumulando fino ad ora una morosità di 8 mesi ;a suo dire il problema sta nel fatto che deve versare il mantenimento ad un figlio laureato ,ma che non lavora e vive con l'ex moglie e che ha il fermo del quinto dello stipendio per multe non pagate e altri pregressi... ; visto che la situazione va avanti da tempo e non si sblocca e che lo sfratto ad un ultra 65 e con problemi di cuore potrebbe andare parecchio avanti sto pensando al pignoramento dello stipendio : mi sapete indicare la procedura ?e come sapere se ha ancora in
    essere le pendenze che afferma di avere e/o se ve ne sono altre?

    grazie
     
  2. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Per pignorare il quinto dello stipendio occorre prima chiedere ed ottenere dal tribunale un decreto ingiuntivo che deve essere notificato al debitore; aspettare che diventi esecutivo (il debitore può proporre opposizione), notificargli il precetto e se continua a non pagare si può procedere al pignoramento presso terzi (il terzo pignorato è il datore di lavoro).

    Come ottenere le informazioni necessarie? Purtroppo la ricerca telematica che potrebbe/dovrebbe fare l'ufficiale giudiziario pare non funzioni ancora; ci si può rivolgere alle agenzie investigative.
    Ne abbiamo parlato qui:
    Ricerca telematica dei beni pignorabili: ne avete (già) esperienza? | Pagina 2 | propit.it - Forum per la Casa
     
  3. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Comunque in una situazione del genere io avrei già iniziato lo sfratto per morosità.
    Se non riesci a convincerlo ad andarsene, incentivandolo con la cancellazione del debito e magari proponendogli una certa somma perché lasci la casa, solo con lo sfratto puoi riottenere la disponibilità del tuo immobile. Certo che se è anziano e in precarie condizioni di salute la procedura può essere lunga.
     
  4. lucy07

    lucy07 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ho capito bene?…..

    dunque il primo passo da fare è prendere le informazioni sul pignorabile , cosa che non posso fare io stessa ?!, ne un'avvocato, ma solo rivolgendomi ad una agenzia investigativa? poi se c'è qualcosa a cui attaccarsi ,rivolgersi ad un avvocato affinché dia avvio all'iter……e con quali costi e tempi…?
     
  5. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Come è stato detto nella discussione che ti ho linkato, tu puoi fare le ricerche al Pra e al Catasto per sapere se il debitore è intestatario di autoveicoli (però a me il Pra non ha dato questa informazione) o di immobili. Se dici che è nullatenente probabilmente sai già che non ha immobili di sua proprietà.
    Se ti paga (quando ti paga...) con bonifico puoi capire qual è la sua banca, ma certamente nessuna banca ti darà informazioni sulla giacenza del conto corrente; mentre l'agenzia investigativa te lo saprà dire.
    Anche se sai dove lavora il suo datore di lavoro non ti dirà se il quinto dello stipendio è già stato pignorato. Né a quanto ammonta il tfr pignorabile.

    L'iter per arrivare ad un pignoramento presso terzi è lungo: richiesta del decreto ingiuntivo, emissione dello stesso da parte del tribunale, eventuale opposizione del debitore, esecutività del decreto, tempistiche per le notifiche al debitore, decreto di assegnazione a tuo favore. Io ci ho impiegato circa 10 mesi per incassare la somma che ho pignorato sul conto corrente del mio ex inquilino moroso.
    Il costo dipende dal valore della pratica (ammontare del credito da recuperare) ed è abbastanza elevato.

    In conclusione: vale la pena di fare il recupero credito se si è ragionevolmente certi di poter "aggredire" qualche bene del debitore.
    Si può tentare un accordo stragiudiziale, eventualmente con la mediazione di un avvocato, ma se il debitore è nullatenente è probabile che non vada a buon fine.

    Per cui, a mio modesto parere, la priorità per il proprietario è di rientrare in possesso dell'immobile. Con lo sfratto per morosità se non ci sono altri modi per convincere l'inquilino ad andarsene.
     
    Ultima modifica: 20 Gennaio 2016
  6. lucy07

    lucy07 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    certo con lo sfratto (costo base 3000 euro?)me ne libero ,ma data la situazione penso possa essere molto lungo e costoso. il debito si aggira sui 3000 euro.
    l'agenzia investigativa mi può dare informazioni circa la sua situazione (pignoramenti in atto ,in coda e bene aggredibili), e poi da li decidere se ne vale la pena ,è che pensavo potesse essere la strada più veloce…e meno costosa ,ma non definitiva….
    forse paventandogli l'idea del decreto inguintivo si smuove ,cosa che con lo sfratto penso non succeda..! ( sanno di poter far penare a lungo...)
    non pensavo ci si potesse opporre ad un decreto ingiuntivo….
    scusa ma cosa si intende per accordo stragiudiziale?
     
  7. lucy07

    lucy07 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    certo con lo sfratto (costo base 3000 euro?)me ne libero ,ma data la situazione penso possa essere molto lungo e costoso. il debito si aggira sui 3000 euro.
    l'agenzia investigativa mi può dare informazioni circa la sua situazione (pignoramenti in atto ,in coda e bene aggredibili), e poi da li decidere se ne vale la pena ,è che pensavo potesse essere la strada più veloce…e meno costosa ,ma non definitiva….
    forse paventandogli l'idea del decreto inguintivo si smuove ,cosa che con lo sfratto penso non succeda..! ( sanno di poter far penare a lungo...)
    non pensavo ci si potesse opporre ad un decreto ingiuntivo….
    scusa ma cosa si intende per accordo stragiudiziale?
     
  8. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E' un accordo tra le parti (creditore e debitore) senza l'intervento del giudice. Quindi nessun decreto ingiuntivo con relative notifiche, precetto, pignoramenti.
    Dopo aver pignorato il c/c bancario del mio debitore, ho sottoscritto con lui un accordo stragiudiziale per il recupero del credito residuo (la somma esistente sul suo c/c non era sufficiente a pagare quanto mi doveva).
    Abbiamo firmato un accordo scritto nel quale gli concedevo una remissione parziale del debito e una rateazione per la somma residua.
    Ho preparato io la scrittura quindi non mi è costato nulla. Se la prepara l'avvocato (del creditore) ovviamente si fa pagare il suo onorario.
    Ora il mio debitore mi sta versando puntualmente le rate concordate. Nel caso diventasse inadempiente, dovrei nuovamente fare la pratica legale.
     
  9. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il debitore al quale sia stato notificato un decreto ingiuntivo ha 40 gg. di tempo per proporre opposizione. Il che è anche giusto perché potrebbe contestare l'ammontare del debito, e il giudice deve valutare le sue considerazioni.
    Decorsi i 40 gg. senza opposizione da parte sua, il decreto diventa esecutivo.
    Considera anche che bisogna pagare l'imposta di registro del 3% sulla somma intimata, ed è poi difficile recuperare questa tassa dal debitore.
     
    A lucy07 piace questo elemento.
  10. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Alla fine è un ginepraio talmente pesante in entrambe le due vesti che fa capolino, e me ne dispiace, la mia più volte postata proposta sull'offerta di
    offrire una somma fino alla concorrenza delle spese legali...come ho fatto con successo nei soli tre casi che il destino mi ha catapultato sulla capoccia.
    E mi fa ancora male, credimi...quiproquo.
     
  11. lucy07

    lucy07 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusate, ma non ho esperienza ne di pignoramenti ne di sfratti……
    alla fine sarebbe opportuno cercare prima un accordo stragiudiziale….appoggiandomi ad un avvocato magari..tipo il rientro del debito a rate? ho sentito parlare anche di giudice di pace , può essere pertinente?
    offrire una somma fino alla concorrenza delle spese legali….mi potete illustrare meglio…grazie
     
  12. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Cosa vuoi pignorare, se un quinto dello stipendio è gia pignorato
     
  13. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Secondo me faresti bene ad esporre i tuoi dubbi ad un avvocato di fiducia, che ti illustri con esattezza la procedura (e relativi costi) più idonea per recuperare il tuo credito.
    Se il tuo credito è di circa 3.000 euro e il debitore è nullatenente, temo che spenderesti dei soldi inutilmente: se non ci sono beni aggredibili e lui non ha i soldi per pagare regolarmente l'affitto, come puoi sperare che paghi la morosità pregressa, sebbene a rate?
    E se non può pagare l'affitto regolarmente, cosa aspetti a mandarlo via? Non temi che il tuo credito continui ad aumentare e le possibilità di recuperarlo continuino a diminuire?! Inoltre finché il tuo immobile rimane occupato da questa persona non puoi disporne liberamente. E continui a pagare le tasse sui canoni non percepiti.

    Per mandarlo via puoi iniziare la pratica di sfratto per morosità, anche questa lunga e costosa, che ti permette di non pagare le tasse sui canoni non percepiti perché avrai in mano la convalida dello sfratto emessa dal giudice.
    Oppure puoi fare come dice @quiproquo : offrirgli una somma di denaro perché vada via subito. Questa somma di denaro potrebbe corrispondere al costo dello sfratto (parcella dell'avvocato e spese inerenti). Oltre alla cancellazione del debito.
     
    A lucy07 piace questo elemento.
  14. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Uva non paga le tasse solo dopo lo sfratto esecutivo, e cioè dopo aver affrontato un sacco di spese, e di mangiamento di fegato, provare per credere
     
  15. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Infatti io ho scritto che non paga le tasse (sui canoni non percepiti) quando lo sfratto viene convalidato dal giudice.
    Se la convalida è successiva alla presentazione della dichiarazione dei redditi, avrà diritto ad un credito d'imposta per le tasse già pagate sui canoni non incassati.
     
  16. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    :stretta_di_mano::fiore::regalo:
     
    A uva piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina