1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Gatta

    Gatta Membro Attivo

    Ha fatto scalpore una Sentenza della Cassazione che riporto da "Italia Oggi":
    Per la Cassazione i professionisti non sono punibili.
    Non sono reato i programmi pirata.
    Negli studi professionali - attenzione,dico professionali - non è reato usare sui computer dei programmi pirata.
    Lo ha stabilito la Corte di cassazione con sentenza n. 49385 sottolineando che l'uso di programmi
    «piratati» non è punibile in uno studio professionale. La norma parla infatti di imprenditori o
    commercianti. È invece sempre punibile la riproduzione illegale dei programmi. Ma va provata.
    Insomma la terza sezione penale della Suprema corte ha assolto con formula piena (perché il fatto
    non sussiste)e annullando definitivamente la condanna di merito, un geometra che era stato sorpreso
    a usare dei programmi privi di licenza d'uso. Inizialmente era stato incriminato e condannato sia per
    la riproduzione dei programmi sia per la detenzione. Ma lui ha impugnato in Cassazione la sentenza
    depositata dalla Corte d'appello di Trento, sostenendo che l'attività professionale non fosse
    paragonabile a quella imprenditoriale richiesta dalla legge sui diritti d'autore per essere accusati di
    detenzione.
    La terza sezione penale ha condiviso questa tesi affermando che sul fronte riproduzione e concorso
    morale nella riproduzione dell'opera l'uomo non poteva essere condannato per mancanza di prove.
    Mentre, sul fronte detenzione, l'uso che si fa in uno studio professionale, hanno spiegato gli
    Ermellini, non è paragonabile a quello imprenditoriale di cui parlano le leggi vigenti.
    Si legge nella sentenza.. «in conclusione deve ritenersi che il reato previsto dall'art. 171-bis, primo
    comma, primo periodo, seconda ipotesi, legge 22 aprile 1941, n. 633 (Illecita detenzione, a scopo
    commerciale o imprenditoriale, di programmi per elaboratore privi di contrassegno Siae) laddove
    richiede che detenzione avvenga (a scopo commerciale o imprenditoriale) non si riferisce anche alla
    detenzione ed utilizzazione nell'ambito di una attività libero professionale, alla quale pertanto non si
    applica la norma in esame».
    Non solo. Nella pagina successiva delle motivazioni si legge .. «poiché quindi la detenzione e
    utilizzazione dei programmi in questione non è stata fatta nell'ambito di un'attività imprenditoriale,
    ma dell'attività di un libero professionista, la sentenza impugnata dovrebbe, già per questa ragione
    essere annullata perché il fatto non è previsto dalla legge come reato».
    Gatta
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina