1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pierugo

    pierugo Membro Junior

    Buongiorno e ben ritrovati. Ho bisogno di alcuni chiarimenti. Lo scorso luglio ho venduto casa e nell'atto è stato scritto che io venditore avrei provveduto a sostenere alcune spese condominiali di manutenzione straordinaria di cui si era discusso alcuni mesi prima della mia vendita. Per correttezza ho palesato al compratore la situazione e trattandosi di poche centinaia di euro gli avevo detto che l'avrei sostenute io.
    Faccio presente che la relativa spesa non era stata ancora deliberata ma c'era solo un computo metrico stilato all'intervento che poco dopo la vendita si sarebbe dovuto apprevare. Il problema è che il condominio ha comunicato verbalmente all'amministratore di voler rimandare il lavoro, l'amministratore ne ha preso atto annullando l'assemblea straordinaria ed io mi ritrovo con un obbligazione presa che non so quando assolvere e soprattutto a che costo visto che la spesa di cui io conoscevo l'ammontare non era stata ancora deliberata. Io ho preso l'impegno sulla base di un preventivo gia stilato ma se ora decidono di buttarlo all'aria e di rifarlo in futuro come posso essere tutelato in tal caso? Quell'obbligo assunto in sede di rogito è stato preso sulla base di certi elementi ma ora mi trovo esposto chissà per qunato tempo e chissà per quale cifra. La mia domanda è: c'è un termine oltre il quale quell'obbligo scade?
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Deve pagare le spese straordinarie chi era proprietario al momento della delibera in assembla anche se nel frattempo vende e i lavori non sono ancora iniziati.
    l'assemblea straordinaria e' stata annullata dall'amministratore. non vale piu' quello che era stato deliberato.
    immagino che tu parli di annullamento della assemblea in cui erano stati decisi i lavori.
     
  3. pierugo

    pierugo Membro Junior

    In effetti il lavoro da eseguirsi era stato discusso ma non ancora formalizzato con tanto di delibera ma poiche' di li a poco si doveva deliberare mi sono impegnato a sostenere la quota di spesa di mia competenza anche se non c' era stata ancora la delibera. E lo fatto per iscritto. Ma ora non so se il lavoro lo faranno, quando e a che preventivo. Nel verbale fu formalizzato solo di effettuare il lavoro ma non fu anche messo per iscritto la spesa da sostenere. Quindi io ho venduto con l'impegno a sopportare la spesa di qualcosa che non so se si fara' piu' e a che prezzo. Per quanto tempo restero' vincolato?
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    nessun problema, il vs. accordo è decaduto, pertanto qualsiasi spese da fare deve essere deliberata dal nuovo proprietario e se la deve pagare:daccordo:
     
  5. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto


    :daccordo::daccordo:
     
  6. pierugo

    pierugo Membro Junior

    Secondo te devo richiedere una qualche liberatoria oppure aspettare cosa viene deliberato da quel condominio in merito a sti lavori tanto discussi e che parevano essere imminenti?
     
  7. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    te l'abbiamo detto in due................non hai piu' nessun obbligo perche' l'assemblea strardinaria e' stata cancellata................non vale piu'.
    quando un'assemblea viene annullata significa che tutto quello che era stato discusso e' fallito.
    quindi bisognera' fare un'altra assemblea e decidere di nuovo tutto.
    a questo punto che centri piu' tu che non sei piu' proprietario al momento in cui verra' deliberata la nuova assemblea e le nuove spese???
    Sta tranquillo........................nessun giudice al mondo ti condannerebbe a pagare per qualcosa che hai si' firmato ma che e' stato anche cancellato.
    :sorrisone::sorrisone:
     
  8. pierugo

    pierugo Membro Junior

    Chiaro. Va bene grazie mille.
    P.U.
     
  9. tamara

    tamara Membro Attivo

    mah! sono perplessa. Secondo me occorre guardare all'obbligazione cui si è vincolato e cioè a come è stata formulata: solo se si fa riferimento all'assemblea poi annullata potrebbe dirsi decaduta l'obbligazione, ma se più in generale si fa riferimento ai lavori di manutenzione indicando quali, quando questi saranno deliberati il compratore secondo me potrebbe esigere l'adempimento da parte del venditore.
     
  10. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    non credo proprio :sorrisone:
    il nostro ordinamento dice che i lavori straordinari deliberati in assemblea vengono pagati da chi e' proprietario al momento della delibera.
    2+2+=4
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    cè un più in più ciao:daccordo:
     
  12. tamara

    tamara Membro Attivo

    si, questo per quanto riguarda i rapporti tra proprietario e condominio, ma qui parliamo di un'obbligazione tra venditore e compratore che potrebbe anche prescindere dalla delibera assembleare se a questa non è stato fatto riferimento. Quindi quando il condominio delibererà i lavori di cui si tratta lo stesso potrà pretenderne il pagamento dal nuovo proprietario, che poi questo possa rivalersi su chi gli ha venduto l'appartamento in virtù dell'obbligo indicato nella compravendita non è da escludersi. Questo è quello che intendevo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina