1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Salve. Il proprietario che intende sostituire la sua vecchia caldaia con una nuova è obbligato ad acquistare una caldaia a condensazione? Grazie.
     
  2. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Le caldaie a camera aperta o stagna non a condensazione sono ancora in vendita fino ad esaurimento delle scorte .....
     
  3. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quindi ora si stanno producendo solo caldaie a condensazione? Grazie.
     
  4. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Decreto Legislativo n. 201 del 6 novembre 2007: da settembre 2015, scatterà l’obbligo di installazione delle sole caldaie a condensazione;
    i produttori di caldaie che non potranno più immettere sul mercato modelli non a condensazione a partire dal 26 settembre 2015.
    Quindi di tempo per smaltire le scorte i produttori ne hanno avuto.
     
  6. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    più che obbligato, è consigliato, ma se metti ancora una caldaia non a condensazione, per 10 anni e più puoi andare avanti, e con meno problemi
     
  7. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    mi dispiace è obbligato. Chi rilasca il certificato di conformità dell'impianto, che è l'istallatore stesso, dal 26 settembre 2015 non può più rilasciare questo documento se lui stesso monta una caldaia non a condensazione, perché verrebbe sanzionato.
     
  8. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    non dovrebbero essere in commercio se non vengono certificate
     
  9. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Bisogna mantenere in vita le vecchie caldaie finché possibile ed economicamente conveniente perché :
    - le nuove caldaie sono di gran lunga più scadenti delle precedenti
    - l'impiego massiccio dell'elettronica rende si le caldaie più efficienti ma espone al rischio che si guastino più frequentemente, che meno tecnici sanno metterci le mani con il risultato che si sostituisce tutto e non si ripara più nulla . Quindi maggiori costi di manutenzione ed inquinamento ambientale per parti che vengono sostituite e non riparate
    - se cambi la caldaia sei costretto a sostituire anche tutte le valvole sui termosifoni con valvole termostatiche anche se a casa tua sei in grado di aumentare o diminuire la temperatura dell'acqua di riscaldamento sulla caldaia e la temperatura sul cronotermostatato d'ambiente nonché regolare l'apertura della valvola su ogni termosifone . E devi ricordarti di non chiudere completamente per evitare che l'acqua non ritorni alla caldaia perché la stessa andrebbe in allarme non essendo dotata di Pompa a velocità variabile come negli impianti di riscaldamento centralizzati ....
    L'economia dicono si salva facendo girare i soldi degli utenti ma non sempre migliorando il servizio
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    infatti non dovrebbero essercene più in commercio.
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Premesso che a leggere il DL non si fà specifica menzione delle caldaie a condensazione...e se quello fosse il testo esatto significa che solo i produttori non potrebbero (poi spiego perchè ho usato il "condizionale") più immettere sul mercato caldaie diverse...mentre grossisti, commercianti e installatori possono continuare a installare quanto trovano sul mercato...purchè la targhetta riporti data di fabbricazione antecedente il 26/09/2015.

    Però ho usato il condizionale in quanto (per quanto rinvenuto) si continuerà a produrre ed installare le caldaie a camera aperta...per tutte quelle casistiche in cui vi siano problematiche di canna fumaria condominiale!!!
     
  12. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    e poiché le canne fumarie in condominii datate sono rare si continuerà ad installare caldaie a camera aperta (se all'esterno dell'abitazione ) o stagna se all'interno . È così ? A meno che la canna fumaria condominiale sia obbligatoria e quindi va installata e a quando si cambia caldaia ci si deve per forza collegare?
     
  13. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Non dovrebbero essere fabbricate, non dovrebbero essere commercializzate, non dovrebbero essere certificate, ma di cosa stiamo parlando? se tuttora le stanno istallando in una zona collinare, dove il freddo non manca di farsi sentire
     
  14. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Di caldaie.
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    "La direttiva Europea 2005/32/CE soprannominata “Eco-Design“, entrata in vigore nell’agosto del 2005 e recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 201 del 6 novembre 2007, stabilisce le regole per la definizione dei requisiti tecnici, emanati dalla Commissione mediante regolamenti attuativi, ai quali i produttori di dispositivi dovranno attenersi, già in fase di progettazione, per incrementare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale negativo dei propri prodotti durante tutto il loro ciclo di vita.
    Si tratta di un’ulteriore rivoluzione nel settore del riscaldamento domestico in quanto, da settembre 2015, scatterà l’obbligo di installazione delle sole caldaie a condensazione; l’elevato risparmio energetico e lo sfruttamento dell’energia rinnovabile naturalmente presente nell’ambiente, sono gli obiettivi a livello europeo che cambieranno nel tempo il mondo del riscaldamento domestico."
    Devo ammettere che in prima battuta mi ero fermato qua ma leggendo tutto l'articolo da 26 settembre 2015 Caldaie solo a condensazione è emerso che:
    "L’obbligo riguarderà in prima battuta i produttori di caldaie che non potranno più immettere sul mercato modelli non a condensazione a partire dal 26 settembre 2015.
    A partire da questa data, chi vorrà installare una caldaia in casa propria, dovrà installare solo modelli a condensazione.
    Continueranno ad essere prodotte solo un tipo particolare di caldaia non a condensazione, quelle “a camera aperta”, da installare quando non sia possibile andare a sostituire una vecchia caldaia con una caldaia a condensazione per problemi legati alla canna fumaria collettiva di alcuni edifici multifamiliari.

    ATTENZIONE: Tale obbligo riguarda esclusivamente i produttori e non comporta il ritiro dal mercato delle caldaie di tipo tradizionale.
    Pertanto non c’è un obbligo esplicito di montare esclusivamente caldaie a condensazione ma di non immetterle più sul mercato. Potranno essere ancora installate caldaie non a condensazione purché la data di fabbricazione risulti antecedente al 26 settembre 2015 (per esaurire le scorte di caldaie tradizionali già prodotte)."

    Quindi per rispondere all' O.P. si possono ancora installare caldaie non a condensazione se fabbricate prima del 26 settembre 2015 e se la caldaia a condensazione provoca problemi alla canna fumaria condominale.
     
    A gattaccia piace questo elemento.
  16. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A proposito di Europa, chi fa le leggi, il Parlamento Europeo oppure la Commissione Europea. Me lo chiedo perché mentre in Italia la commissione è nel Parlamento, nella UE la commissione è fuori del Parlamento.
    Altra domanda: dove sta il Parlamento: a Strasburgo, a Bruxelles o nel Lussemburgo?
     
  17. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    a me sembra che per installare la caldaia a condensazione sia necessario installare anche un tubo apposta per l'evacuazione dei fumi, mi pare di plastica e non di acciaio, e anche un altro tubo di scarico degli acidi, quindi bisogna vedere se materialmente sia possibile intervenire in tal senso
     
  18. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Acidi e fumo vengono separati?
     
  19. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    sì almeno mi pare che producano acqua acida che però può essere filtrata
     
  20. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    .... sempre perche' chi fa le leggi non conosce la realta' o in cattiva fede favorisce cambiamenti in favore di qualche produttore.
    Mi dite in Italia quanti condominii siano dotati di canna fumaria per attacchi individuali ?
    Non sarebbe stato piu' idoneo ai fini di migliorare l'inquinamento legiferare prima l'obbligo di installare canne fumarie con attacchi individuali e provvedere con la caldaia alla prima sostituzione ?
    Sulle caldaie a condensazione c'e' ancora una disputa che sono piu' efficienti solo nel caso di riscaldamento a pavimento (bassa temperatura dell'acqua).
    .... relativamente l'obbligo delle valvole termostatiche per impianti individuali ho gia' scritto prima.
    Per ultimo relativamente l'obbligo della certificazione energetica nel caso di vendita/affitto di appartamenti siamo alla terza modifica (se non erro) ma comunque chi ha ottemperato con le vecchie modalita' e' in regola per 10 (dieci) anni !!!
    E dire che in Italia non si fanno le cose serie ... ed in Europa ? Peggio !
     
    A gattaccia piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina