• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Fingard

Nuovo Iscritto
#1
Buongiorno a tutti,

ecco la situazione: abbiamo appena fatto il rogito dal notaio, ma il rogito naturalmente deve essere ancora trascritto.
Il proprietario è anziano e deve operarsi in settimana (lo abbiamo scoperto proprio ieri, il giorno dell'atto).
A quanto dice la sua situazione non è delle migliori.
Ovviamente gli auguriamo tutto il bene (ci mancherebbe!), ma che succede se va male?

Grazie mille!
 

Franci63

Membro Assiduo
#3
Fate presente al notaio di trascrivere il prima possibile.
Comunque il rischio che il venditore venga a mancare e gli eredi si precipitino a fare dichiarazione di successione e a trascrivere i passaggi di proprietà agli eredi degli immobili (tra cui quello venduto) mi pare assolutamente residuale , per non dire nullo.
 
#5
State tranquilli, non avete alcuna ragione di preoccuparvi: nei rogiti notarili viene scritta anche l'ORA dell'atto, nella parte finale, e non solo la data, questo perché la volontà del venditore deve essere chiaro QUANDO è stata espressa.
Vale a dire che se firmo alle 18:10 di domani, e schiatto alle 18:30 perché mi prende sotto un autobus, siete comunque tutelati, ho firmato prima di morire.
 
#7
La trascrizione avviene in automatico a cura del notaio rogante, e anche in caso di decesso del venditore un minuto dopo la firma del rogito, la trascrizione non può e non deve essere bloccata in alcun modo.

Passano circa 30 giorni dalla data dell'atto alla data della trascrizione.

Ma state sereni, quello che conta è la data e l'ora della firma sul rogito, la trascrizione non può essere bloccata se il venditore muore un minuto dopo che ha firmato alla presenza del notaio.
 
#8
Alla peggio sollecitate il notaio a trascrivere velocemente, ovviamente per questioni di delicatezza non fatelo alla presenza del venditore.

Visto che, salvo diverse disposizioni tra venditore e compratore, siete voi acquirenti che pagate il notaio, potete chiedergli cortesemente di fare una trascrizione il più velocemente possibile, vista la particolare situazione.
 
#11
Voglio dire che non è affatto un caso se nella parte conclusiva dei rogiti viene scritto anche l'orario della firma.

Se una persona fa un rogito lo stesso giorno in cui viene a mancare, è importantissimo sapere a che ora ha firmato.

Se sul rogito si trova una firma dichiarata alle 18:15, e il decesso è avvenuto alle 9 di mattina, è il caso di iniziare ad indagare.

Volevo dire semplicemente questo.

Nella fattispecie, secondo me la parte acquirente si sta facendo un problema che non esiste.
 
#12
L'atto pubblico di compravendita si perfeziona a tutti gli effetti con la sottoscrizione delle parti e del notaio che lo rogita. La trascrizione serve solo a renderlo pubblico verso i terzi estranei. Il problema quindi apparentemente non esiste. Infatti potrebbe soltanto sorgere nell'ipotesi d'una postuma azione d'annullamento (in sede necessariamente giudiziaria) basata sulla presumile incapacità d'una delle parti; o legale (es.: firma apposta da un interdetto) o naturale (es.: incapacità anche momentanea d'intendere e/o volere). Tieni presente che tali aspetti vengono al momento responsabilmente considerati dal notaio che, se nutre dei dubbi in merito, è tenuto a disporre degli accertamenti preventivi; quale, nel secondo esempio, una perizia psichiatrica. Nella fattispecie, trattandosi solo d'un anziano venditore destinato a sottoporsi poi ad interventi chirurgici (presumibilmente non al cervello), direi che si può stare tranquilli. Ad abundantiam va altresì considerato che in casi d'impugnativa del genere il giudice tiene anche conto della buona fede della controparte al momento della stipula.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto