1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Luciapp

    Luciapp Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti, saro' breve. Premetto che non ho trovato nulla che trattasse specificamente questo aspetto. Ho di recente acquistato un appartamento sito nel centro storico della mia citta' (quindi ante 67) sul cui rogito e' riportato che accettavo lo stato di fatto degli impianti. Se (spero tanto di no) tra tot tempo dovessi avere la necessità di rivenderlo, potrei farlo stante la non conformita' degli impianti? A voi risulta che la compravendita di un immobile i cui impianti non siano a norma puo' avvenire in queste condizioni (quindi senza impianti conformi) una ed una sola volta? Sarei quindi obbligato a rifare tutto in caso di vendita (data la particolare conformazione della casa si tratterebbe di sfasciare tutto, a fronte di una spesa abnorme)? In questa eventualità una dichiarazione di rispondenza (diri) potrebbe sostituirsi ad una dichiarazione di conformita' dei vari impianti? Grazie molte a chi vorrà replicare
     
  2. Anarchi60

    Anarchi60 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Non esiste una norma particolare dove tu posa richiedere o consegnare la certificazione degli impianti in caso di cessione dell'immobile a qualsiasi titolo ... la norma sulla certificazione degli impianti (DM 37/08 ex L.46/90) impone che gli impianti devono essere regolari e certificati perchè in caso di incidente di qualsiasi genere, allora rispondi per la mancata regolarità degli stessi; ovvero per la mancanza della documentazione.
     
  3. Luciapp

    Luciapp Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Molto gentile, quindi tendi ad escludere categoricamente l'esistenza di una norma come quella sopra descritta? Potrei cioè rivendere l'immobile cosi' come l'ho acquistato, ovvero munito di impianti funzionanti ma non a norma? La mia preoccupazione/perplessita' deriva dal fatto che un commercialista (un caro amico peraltro) sostiene perentoriamente che la compravendita di una casa sprovvista di certificazione di conformita' degli impianti puo' avvenire soltanto una volta, non di piu'.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E da dove ricava tale ipotesi il tuo commercialista?

    In tal maniera chi compra un immobili con impianti "datti" ( per inciso pur sempre "a norma" per il tempo della costruzione) poi sarebbe "costretto" a rifare tutto anche se volesse rinunciare (per sopraggiunte difficoltà economi ne) al progetto iniziale.
    Ma per piacere!!!

    Unico obbligo di messa a norma sarebbe qualora intendesse "locare" tale unità.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E.C.
    immobile
    datati
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    in generale è possibile dichiarare che gli impianti non siano a norma nel caso in cui l'acquirente intenda ristrutturare l'immobile e non lo abiti così com'è. Credo che il commercialista si sia riferito a questo caso. Comunque si può anche vedere se gli impianti possano essere conformi ad una norma precedente alla attuale e magari adattati con inserimento di dispositivi salvavita, se però sono particolarmente vecchi sono anche pericolosi e si devono rifare
     
  8. Luciapp

    Luciapp Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Anche a me la cosa appare senza senso oltre che ingiusta, pero' al momento non posso chiedere delucidazioni perche' il commercialista e' in ferie.
    Ribadisco pero' che mi ha particolarmente colpito la sua assoluta convinzione rispetto a quanto mi andava dicendo...mi auguro che si sia trattato di una grossa svista

    Grazie, in questi documenti non c'e' traccia di norme del genere, se non quella di dover necessariamente adeguare gli impianti in caso di ristrutturazione (cosi m'e' parso di capire)...ma la realizzazione di un tramezzo e' considerata ristrutturazione?
    Rispetto al consiglio di adeguare comunque gli impianti ho il problema che questa casa e' strutturata in modo particolare ed ha pareti spessissime, un rifacimento totale mi costerebbe sui 20000 euro (preventivo approssimativo di una ditta). Inoltre le case del centro storico della mia citta' (oltre ad essere per la grandissima parte sprovviste di agibilita') hanno quasi tutte gli impianti datati pur essendo locate o abitate dai proprietari (giusto una annotazione statistica).
    Parlandoci francamente, se un impianto e' ben fatto pur se non a norma, perche' dovrei rifarlo?
    Da sempre vivo in case dove mai ho avuto certificazioni di conformita', e come me la totalita' dei famoliari-amici interpellati, l'unica persona che conosco con impianti normati e' un cugino che vive in una abitazione di recentissima fattura.
    Rispetto ad una ipotetica locazione e' chiaro che sarei responsabile in caso di incidente derivante da malfunzionamento, questa e' l'unica eventualita' (alquanto remota mi pare) per cui mi sentirei piu' tranquillo con (almeno) l'impianto elettrico conforme ai requisiti di legge.
    Scusate se ho sparato qualche baggianata, per me queste sono cose "nuove".
    Grazie a tutti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina