1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti i visitatori di questo forum.
    Devo provvedere alla stesura di un ISEE standard e procedendo nella compilazione dei vari quadri, una volta arrivati al quadro FC2 PATRIMOMIO MOBILIARE, non si riesce a capire se i valori devono essere indicati così come pervenuti dalla banca o in percentuale alla quota di possesso.
    Esempio: due coniugi hanno un c/c cointestato il cui saldo al 31/12/14 è 10.000 euro, con giacenza media 8500 euro; per ogni coniuge deve essere indicata la cifra di 10000 euro e giacenza 8500, oppure euro 5000 con giacenza 4250 euro?
    Negli ISEE degli anni scorsi si indicava il saldo per intero ma poi c'era un campo che indicava la quota di possesso; adesso questa informazione, per questo quadro, non la trovo da nessuna parte...mentre è molto chiara nel campo FC3 PATRIMONIO IMMOBILIARE.
    Qualcuno mi sa dare qualche delucidazione in merito??? Grazie in anticipo. SZ67.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    I dati indicati nella pagina si riferiscono al singolo componente del nucleo familiare.
     
  3. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non riesco a capire...ma se il c/c è cointestato a due o più persone quanto è la parte del singolo componente???
    E nel caso di cointestazione con un soggetto non facente parte del nucleo familiare (esempio due fratelli che hanno due stati di famiglia separati) che cifra si indica per uno dei due che chiede l'ISEE?
    Grazie ancora!!!
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Esiste la presunzione iuris tantum ex art. 1298, comma 2 c.c.: "Le parti di ciascuno si presumono uguali, se non risulta diversamente."
    In giudizio, tale presunzione potrebbe essere superata con una prova contraria, fondata anche su presunzioni semplici.
    Cioè, in assenza di espresse pattuizioni contrattuali in merito, uno dei cointestatari (o gli eredi del contitolare defunto) potrebbe(ro) agire in giudizio per rivendicare (in parte maggiore di quanto la norma del c.c. prevede, o integralmente) le somme presenti sul c/c cointestato, dimostrando che il saldo attivo del rapporto bancario è costituito (anche, o esclusivamente) da versamenti di somme non riferibili agli altri contitolari (in quanto, per esempio, derivanti da alienazioni di beni personali di un singolo contitolare).
     
    Ultima modifica: 15 Luglio 2015
  5. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Procedero' in questo modo. Gentile e informato come sempre. Grazie Nemesis.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina