• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

key

Membro Assiduo
Professionista
Ho fatto un bonifico con una offerta non formale a saldo.

Contesto una parcella che ritengo troppo alta per il lavoro svolto(confortato anche da altri professionisti)

La controparte m'accetta il bonifico con suscritta causale e m'emette una fattura d'acconto.....

Qualcosa non mi torna....

Che ne pensate?
 

Hug

Membro Attivo
Proprietario Casa
Penso che il professionista non sia d'accordo sulla riduzione dell'importo e che abbia considerato quell'importo come un acconto e sia in attesa del completamento del pagamento.
 

key

Membro Assiduo
Professionista
Si.
Ma dopo l'offerta non formale ,non può mettermi in mora,si va semplicemente in causa.....
A proposito Vi chiedo:
se vuole citarmi il giudizio per la residua parcella da lui proposta,il foro copetente è quello della mia residenza.
Il professionista risiede ed opera in altra provincia.
Grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Generalmente, il foro competente è quello del richiedente l'ingiunzione.
Certamente, potrai ottenere un'informazione più precisa dai tanti legali presenti sul sito.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Generalmente, il foro competente è quello del richiedente l'ingiunzione.
Esiste il seguente principio di diritto: "Il compenso per prestazioni professionali, che non sia convenzionalmente stabilito, è un debito pecuniario illiquido, da determinare secondo la tariffa professionale; perciò il foro facoltativo del luogo ove deve eseguirsi l'obbligazione (art. 20 c.p.c.) va individuato, ai sensi dell’art. 1182 c.c., nel domicilio del debitore in quel medesimo tempo".
 
Ultima modifica:

key

Membro Assiduo
Professionista
Ma se il legale preferisce il procedimento OAP e mi tocca il ricorso in prevenzione.....
Tutto questo per non adire una causa presso il mio domicilio e quindi altro foro competente,con l'onere di sobbarcarsi una domiciliazione presso un legale iscritto all'ordine della mia residenza.......
Per 2500 E di parcella residua conviene l'OAP immagino.......
Debbo quindi fare istanza in prevenzione all'ordine subito?
 

key

Membro Assiduo
Professionista
Chiede al Tribunale che ha emesso sentenza in giudizio sulla congruita'parcella,passando prima dal consiglio dell'oro e provinciale.
 

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
Non è chiaro quello che riferisce... ciò che è chiaro è che, non avendo pagato quanto richiestole magari senza neppure contestarlo come sembrerebbe, deve attendersi un decreto ingiuntivo dell'avvocato previo parere di congruità dell'O.A. dove è iscritto oppure una citazione ordinaria, il foro competente è quello della residenza del debitore.
 

key

Membro Assiduo
Professionista
Per l'ex art.20 cpc
Il legale deve prima avere un parere dell'ordine e poi passare per il Tribunale ove e'stata emessa sentenza,dalla quale scaturisce la parcella.
Gia',cautelativamente ho presentato istanza in prevenzione all'ordine dove e'iscritto il legale.
Verbalmente sono due anni che gli contesto sta parcella.....
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto