• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Daniele909

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buongiorno. Sono un conduttore di un appartamento in affitto. Oltre all'appartamento, la palazzina è di proprietà del locatore. Siccome l'altro ieri il tecnico della società del gas ha riscontrato una perdita nel luogo dove sono locati i contatori, ha dovuto chiudermi la linea, dicendo che fino a che un idraulico non effettuerà la riparazione non potremo usufruire del gas. Ebbene il locatore mi ha subito contattato dicendomi che non devo inviare nessun idraulico di mia fiducia, altrimenti denuncia me e l'idraulico per mancata autorizzazione. Alchè il locatore mi ha chiamato il giorno dopo, avvertendomi che avrebbe mandato il tecnico. Ad oggi, nonostante l'appartamento sia in condizioni di inagibilità per mancata presenza del gas, il locatore non ha mandato nessuno. Se questa situazione dovesse protrarsi ancora, ho diritto a smettere di pagare l'affitto e iniziare a cercare un altro appartamento? Grazie.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Cambiare casa puoi sempre farlo ... smettere di pagare l'affitto no.

2 giorni di attesa per un idraulico?
Ma cosa pretendi?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Vista l'urgenza, sarebbe il caso di inviargli un telegramma dove gli comunichi ufficialmente il problema, se non l'avesse fatto la società erogatrice del servizio, chiedendo la sua risoluzione immediata, trascorso un giorno senza risposta ti riservi di provvedere per conto tuo girandogli il costo dell'intervento. Sarebbe opportuno sentire anche il parere di un legale.
 

Daniele909

Nuovo Iscritto
Conduttore
Cambiare casa puoi sempre farlo ... smettere di pagare l'affitto no.

2 giorni di attesa per un idraulico?
Ma cosa pretendi?
Non capisco dove vuole arrivare a parare... Sì, per due giorni d'attesa, nonostante le ripetute chiamate che gli ho fatto, il locatore non ha nemmeno mandato un tecnico per fare un controllo generico. Direi che è una situazione sconcertante, considerando che mi ha minacciato di querelarmi se invio un tecnico di mia fiducia, visto il guasto importante.
 

Daniele909

Nuovo Iscritto
Conduttore
Vista l'urgenza, sarebbe il caso di inviargli un telegramma dove gli comunichi ufficialmente il problema, se non l'avesse fatto la società erogatrice del servizio, chiedendo la sua risoluzione immediata, trascorso un giorno senza risposta ti riservi di provvedere per conto tuo girandogli il costo dell'intervento. Sarebbe opportuno sentire anche il parere di un legale.
Ho contattato il mio legale per avere un parere, e ha risposto dicendo che posso tranquillamente chiamare un tecnico per la riparazione. Comunque la ringrazio per il consiglio.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Art. 1577 c.c. Necessità di riparazioni.
Quando la cosa locata abbisogna di riparazioni che non sono a carico del conduttore, questi è tenuto a darne avviso al locatore.
Se si tratta di riparazioni urgenti, il conduttore può eseguirle direttamente (*), salvo rimborso, purché ne dia contemporaneamente avviso al locatore.

(*)
per tale tipo di intervento non è richiesta la preventiva autorizzazione e non risulta neppure di ostacolo l’eventuale divieto del locatore.
 
Ultima modifica:

Daniele909

Nuovo Iscritto
Conduttore
Art. 1577 c.c. Necessità di riparazioni.
Quando la cosa locata abbisogna di riparazioni che non sono a carico del conduttore, questi è tenuto a darne avviso al locatore.
Se si tratta di riparazioni urgenti, il conduttore può eseguirle direttamente (*), salvo rimborso, purché ne dia contemporaneamente avviso al locatore.

(*)
per tale tipo di intervento non è richiesta la preventiva autorizzazione e non risulta neppure di ostacolo l’eventuale divieto del locatore.
Grazie per la risposta. Quindi, se ho capito bene, non è necessario che invii una raccomandata di avviso al locatore, nel caso fossi costretto a richiedere l'intervento di un tecnico di fiducia?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non capisco dove vuole arrivare a parare... Sì, per due giorni d'attesa, nonostante le ripetute chiamate che gli ho fatto...
Arrivo al fatto che quando chiamo un idraulico è un miracolo se si presentano in una settimana... salvo vi siano problemi "gravi".
Ora se hanno chiuso il gas non sei in situazione di pericolo quindi nessuna urgenza.
L'abitazione è comunque agibile seppur sia innegabile il disagio della mancata disponibilità del gas (e cose da questo dipendenti).

Sul resto ti hanno già informato.
 

Daniele909

Nuovo Iscritto
Conduttore
Arrivo al fatto che quando chiamo un idraulico è un miracolo se si presentano in una settimana... salvo vi siano problemi "gravi".
Ora se hanno chiuso il gas non sei in situazione di pericolo quindi nessuna urgenza.
L'abitazione è comunque agibile seppur sia innegabile il disagio della mancata disponibilità del gas (e cose da questo dipendenti).

Sul resto ti hanno già informato.
No vede, la cosa assurda è che il locatore aveva pronto l'idraulico il giorno successivo al guasto, come mi aveva riferito lui stesso, ma purtroppo non lo ha ancora mandato per sua precisa volontà, dato che il locatore mi ha ordinato di presentarmi presso la sua abitazione, allo scopo di presentarmi il prospetto dei lavori (che vuole accollare a me e al resto dei condomini). Siccome abbiamo avuto gravi divergenze in passato, non intendo presentarmi a casa sua, e inoltre non lo ritengo nemmeno necessario. A fronte di ciò, il locatore sta protraendo deliberatamente. Come vede, è una situazione piuttosto intricata. Ad ogni modo la ringrazio per il suo intervento.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
il locatore mi ha ordinato di presentarmi presso la sua abitazione, allo scopo di presentarmi il prospetto dei lavori (che vuole accollare a me e al resto dei condomini).
Nel primo post hai scritto che il tuo locatore è proprietario di tutta la palazzina.
Se è così, le persone che abitano negli altri appartamenti non sono condòmini (= proprietari) ma conduttori (= inquilini) come te.
A mio parere, trattandosi di lavori inerenti l'impianto del gas dello stabile, l'intervento è esclusivamente a carico del proprietario. Quindi tu e gli altri inquilini non dovrete accollarvi la spesa di riparazione.

Inoltre se il proprietario tarda ad inviare il suo idraulico e la mancanza di gas ti crea disagio, puoi ricordargli che è suo dovere attivarsi velocemente in base all'art. 1575 Cod. Civ.:
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
ma purtroppo non lo ha ancora mandato per sua precisa volontà, dato che il locatore mi ha ordinato di presentarmi presso la sua abitazione,
Questa è una "realtà" che appare ben diversa da quella che lasciavi supporre nel post iniziale.
Chiarisci una cosa;: hanno chiuso solo il tuo gas o a tutta la palazzina?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
il locatore mi ha ordinato di presentarmi presso la sua abitazione, allo scopo di presentarmi il prospetto dei lavori (che vuole accollare a me e al resto dei condomini).
Ma siete militari? E lui è un tuo superiore? Un tempo l'ordine non si poteva discutere, oggi i tempi sono cambiati.
La leva l'ho fatta da ufficiale (dei Bersaglieri) e non mi sono raffermato perché non accettavo di essere comandato da uno che aveva un grado superiore, ottenuto non per merito, ma per anzianità: spesso, fuori dalla caserma, erano esseri inutili.
 

Daniele909

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ma siete militari? E lui è un tuo superiore? Un tempo l'ordine non si poteva discutere, oggi i tempi sono cambiati.
La leva l'ho fatta da ufficiale (dei Bersaglieri) e non mi sono raffermato perché non accettavo di essere comandato da uno che aveva un grado superiore, ottenuto non per merito, ma per anzianità: spesso, fuori dalla caserma, erano esseri inutili.
No infatti assolutamente! La penso proprio come lei! Difatti ho intenzione di chiamarmi un tecnico e fare il lavoro. Però, siccome siamo in Italia, prima di agire e di avviare un'azione, è sempre bene avere la certezza di potersi muovere. È la prima volta che mi capita una cosa del genere. Con gli altri proprietari non ho mai avuto problemi del genere. Il problema è che queste persona è fuori di testa (come è stato confermato anche da altri suoi ex inquilini, che sono scappati da lui)
 

gattaccia

Membro Attivo
Proprietario Casa
No infatti assolutamente! La penso proprio come lei! Difatti ho intenzione di chiamarmi un tecnico e fare il lavoro. Però, siccome siamo in Italia, prima di agire e di avviare un'azione, è sempre bene avere la certezza di potersi muovere. È la prima volta che mi capita una cosa del genere. Con gli altri proprietari non ho mai avuto problemi del genere. Il problema è che queste persona è fuori di testa (come è stato confermato anche da altri suoi ex inquilini, che sono scappati da lui)
attenzione che in caso di riparazione impianto gas potrebbe essere necessaria una nuova dichiarazione di conformità, con relativa prova tenuta impianto, materiali usati, schema impianto, tutto quanto a norma UNI etc. etc.
(ad es. che io sappia se il tubo del gas è rotto non può esserci una riparazione sottotraccia, deve essere lasciata esterna...)
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Di solito il tubo di adduzione ed il contatore del gas sono di proprietà della sociertà erogatrice del servizio: la installazione e la manutenzione di queste parti sono fatte dalla società anche se poi i costi sono riversati sul cliente.
Dalla ghiera di uscita del contatore fino alla cucina/caldaia/scaldaacqua l'installazione della tubazione e la sua manutenzione sono operazioni gestite direttamente dal cliente che deve far fare il lavoro ad un tecnico abilitato a rilasciare il certificato di conformità degli impianti.
Se hanno chiuso solo il tuo contatore significa che il problema riguarda sola la tubazione che porta il gas nel tuo appartamento.
A questo punto bisogna fare una considerazione di base: tu sei affittuario gli allacciamenti dei servizi fanno parte della casa affittata e per la loro manutenzione/riparazione vale lo stesso principio che regola la manutenzione/riparazione/sostituzione degli oggetti che col tempo possono rompersi. Se tu sei intestatario del contratto di fornitura del gas puoi chiamare il tuo tecnico di fiducia, omologato dalla normativa vigente, per riparare il guasto il cui costo sarà a tuo carico. Tuttavia se il guasto comporta la sostituzione di un tratto di tubazione,questa lavorazione sarà a carico del proprietario di casa che potrà chiamare un suo tecnico.
Due giorni senza gas rappresentano il tempo limite oltre il quale tu puoi fare i lavori con il tuo tecnico dopo di che gli scali l'importo dell'intervento dall'affitto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Come faccio a leggere una risposta al quesito sottoposto
Alto