1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Cipollini

    Cipollini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La costruzione di nuovi box al servizio o pertinenziali ad appartamenti che non sono dotati di box o posti auto possono godere di qualche agevolazione fiscale (detrazioni mo IVA ridotta) ? :)
    Grazie
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Deve esistere il vincolo pertinenziale tra l’abitazione e il box, condizione infatti essenziale per poter usufruire della detrazione: il box non deve per forza essere collegato fisicamente all’immobile abitativo ma basta che sia messo al servizio dell’immobile stesso.
    La detrazione IRPEF non opera sul costo effettivo di acquisto del bene, bensì su quello di realizzazione/costruzione (IVA inclusa).
    Per gli acquisti effettuati da imprese costruttrici l’importo spetta comunque solo sulle spese “attestate” dal costruttore.
     
  3. Cipollini

    Cipollini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie della risposta.
    In effetti vorrei costruire ex novo questi box.
    Come renderli "pertinenziali" essendo proprietario di appartamenti attualmente senza box ?
     
    Ultima modifica di un moderatore: 17 Gennaio 2014
  4. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Come già detto prima, il box non deve per forza essere collegato fisicamente all’appartamento, ma basta che si certifichi che sia messo al servizio dell’immobile stesso. Il vincolo pertinenziale deve risultare dall’atto di compravendita.
     
  5. Cipollini

    Cipollini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non li compro, li faccio costruire su un terreno di proprietà al servizio di miei appartamenti vicini sprovvisti di box.

    Come si realizza questa "certificazione" ?
     
  6. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ok! scusa... allora occorre la concessione edilizia (o Dia) da cui risulti il vincolo di pertinenzialità con l’abitazione.
    Per riepilogare, lo sconto fiscale spetterebbe su tutte le spese sostenute per la realizzazione, a patto di pagare con bonifico (bancario o postale) specifico per la detrazione. In questo caso, per altro, sarebbero detraibili anche le spese di progettazione, i diritti per le autorizzazioni e le concessioni edilizie nonché gli oneri di urbanizzazione.
     
  7. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    box pertinenziale :
    A) IVA al 4% se pertinenza prima casa; IVA 10% se pertinenza seconda casa non di lusso

    B) Per quanto riguarda la detrazione del 50% per i box pertinenziali

    Come noto con l’articolo 1 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 è stata istituita la detrazione del 50% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente, detrazione la cui norma istitutiva prevede espressamente l’estensione dell’agevolazione alla realizzazione di autorimesse o posti auto purché pertinenziali, anche in proprietà condominiale.
    Sulla base delle interpretazioni che nel tempo l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto di fornire, la realizzazione dei box pertinenziali deve essere intesa in senso oggettivo, a prescindere dalla soggettività del realizzatore. In tal modo possono fruire dell’agevolazione i seguenti soggetti e fattispecie:
    -soggetti proprietari o detentori ad altro titolo dell’abitazione, i diventano di conseguenza di i costruttori del box;
    -soggetti terzi che assumono le vesti di impresa di costruzione. In questo secondo caso il titolare dell’abitazione di cui il box è pertinenza si limita ad acquistare l’autorimessa usufruendo dell’agevolazione in relazione alle spese di realizzazione certificate dal costruttore.

    Con la circolare n. 57 del 24 febbraio 1998, successivamente confermata dalla risoluzione n. 166 del 20 dicembre 1999, l’Agenzia delle Entrate ha avuto modo di precisare che la detrazione spetta legittimamente anche ai soggetti IRPEF che acquistino, presso una cooperativa o una società immobiliare che non ricopra il ruolo di costruttore, box e/o posti auto già ultimati, anche congiuntamente ad unità immobiliari residenziali. Così come negli altri casi, la detrazione spetta in questa fattispecie limitatamente ad una percentuale dei costi di costruzione.
    In ultimo, la Direzione Regionale delle Entrate del Piemonte, nella risposta del 10 gennaio 2002 all’istanza di interpello 21 novembre 2001, n. 901-111/2001, protocollo 901-86321/2001 e risposta 3 dicembre 2001 all’istanza di interpello 7 novembre 2001 n. 901-74/2001 protocollo n. 901-90912/2001 ha ritenuto di precisare che, sia nel caso di costruzione che di acquisto da terzi la detrazione compete anche se l’autorimessa è pertinenza di una “seconda casa”.

    Il vincolo di pertinenza
    Per espressa previsione normativa si ha diritto alla detrazione solo in caso di spese sostenute per l’acquisto o la realizzazione del box o posto auto pertinenziale ad una unità immobiliare principale. Di conseguenza, così coke ha chiarito la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 7/E del 13 gennaio 2011 in oggetto, tale vincolo deve già sussistere nel momento in cui la spesa viene sostenuta. A tale riguardo, ai sensi dell’articolo 817 del codice civile, è necessario che il proprietario dell’unità immobiliare principale all’atto dell’acquisto del bene servente abbia già manifestato la propria volontà di destinare il box o posto auto a servizio dell’abitazione.
    L’apposizione del vincolo, al fine di usufruire dell’agevolazione può avvenire in uno dei seguenti modi:
    1-espressa indicazione nel corpo dell’atto di acquisto dell’immobile abitativo. In questo caso possono essere detratte tutte le spese sostenute contestualmente o successivamente a tale data;
    2-apposizione del vincolo nell’atto autorizzativi (permesso di costruire o documento equipollente) nel caso di costruzione in proprio o in economia: in tal modo è possibile ottenere l’agevolazione di tutte le spese sostenute anche per il rilascio del permesso stesso (vedi Circolare Agenzia Entrate n. 24/E del 10 giugno 2004 e Circolare Ministero delle Finanze n. 95 del 13 maggio 2000)
    3-stipula e registrazione di un contratto preliminare di compravendita finalizzato all’acquisto del posto auto con l’impresa costruttrice. In questo caso, ai fini della detrazione rilevano tutte le spese sostenute dopo la stipula del preliminare a condizione che gli estremi di registrazione di quest0ultimo vengano indicati nel modulo di comunicazione da presentare al Centro di servizi del Ministero.

    In quest’ultimo caso, se dovesse mancare il contratto preliminare registrato, dal quale poter desumere la volontà delle parti di istituire il vincolo pertinenziale tra immobile principale ed immobile servente, le somme che l’acquirente del posto auto ha versato prima dell’atto traslativo della proprietà, a titolo di acconto, non sono rilevanti ai fini della detrazione, che rimarrà limitata a quanto versato in sede di stipula dell’atto notarile, sempre che in tale sede si abbia cura di evidenziare il vincolo di pertinenzialità.
    Con la risoluzione n. 7/E del 13 gennaio 2011, l’Agenzia delle Entrate ha affrontato il caso della costituzione del vincolo di pertinenza tra immobile residenziale e posto auto contestualmente alla redazione dell’atto di acquisto dell’immobile stesso.
    In questa situazione, stante il fatto che una delle condizioni previste per essere in grado di usufruire dell’agevolazione è la certificazione della spesa mediante bonifico bancario o postale, l’acquirente non può effettuare il pagamento utilizzando un assegno circolare. Nel caso in cui l’atto di compravendita venga stipulato presso un istituto bancario non sussistono problemi in quanto il bonifico può essere eseguito contestualmente al rogito, se invece l’atto di compravendita viene eseguito presso lo studio notarile, da un lato il venditore pretende la certezza dell’incasso del corrispettivo e dall’altro l’acquirente vuole la certezza del trasferimento dell’immobile. Alla luce di ciò si sono venuti a creare nella prassi comportamenti diversificati, tra i quali quello di richiedere il bonifico in data antecedente quella del rogito, al fine di avere la certezza e l’irrevocabilità dello stesso. Al proposito, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, nell’ipotesi in cui il bonifico venga effettuato in data coincidente a quella della stipula dell’atto di trasferimento della proprietà, ma in orario precedente quello della stipula stessa, il contribuente può legittimamente fruire della detrazione del 36%, naturalmente in presenza di tutti gli altri requisiti prescritti dalla normativa di riferimento.
    Questo, nonostante il fatto che, al momento del pagamento il posto auto per il quale si intende fruire della detrazione non sia ancora esplicitamente destinato al servizio dell’abitazione principale.
    Viceversa, nell’ipotesi di versamenti effettuati con bonifico in data anteriore a quella dell’atto notarile di trasferimento della proprietà, in assenza di un preliminare d’acquisto registrato il corrispettivo versato non sarà agevolabile.

    Altre condizioni necessarie per poter fruire della detrazione
    Tra le altre condizioni che sono previste dalla norma al fine di poter utilizzare l’agevolazione in parola, vi è quella della novità della costruzione. Si deve infatti trattare di posti auto o box di nuova costruzione oppure oggetto di interventi di manutenzione. Occorre, inoltre, che il costo dell’intervento venga certificato tramite dichiarazione dell’impresa costruttrice e che il pagamento del corrispettivo avvenga tramite bonifico bancario o postale, cui, però, non andrà applicata la ritenuta del 10% ex art. 25 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78. va poi sottolineato che la detrazione può essere goduta solo in riferimento alle spese che sono state sostenute per realizzare le autorimesse pertinenti immobili residenziali. Tale principio, inoltre, vale sia nel caso in cui il contribuente abbia realizzato in conto proprio il posto auto (operando in economia o tramite il conferimento di un contratto di appalto ad una impresa di costruzioni) sia nell’ipotesi in cui abbia acquisito il posto auto da impresa costruttrice o cooperativa edilizia. In quest’ultimo caso il costo di costruzione, su cui andrà calcolata la percentuale di detraibilità IRPEF, deve essere certificato dal cedente tramite apposita dichiarazione.
    Va inoltre tenuto conto di quali sono le spese che vanno a costituire il monte in base al quale si calcola l’agevolazione. Tali spese sono quelle che sono state sostenute dal cedente in riferimento a:
    1--progettazione;2--esecuzione dei lavori;3--eventuali relazioni di conformità rilasciate dal venditore all’acquirente in forma di norme di legge;4--prestazioni professionali varie che il tipo di intervento ha richiesto;5--IVA (per l’acquirente persona fisica si tratta di un costo), imposta di bollo e diritti versati per l’ottenimento delle concessioni, autorizzazioni e denunce di inizio lavori;6--Oneri di urbanizzazione;--7Tassa per l’occupazione del suolo pubblico versata dall’Impresa all’Amministrazione comunale.

    Sono invece da ritenersi esclusi i costi che l’impresa realizzatrice e cedente ha sostenuto per l’acquisto dell’area e l’utile d’impresa ritraibile dal realizzatore-cedente i posti auto.

    31 gennaio 2011

    Massimo Pipino commercialista telematico
     
  8. zampex

    zampex Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti.
    L'anno scorso ho comprato un box, con indicazione nell'atto del vincolo pertinenziale alla mia abitazione principale, che è anche prima casa.
    La mia casa aveva già un box pertinenziale, questo è il secondo.

    Ho comprato dall'impresa costruttrice, pagato tramite bonifico con il modello predisposto dalla banca per ristrutturazione edilizia.
    L'impresa mi ha certificato i suoi costi di costruzione.

    Il mio problema è la "nuova costruzione" citata dalla norma.
    Quanti anni devono passare perchè il box si possa definire di nuova costruzione?

    L'impresa ha costruito l'immobile alcuni anni fa ed ha lasciato invenduti i box...posso usufruire della detrazione al 50%?

    Se compro da impresa per me è comunque nuova costruzione, e l'indicazione nella norma è comunque una indicazione di massima....

    Che ne pensate?

    Grazie!

     
  9. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    @zampex quel secondo garage NON potrà MAI esser considerato prima casa (sua pertinenza) proprio perché ne esiste già uno.
    Anche una seconda casa purché con destinzione d'uso residenziale o sua pertinenza potrà avere accesso alle detrazioni fiscali.
     
    Ultima modifica: 3 Maggio 2015
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Per l'acquisto, si può fruire dell'agevolazione prima casa (anche se l'acquisto avviene con atto separato) per le pertinenze, con il limite di una sola pertinenza per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7).
    E ai fini dell'IMU, per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità a uso abitativo.
    Ma a parte quanto sopra, la legge non pone limite al numero degli immobili che possono essere utilizzati come pertinenze. Devono essere reali "pertinenze", cioè destinate ed effettivamente utilizzate in modo durevole al servizio dell'abitazione principale, anche se non appartengono allo stesso fabbricato.
    Quindi, ai fini dell'IRPEF, tutte le pertinenze hanno lo stesso trattamento tributario.
    Dal reddito complessivo si deduce un importo fino all'ammontare della rendita catastale dell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze (tutte), rapportato al periodo dell'anno durante il quale sussiste tale destinazione e in proporzione alla quota di possesso.
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, se hai (come sembra):
    - atto di acquisto registrato dal quale si evinca la pertinenzialità;
    - dichiarazione del costruttore nella quale siano indicati i costi di costruzione;
    - bonifico bancario o postale per i pagamenti effettuati.
     
    A zampex piace questo elemento.
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ed è quello che ho detto io avendo già un C/6 autorimessa pertinenziale con la casa, non ne puoi avere una seconda. (questo per l'acquisto ed ai fini IMU, che credo fosse ciò che interessava).
    Per il resto ok.
     
  13. zampex

    zampex Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E' proprio questo che volevo sapere,ossia se avessi facoltà di usufruire delle detrazioni del 50% per acquisto di un box pertinenziale. Ho tutti i documenti di cui sopra in regola, l'unico problema è capire come definire se un box è di nuova costruzione, condizione prevista per usufruire delle detrazioni.
    C'è qualche prassi a riguardo?
    Oppure è sottinteso che, comprando da costruttore, si tratti di nuova costruzione?
     
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Se compri dal costruttore è nuovo altrimenti se compri da un'altro proprietario non è più nuovo. Stop. Ne più ne meno con la macchina.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina