1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. nikitrade

    nikitrade Membro Junior

    Devo fare un nuovo contratto di locazione ed esercitare l'opzione "cedolare secca" vorrei sapere:
    -quale clausola inserire nel contratto (c'è qualche fac-simile)
    -se magari l'anno prossimo vedo che non mi conviene applicare la cedolare secca posso ritornare al regime normale pagando il 2% dell'imposta di registro ecc e chiedere l'aumento istat?
    Grazie mille.
     
  2. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    Nel contratto non servirebbe inserire alcuna voce che menzioni la "cedolare"..

    L'unica possibilità sarebbe non menzionare l'aggiornamento Istat e specificare che si tratta di cedolare ma se vuoi cautelarti e l'anno prossimo magari tornare in regime ordinario è bene lsaciare la clausola dell'ISTAT e non inserire nulla riguardante la cedolare nel contratto.

    E' necessario solamente spedire una raccomandata postale all'inquilino specificando che il Locatore aderisce alla cedolare secca dove ci sarà scritto che per quest'anno non sarà dovuta alcuna imposta di registro e che si rinuncia all'aggiornamente del canone.

    Se l'anno prossimo vorrai ritornare nel regime normale basterà pagare al termine dell'annualità la classica imposta di registro e vedrai che la clausola dell'ISTAT tornerà utile.

    Però l'aggiornamente non puoi chiederlo fino all'anno sucessivo al ritorno al regime normale :)
     
  3. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Puoi inserire la seguente clausola.
    "Cosi’ come specificato al comma 4 del paragrafo 8.3 della Circolare n. 26/E del 1 Giugno 2011 dell’Agenzia delle Entrate, in riferimento all’Articolo 3 del Dlgs 14/03/2011 n. 23, la parte locatrice rinuncia espressamente, per la durata del presente contratto e salvo revoca scritta, all’applicazione degli aggiornamenti del canone a qualsiasi titolo e comunica contestualmente al conduttore l’opzione per il regime di tassazione della "cedolare secca", restando cosi esonerata dall’obbligo di inviare al conduttore analoga comunicazione mediante lettera raccomandata."
    Per ritornare all'opzione della tassazione normale nei modi e tempi adeguati, consulta la circolare n. 26/E del 1 Giugno 2011 dell'AdE che ti allego.
    Vedi l'allegato CedolareseccaaffittiCircolare3.pdf
     
  4. nikitrade

    nikitrade Membro Junior

    lascio quindi la clausola riguardante l'aumento istat e sotto inserico:
    in deroga agli articoli precedenti:
    "Cosi’ come specificato al comma 4 del paragrafo 8.3 della Circolare n. 26/E del 1 Giugno 2011 dell’Agenzia delle Entrate, in riferimento all’Articolo 3 del Dlgs 14/03/2011 n. 23, la parte locatrice rinuncia espressamente, per la durata del presente contratto e salvo revoca scritta, all’applicazione degli aggiornamenti del canone a qualsiasi titolo e comunica contestualmente al conduttore l’opzione per il regime di tassazione della "cedolare secca", restando cosi esonerata dall’obbligo di inviare al conduttore analoga comunicazione mediante lettera raccomandata."
    Grazie mille per la vostra gentilezza.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina