1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buonasera
    possiedo due appartamenti attigui al primo piano del mio condomino di sei piani, di cui uno locato, ma ancora per poco poichè a luglio è prevista il termine locazione. Volevo chiedervi, giacchè è mio intendimento procedere con una ristrutturazione, ampliando l'attuale unità abitativa in cui vivo, annettendo quello attiguo , cosa cambierebbe in regime fiscale e spese condominiali in considerazione che si identifica un unica e sola unità abitativa, ovviamente dopo aver avviato le previste procedure di rito per le variazioni catastali, autorizzazioni e comunicazioni all'ufficio tecnico del mio comune.
    L'IMU sulla seconda casa verrebbe eliminata ? Visto che diventerebbe unica abitazione principale?
    Gli oneri per l'amministratore di condominio farebbero riferimento a una sola unità abitativa ?

    Grazie per le risposte
     
  2. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Si l'IMU seconda verrebbe eliminato.
    Le spese condominiali farebbero riferimento ad una sola unità ma verrebbero sommati i millesimi di proprietà per la ripartizione spese.
    Se prima avevi ad esempio 200 millesimi e 200 millesimi, ora ne avrai 400.
     
  3. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Si l'IMU seconda verrebbe eliminato.
    Le spese condominiali farebbero riferimento ad una sola unità ma verrebbero sommati i millesimi di proprietà per la ripartizione spese.
    Se prima avevi ad esempio 200 millesimi e 200 millesimi, ora ne avrai 400.
     
  4. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ok
    era quello che immaginavo e che mi sembra anche giusto, soprattutto per quanto concerne l'IMU.
    Invece, volevo chiedere per gli aspetti che attengono le spese condominali quali sono subordinate ai millessimi di proprietà e quali alle sole singole unità abitative? ad ese. lavori straordinari, lavori ordinari, pulizia scale, consumo energia elettrica parti comune, manutenzione ascensore eccetera
     
  5. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Informati bene sull'eventuale riaccatastamento con probabili
    varianti di categoria e di classe con effetto ripercussivo
    a cascata su tutte le tasse, imposte, servizi pubblici e privati...
    Forse Daniele78 potrà meglio chiarirti in merito. quiproquo.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se gli immobili hanno una categoria e classe assegnata da tempo, con il nuovo accatastamento per fusione con la procedura DOCFA automaticamente verrà aggiornata sia la categoria che la classe con conseguente adeguamento delle tasse connesse. Pertanto, l'osservazione di QpQ è fondata.
     
    A Daniele 78 e quiproquo piace questo messaggio.
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    A prescindere che se 2 abitazioni sono come descritti da daniele 400 mq. non so se il comune accetta come prima casa
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Adimecasa i 400 non sono mq ma i millesimi cumulati nell'ipotesi di Daniele.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  9. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Grazie @Gianco la fusione (specialmente nei casi di vecchi immobili) porta anche al cambiamento di classe e categoria.
    La nostra Agenzia Provinciale in caso di fusioni e lavori ti fa riclassare ad A/2 anche se hai un vecchissimo A/3,A/4 e A/5.
    La procedura Docfa come sopra descritta dal mio collega è quella che permette di espletare questo compito.
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    @adimecasa una prima casa può avere qualunque superficie non ci sono limiti.
    I 400 di cui parlavo erano millesimi, ma se fossero 400mq molto facilmente ricadresti in un A/1, A/8 o A/9 in cui (essendo categorie "di lusso") perderebbero l'esenzione IMU per la prima casa.
    Essendo in un condominio è molto molto difficile trovarsi in casi del genere.
     
    A tuonoblu piace questo elemento.
  11. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    quindi rimane sempre in abitazione "non di lusso" (A/2)
     
  12. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    infatti
    mi ritrovo in questa situazione, le due unità abitative che intendo unificare hanno una superficie una di 90 mq e l'altra di 100 mq e sono ubicati in un condominio di sei piani attualmente inquadrati in una categoria classe A/3 pertanto credo che la fusione conserverebbe la stessa categoria.
     
  13. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non credo che te la passino l'A/3, credo molto più probabilmente ti mettano in A/2.
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    In linea di massima questi sono i requisiti che devono avere gli immobili per ciascuna classe:
    A/1 – Appartamento di tipo signorile
    - superficie commerciale superiore a 240 mq.
    - dotato di almeno 3 servizi igienici con finiture eccezionali di tipo signorile
    - ubicato in stabile con possibilità di ascensore e portineria
    - presenza di ampi spazi comuni
    A/2 – Appartamento di tipo civile
    - superficie commerciale mediamente superiore a mq. 100 e consistenza catastale superiore a
    5,5 vani
    - dotato di almeno 2 servizi igienici
    - marcata suddivisione tra spazi destinati alla zona notte e spazi di soggiorno
    - eventuale presenza di vano destinato a soggiorno – pranzo - salotto avente consistenza uguale o
    superiore alla consistenza massima del vano catastale
    - finiture civili e perciò correnti
    - epoca di costruzione o di radicale ristrutturazione dagli anni 70 ad oggi
    - monolocale di superficie di circa 30 – 40 mq. dotato di impiantistica e finiture di pregio
    A/3 – Appartamento di tipo economico
    - superficie commerciale inferiore a mq. 100 e consistenza catastale sino a 5 vani
    - dotato di un solo servizio igienico
    - distribuzione dei vani tale da non creare disimpegni e separazioni tra zone aventi diversa destinazione
    - forniture di tipo economico
    - epoca di costruzione risalente agli anni ’50 e ’60
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina