1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Segnalo la sentenza recentissima del 22 febbraio 2010 NB a Sezione Unite.
    Essa ha e avrà effetti devastanti fra l' altro su molti acquirenti che non avendo avanzato alcuna pretesa per vizi costruttivi o altri crediti prima della cessazione del'impresa , verificatasi la cessazione e cancellazione della società, possono e potranno sepellire ogni speranza di rivendicazione.

    Da ciò si deduce ( è quanto vado urlando ai 4 venti da sempre senza essere ascoltato) che pare essenziale al compratore invocare le garanzie di cui al dlgs. 122.05 o altre garanzie fideiussorie. Diversamente saranno guai visto fra l'altro che in questo particolare periodo di congiuntura le imprese edili sono patrimonialmente fragili, soffrono di una stretta creditizia, hanno in casa un sacco di immobili invenduti, tanto è che i fallimenti stanno aumentando esponenzialmente.
    Buona lettura .

    Per effetto della riforma del diritto societario, introdotta dal Dlgs. n. 6/2003, le società, anche quelle di persone, si estinguono definitivamente con la cancellazione dal registro delle imprese. È quanto affermano le Sezioni unite civili della Cassazione con la pronuncia n. 4062 del 22 febbraio scorso.

    L'art. 2495, secondo comma, cod civ., come modificato dall'art. 4 del D.lgs. n. 6/2003 è norma innovativa - osserva la Corte - e ultrattiva che in attuazione della legge di delega, disciplina gli effetti delle cancellazioni delle iscrizioni di società di capitali e cooperative intervenute anche precedentemente alla sua entrata in vigore (1° gennaio 2004), prevedendo a tale data la loro estinzione, in conseguenza dell'indicata pubblicità e quella contestuale alle iscrizioni delle stesse cancellazioni per l'avvenire e riconoscendo, come in passato, le azioni dei creditori sociali nei confronti dei soci, dopo l'entrata in vigore della norma, con le novità previste agli effetti processuali per le notifiche intrannuali di dette citazioni, in applicazione degli artt. 10 e 11 delle Preleggi e dell'art. 73, ultimo comma, Cost.

    Prima dell'introduzione della riforma l'orientamento giurisprudenziale era favorevole ad una interpretazione del codice che disponeva per la prosecuzione della capacità giuridica e della soggettività delle società commerciali anche dopo la cancellazione della iscrizione nel registro delle imprese e dopo il loro scioglimento e la successiva liquidazione del patrimonio sociale. Tale orientamento garantiva soprattutto i creditori con l'affermazione del permanere di una soggettività attenuata e di una limitata prosecuzione della capacità processuale della società la cui iscrizione era stata cancellata.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina