• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

enric

Membro Attivo
Proprietario Casa
vorrei sapere, di grazia,se dopo aver diviso un fabb in due parti non lo si deve regolarizzare al catasto con il numero civico nuovo?
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
che si deve procedere anche ad una divisione catastale è certo
in merito alla comunicazione del civico nel catastale > solitamente si può anche evitare di metterlo per il semplice fatto che durante il corso degli anni il civico potrebbe anche cambiare.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
vorrei sapere, di grazia,se dopo aver diviso un fabb in due parti non lo si deve regolarizzare al catasto con il numero civico nuovo?
Nel momento in cui il frazionamento del fabbricato viene perfezionato urbanisticamente, deve essere inoltrato anche in catasto con la presentazione delle planimetrie relative. Ovviamente ad ogni planimetria e DocFa sarà riportato il numero civico corrispondente.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Si ok ....ma se sull'elaborato catastale non si indica il civico non si commette nessun errore per il motivo che indicavano >
" per il semplice fatto che durante il corso degli anni il civico potrebbe anche cambiare ".

Altrimenti di contro ad ogni cambiamento del civico , operato dal comune, si dovrebbe anche aggiornare catastalmente ...... e non è così.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Si ok ....ma se sull'elaborato catastale non si indica il civico non si commette nessun errore per il motivo che indicavano >
" per il semplice fatto che durante il corso degli anni il civico potrebbe anche cambiare ".
Visto che si presenta la variazione catastale, sarebbe opportuno e logico riportare il numero civico corrispondente. E' li che si vede la serietà e la professionalità del tecnico.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Visto che si presenta la variazione catastale, sarebbe opportuno e logico riportare il numero civico corrispondente. E' li che si vede la serietà e la professionalità del tecnico.
quindi cosa stai sottintendendo, che non sono ne serio ne professionale ????
Cosa centra serietà e professionalità ??????
A ragion di logica se NON lo si indica in un futuro non si avranno discrepanze tra civico riportato in catasto e quello realmente presente sull'immobile.
 

enric

Membro Attivo
Proprietario Casa
A me il geometra mi ha fatto pagare 300 euro per cambiare la vecchia via al catasto su degli immobili.Ma dico:se la via la cambia il comune perchè devo pagare io per rettificare?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
quindi cosa stai sottintendendo, che non sono ne serio ne professionale ????
Cosa centra serietà e professionalità ??????
Io ho scritto:
Visto che si presenta la variazione catastale, sarebbe opportuno e logico riportare il numero civico corrispondente. E' li che si vede la serietà e la professionalità del tecnico.
Poi se lo capisci bene, altrimenti non so cosa dirti. Per me è molto chiaro! Un professionista deve dichiarare lo stato dei luoghi.
Ma se vuoi te lo spiego con un discorso più elementare.
 

Elisabetta48

Membro Senior
:se la via la cambia il comune perchè devo pagare io per rettificare?
Se facevi la richiesta di rettifica per conto tuo, non pagavi niente. L'ho fatto anche io una volta, per lo stesso motivo: si entra con Fisconline nel sito dell'Agenzia delle Entrate, si va nella zona dei dati catastali, lì si trova anche il link per segnalare discrepanze e variazioni.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Comunque, ritengo che per apportare certe correzioni bisognerà dimostrare di averne titolo.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Io ho scritto:

Poi se lo capisci bene, altrimenti non so cosa dirti. Per me è molto chiaro! Un professionista deve dichiarare lo stato dei luoghi.
Ma se vuoi te lo spiego con un discorso più elementare.
Ma come TI PERMETTI, come ti permetti di giudicare ciò che NON conosci.
I discorsi elementari falli a TE stesso che mi sa che solo quelli riesci a comprendere !!!!

Lo stato dei luoghi non è certo il numero civico, che il comune può cambiare a suo piacimento. Non ci arrivi a capirlo !!!
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Se facevi la richiesta di rettifica per conto tuo, non pagavi niente. L'ho fatto anche io una volta, per lo stesso motivo: si entra con Fisconline nel sito dell'Agenzia delle Entrate, si va nella zona dei dati catastali, lì si trova anche il link per segnalare discrepanze e variazioni.
Non è sempre così, i nomi della strada sono indicati anche sull'elaborato planimetrico catastale per modificare il quale va presentato altro elaborato che indica lo stato attuale ......ossia l nuovo nome della strada
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Comunque, ritengo che per apportare certe correzioni bisognerà dimostrare di averne titolo.
Se leggi bene ha indicato Fisconline dove puoi accedere SOLO con credenziali personali, se hai intestato un immobile chiedi modifiche/ correzioni sul tuo immobile è LAPALISSIANO che si ha titolo per farlo.
Strano che non arrivi a comprendere tematiche così elementari !!!!
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
si entra con Fisconline nel sito dell'Agenzia delle Entrate, si va nella zona dei dati catastali, lì si trova anche il link per segnalare discrepanze e variazioni.
Confermo; anch'io ho corretto un errore nei dati catastali (nel mio caso un'errata intestazione) utilizzando Fisconline.
Ovviamente occorre avere le credenziali, che si chiedono all'Agenzia delle Entrate.

Se può essere utile, segnalo il link dell'Agenzia.
Tra i dati che si possono correggere, vi sono pure Errore sui dati dell’immobile. L'errore può riguardare indirizzo, ubicazione (n° civico, piano, interno, ecc.)

 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Visto che si presenta la variazione catastale, sarebbe opportuno e logico riportare il numero civico corrispondente. E' li che si vede la serietà e la professionalità del tecnico.
Ma come TI PERMETTI, come ti permetti di giudicare ciò che NON conosci.
I discorsi elementari falli a TE stesso che mi sa che solo quelli riesci a comprendere !!!!

Lo stato dei luoghi non è certo il numero civico, che il comune può cambiare a suo piacimento. Non ci arrivi a capirlo !!!
Invece di scaldarti, cerca di fare attenzione a ciò che leggi.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
si entra con Fisconline nel sito dell'Agenzia delle Entrate, si va nella zona dei dati catastali, lì si trova anche il link per segnalare discrepanze e variazioni.
Comunque, ritengo che per apportare certe correzioni bisognerà dimostrare di averne titolo.
Se leggi bene ha indicato Fisconline dove puoi accedere SOLO con credenziali personali, se hai intestato un immobile chiedi modifiche/ correzioni sul tuo immobile è LAPALISSIANO che si ha titolo per farlo.
Strano che non arrivi a comprendere tematiche così elementari !!!!
La mia risposta era riferita elle discrepanze e variazioni, evidentemente troppo generiche perché possano essere accettate a prescindere. Ovviamente per certe rettifiche deve intervenire il tecnico.
Non aggiungo altro!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Confermo; anch'io ho corretto un errore nei dati catastali (nel mio caso un'errata intestazione) utilizzando Fisconline.
Ovviamente occorre avere le credenziali, che si chiedono all'Agenzia delle Entrate.

Se può essere utile, segnalo il link dell'Agenzia.
Tra i dati che si possono correggere, vi sono pure Errore sui dati dell’immobile. L'errore può riguardare indirizzo, ubicazione (n° civico, piano, interno, ecc.)
Visto che intervengo per presentare nuovi accatastamenti e variazioni docfa, non mi è mai capitato di richiedere correzioni non determinanti e comunque non ero a conoscenza della possibilità di intervenire per via telematica.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Tra i dati che si possono correggere, vi sono pure Errore sui dati dell’immobile. L'errore può riguardare indirizzo, ubicazione (n° civico, piano, interno, ecc.)
aggiungo anche gli estremi dell'intestatario
ma vi è un ma .......si possono chiedere le correzioni sui dati meccanizzati (per cosi dire) ossia quelli di natura informatici archiviati.

Non si possono chiedere modifiche sul grafico dell'elaborato planimetrico catastale
che riporta: i confini e quindi anche il nominativo di strade ed eventualmente n° civico, il tipo di piano, le altezze interne etcc etcc.
E queste sono tutte informazioni fisse sul grafico, modificabili SOLO con una nuova presentazione del grafico stesso.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto