1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ho acquistato nel 1996 un box auto di 20 mq. situato nello scantinato dello stabile in cui abito e ho presentato al mio Comune di residenza (Massafra) una denuncia dell'immobile ai fini ICI .

    In tutti questi anni mi sono pervenute le cartelle esattoriali relative alla TARSU solo relative alla mia abitazione e mai per il box auto. Pochi giorni fa mi è stata recapitata una raccomandata a mano contenente l'avviso di pagamento della TARSU del box auto per gli anni 2007 e 2008 pari a 156 euro (comprensivi di spese di notifica, sanzioni, addizionali e interessi vari) che diventavano 87 euro se pago entro 60 giorni. La violazione accertata è OMESSA DENUNCIA.

    Considerato che la tassa non pagata per i 2 anni citati corrisponde a 37 euro circa complessivamente, mi è sembrato sproporzionato l’importo addebitatomi e così mi sono recato all’ufficio tributi per chiedere lumi in proposito, in quanto io la denuncia l’ho presentata nel 1996 e, a mio avviso, la colpa del mancato pagamento della tassa è dovuta al Comune che non mi ha mai certificato alcunchè.

    Alle mie rimostranze hanno risposto che per legge (quale?) il Comune ha 5 anni di tempo per verificare i mancati pagamenti o le omesse e/o infedeli denunce e che, poiché la legge non ammette ignoranza, la colpa è solo ed esclusivamente mia che non ho denunciato all’ufficio tributi la proprietà ai fini TARSU. In definitiva la denuncia della proprietà ai fini ICI da me fatta nel 1996 non fa testo ai fini TARSU.

    Pur accettando, mio malgrado, di pagare il 2007 e 2008, ho chiesto di poter regolarizzare la mia posizione per gli anni a seguire (dal 2009 a tutt’oggi) e mi hanno risposto che non è possibile, in quanto non sono state ancora pianificate le dichiarazioni e pagamenti dal 2009 in poi, quindi allorchè il Comune deciderà di farlo, dovrò ancora una volta pagare le relative more, interessi, sanzioni, etc.

    L’unica cosa che hanno accettato è quella di poter denunciare oggi (ossia dal 2013) all’ufficio tributi il modulo relativo alla TARSU.

    Chiedo a tutti coloro ferrati in materia:

    1) E’ vero che il Comune ha 5 anni di tempo per effettuare le verifiche?

    2) E’ vero che la denuncia di proprietà di un immobile ai fini ICI non è valida per la TARSU?

    3) E’ vero che non posso regolarizzare le mie pendenze dal 2009 ad oggi, solo perché il Comune non lo ha ancora fatto? Perché non posso risparmiare anzitempo le sanzioni che dovranno ancora essere stanziate?


    Ringrazio anticipatamente tutti i soci del forum che hanno avuto la pazienza di leggere questa mia lettera e tutti coloro che mi daranno informazioni utili al caso.
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Risposta:
    1) SI
    2) SI
    3)SI
    NB: punto 3. Con un ravvedimento operoso puoi regolarizzare solo l'ultimo anno.
     
    A possessore e essezeta67 piace questo messaggio.
  3. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chi occupa un immobile, di qualsiasi genere, deve provvedere, almeno per ora, alla dichiarazione TARSU, e se avete degli inquilini è bene verificare che questi abbiano provveduto a farlo, altrimenti se l'inquilino se ne va il Comune chiederà a voi eventuali arretrati e sarete voi a dover cercare di farvi rimborsare dall'ex inquilino, ammesso e non concesso che riusciate a rintracciarlo.
     
    A possessore piace questo elemento.
  4. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao,
    possibile che il Comune, in caso di inquilino inadempliente e con contratto di affitto regolarmente registrato, possa chiedere al proprietario l'omesso versamento TARSU? mi sembra iniquo e fra l'altro io non posso fare da poliziotto e indagare se l'inquilino è in regola.
    che ne pensate ?
     
  5. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Iniquo forse, ma io ho pagato per l'inquilino.
    La verifica è abbastanza semplice. Basta recarsi in Comune, all'Ufficio Tarsu, magari con una fotocopia del contratto, e controllare che sia stata fatta la dichiarazione e che l'imposta risulti a nome dell'inquilino, soprattutto se la locazione riguarda usi diversi dall'abitazione.
     
  6. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Pino vai sul sito del tuo comune e vedi cosa dice a riguardo degli locali soggetti al pagamento della tarsu ovvero che caratteristiche devono avere, nel mio comune i locali i quali non hanno luce e acqua pertano non abitabili non possono produrre rifiuti, cosa vogliono che tu paghi? la tarsu è una tassa su i rifiuti presunti che tu puoi produrre e non a caso hanno fatto anche le classi quelli, che pagano di più sono i parrucchieri perchè sono rifiuti speciali.
     
  7. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quelli che pagano la tassa rifiuti più alta sono i pubblici esercizi (ristoranti pizzerie) in quanto dispongono di ampie metrature e producono rifiuti assimilati agli urbani e cioè a quelli che producono le normali famiglie (scarti di cibo, imballaggi degli alimenti ecc...) e i supermercati per lo stesso motivo. Lo smaltimento di questo tipo di rifiuti è in carico al comune.
    Chi produce rifiuti speciali di solito smaltisce in proprio i rifiuti speciali prodotti (ovviamente a proprie spese) e paga al comune solamente lo smaltimento di rifiuti assimilati agli urbani (rifiuti prodotti da uffici, bagni, sala mensa, spogliatoio ecc.). Saluti.
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    chiacchia, la Tarsu la devi pagare in relazione della metratura del tuo immobile.
    L'abitazione dell'OP era di 500 mq, con l'acquisto del box sono diventati 520.
    Anche se il box non produce rifiuti:
    Lui non ha "denunciato" entro febbraio (non ricordo il giorno) la metratura in più.
    Quindi OMESSA DENUNCIA, come accertato dal comune.
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io mi trovo nel comune di Casoria e le cose non stanno come dite voi ecco perchè mi sono permesso di..... del resto come dite voi i Vs. comuni dovrebbero cambiare la sigla della tassa, in pratica è una seconda IMU altrimenti vanno contro il codice civile....ma questa non sarebbe una novità
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Che il proprietario non può fare "da poliziotto". Ma se il proprietario era il precedente occupante o detentore dei locali, poi concessi in locazione, ha l'obbligo di presentare la cessazione dell'occupazione di quei locali.
    La cessazione, nel corso dell'anno, dell'occupazione o detenzione dei locali e aree, dà diritto all'abbuono del tributo a decorrere dal primo giorno del bimestre solare successivo a quello in cui è stata presentata la denuncia della cessazione debitamente accertata.
    In caso di mancata presentazione della denuncia nel corso dell'anno di cessazione, il tributo non è dovuto per le annualità successive se l'utente che ha prodotto denuncia di cessazione dimostri di non aver continuato l'occupazione o la detenzione dei locali e aree ovvero se la tassa sia stata assolta dall'utente subentrante a seguito di denuncia o in sede di recupero d'ufficio.
    Entro il 20 gennaio successivo.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  11. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Almeno per ora?
    Guarda che a decorrere dal 1° gennaio 2013 è in essere la TARES.
    Ti dico le scadenze del mio Comune: 31/8/--31/10--31/12/2013.
    Non è tutto, la TARSU scadenze anno 2012: 30/9--30/11/2013 e 31/01/--31/03/2014
    Insomma un bel salasso, non c'è che dire!!!
     
  12. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sai com'è, .... del doman non v'è certezza. Vuoi vedere che si inventano ancora qualche altro acronimo ...... naturalmente il significato per noi è sempre lo stesso .... pagare, pagare, pagare.
     
  13. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Guarda che su tutto il territorio italiano e conseguentemente nel tuo Comune di Casoria secondo il decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, dal primo gennaio c'è la TARES per la copertura dei costi smaltimento rifiuti e servizi indivisibili.
     
  14. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma qui si sta parlando di TARSU non di tares
     
  15. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per Alberto Bianchi:
    Ti ringrazio per le risposte esaustive, ma vorrei capire qualcosa in più circa il ravvedimento operoso, ossia per il 2012. Io, dopo aver avuto le risposte da Comune di Massafra, mi sono recato all'ufficio protocollo e ho presentato la denuncia TARSU del mio box auto. Poichè l'ho presentata a Settembre 2013, c'è qualche relazione col 2012 o col ravvedimento operoso di cui parli? Se non esiste alcuna relazione, cosa devo fare per evitare che mi stanghino anche per il 2012? Attendo tue notizie. Grazie

    Vorrei capire perchè un qualsiasi comune italiano necessita di 2 denunce (una ai fini ICI e una ai fini TARSU) per uno stesso immobile. Mi sembra così semplice da capire che se un tizio dichiara la proprietà di immobile è evidente che deve sottostare alla gabella della TARSU. Mi si potrà dire che la Tarsu deve pagarla l'utilizzatore, quindi non è corretto che la paghi il proprietario; A mio avviso il comune deve invare la cartella esattoriale al proprietario che, "solo nel caso abbia affittato l'immobile ad un eventuale inquilino" lo informa di andare a denunciare e pagare la Tarsu, altrimenti la paga lui. E' così semplice ma purtroppo siamo in Italia.... e ci siamo capiti.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Settembre 2013
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il ravvedimento operoso ex art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997 è possibile solo se avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore.
     
  17. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    @chiacchia

    Cosa ha scritto pinomaga? All'Ufficio Tributi hanno sbagliato, per me, hanno sbagliato; doveva denunciare dal 2013 il modulo relativo alla Tarsu, ma non è così,
    doveva denunciare la TARES, ormai è legge.

     
  18. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per Nemesis: Scusami, ma la tua risposta sarà sicuramente tecnica ma non ci ho capito un tubo. Ti ripeto, pochi giorni fa, il 20/09/2013 ho protocollato la denuncia al comune relativa alla TARSU. La domanda è: sono coperto anche per il 2012? rispondimi con un si o con un no. Se la risposta è no, cosa posso fare per non pagare il 2012?[DOUBLEPOST=1380298298,1380298153][/DOUBLEPOST]per Chiacchia: spiegati meglio, che centra la Tares con la TARSU? Se al comune hanno sbagliato cosa devo fare per evitare di pagare le sanzioni e per mettermi in regola anche per il 2012?
     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Oggi, è ravvedibile solo un pagamento che avresti dovuto effettuare non oltre un anno fa (un anno prima di oggi).
     
  20. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per Nemesis: e quindi che vuol dire? Per il 2012 devo effettuare un pagamento ad hoc o è sufficiente aver presentato oggi (2013) la denuncia Tarsu e in futuro mi arriverà la cartella esattoriale del 2012 senza sanzioni?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina