• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giogiu05

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve, sono nuovo di questo forum, volevo porvi il mio quesito visto le vostre conoscenze in materia.
Ho acquistato un appartamento nel 2018 con lastrico solare di proprietà esclusiva, è stato terrazzato e ho provato a usufruire della parete confinante con il palazzo accanto per il passaggio di tubi e altro. Sono stato fermato dal proprietario del terrazzo accanto perché ritiene che il muro divisorio è di sua proprietà. In realtà sembra costruito da lui (forse abusivo) perché è alto in una prima parte circa 3 metri, nella parte finale circa 1,5 metri. La parte più bassa dà modo anche di vedere la mia proprietà poiché il solaio del terrazzo è piu alto del mio, quindi privacy zero. Ho chiesto di costruire un muro sulla mia proprietà ma lui non è d'accordo, i palazzi sono di 2 piani costruiti negli anni 60, cosa mi consigliate? Mi scuso in anticipo se non è tutto chiaro.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non vedo perché tu possa asserire che sia "abusivo"...non è la "geometria di costruzione" ad indicare se in regola o meno.

Tu commettevi di certo un "abuso" nel voler fissare o far passare tubi in una proprietà altrui.

Parlare di "privacy" su un luogo aperto (seppur un tetto) la considero parimenti una "pretesa" sciocca.

Se vuoi costruire un nuovo muro devi consultare l'Ufficio Edilizia Privata del tuo Comune (meglio incaricare un tecnico) per le verificare la fattibilità.
Al contempo potrà accertare la "regolarità" di quello del vicino.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Il muro divisorio deve avere un'altezza di m 3,00. Per verificare se il muro sia di un proprietario o comune ci sono certe regole tecniche che in mancanza della documentazione delle spese sopportate per il materiale impiegato o la fatture dell'impresa, aiutano a ricercare le prove sella proprietà del muro. Se il muro è in continuità agli estremi con i fronti anteriore, posteriore o con murature intermedie innestate, dimostra che è stato realizzato da quell'immobile. La continuità della muratura dei piani inferiori, posto che le due proprietà finitime abbiano murature differenti, è prova certa della proprietà. La pendenza della copertina e delle tegole sovrastanti detto muro per lo scolo delle acque meteoriche indica il te il terrazzo del proprietario.
Per poter passare i tubi di acqua, sia biancha, che scura e gas sul muro, occorre istituire una servitù di acquedotto fra i confinanti. Se il muro è del confinante non si può piantare neanche un chiodo se lui non è d'accordo.
Infine se vuoi puoi realizzare un tuo muro addossato a quello del vicino, senza incastrarli e facendo bene attenzione a sigillare l'intonaco perimetrale con prodotti impermeabili per evitare che eventuali infiltrazioni di acque meteoriche possano arrecare danno all'intonaco della muratura esistente.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Anch'io sono perplesso, ma gli artt. 878, 886 del codice civile scrivono di 3 m per il muro di cinta. Ritengo comunque che la privacy la si possa garantire realizzando una recinzione di 2 m. C'è invece da osservare che se questa situazione esistesse da oltre vent'anni la servitù di veduta diretta sarebbe acquisita.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Vero che nell'art. 886 si indica tale quota ...ma Giurisprudenza ha stabilito che tale "valore" è solo indicativo (può essere diversamente fissato da norme locali) al fine di chiedere la contribuzione della controparte fino a tale quota e/o per il rispetto delle distanze.
Tradotto: salvo divieto specifico un proprietario potrà superare tale quota ma unicamente a proprie spese.

Nel 876 non si fissa alcuna misura.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Nel 876 non si fissa alcuna misura.
Nel 876 no, ma nel 878 si.
Poi per esperienza, in casi come quello in esame ho sempre consigliato di portare il muro ad almeno 2 m d'altezza per garantire una certa privacy. Però ho cercato riscontri normativi e non li ho trovati, per questo motivo non l'ho voluto indicare.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Si è vero parla del muro con un'altezza massima di 3 m ma si riferisce alla distanza dai fabbricati: se superiore, considerata fabbricato è richiesta la distanza minima prevista fra gli stessi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

vittorievic ha scritto sul profilo di gabriella2013.
.
Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Alto