1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mediagroup

    mediagroup Nuovo Iscritto

    Buongiorno,
    ho da poco acquistato un locale commerciale mediante leasing; all'attuale inquilina con contratto di affitto in scadenza in agosto è stata recapitata la disdetta dello stesso dai precedenti proprietari il giorno stesso della vendita. L'utilizzatore del leasing è una società di proprietà mia e di mia moglie, alla liberazione dell'immobile mia moglie è intenzionata ad esercitare in proprio all'interno dello stesso un attività analoga a quella precedente.
    Domanda : l'attuale inquilino a diritto ad un buono uscita ? sé sì di quanto ?
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Credo che non essendo stata recapitata la disdetta con 1 anno di preavviso il contratto sia destinato a rinnovarsi :
    Dalla L. 392/78 :
    Art.28. (Rinnovazione del contratto). Per le locazioni di immobili nei quali siano esercitate le attività indicate nei commi primo e secondo dell'articolo 27, il contratto si rinnova tacitamente di sei anni in sei anni, e per quelle di immobili adibiti ad attività alberghiere, di nove anni in nove anni; tale rinnovazione non ha luogo se sopravviene disdetta da comunicarsi all'altra parte, a mezzo di lettera raccomandata, rispettivamente almeno 12 o 18 mesi prima della scadenza. Alla prima scadenza contrattuale, rispettivamente di sei o di nove anni, il locatore può esercitare la facoltà di diniego della rinnovazione soltanto per i motivi di cui all'articolo 29 con le modalità e i termini ivi previsti.
    SUNIA Salerno, legge 392/78
    +
    Se la disdetta fosse stata data con il richiesto preavviso :
    Art.34. (Indennità per la perdita dell'avviamento).In caso di cessazione del rapporto di locazione relativo agli immobili di cui all'articolo 27, che non sia dovuta a risoluzione per inadempimento o disdetta o recesso del conduttore o a una delle procedure previste dal regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 , il conduttore ha diritto, per le attività indicate ai numeri 1) e 2) dell'articolo 27, ad una indennità pari a 18 mensilità dell'ultimo canone corrisposto; per le attività alberghiere l'indennità è pari a 21 mensilità. Il conduttore ha diritto ad una ulteriore indennità pari all'importo di quelle rispettivamente sopra previste qualora l'immobile venga, da chiunque, adibito all'esercizio della stessa attività o di attività incluse nella medesima tabella merceologica che siano affini a quella già esercitata dal conduttore uscente ed ove il nuovo esercizio venga iniziato entro un anno dalla cessazione del precedente. L'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile è condizionata dall'avvenuta corresponsione dell'indennità di cui al primo comma. L'indennità di cui al secondo comma deve essere corrisposta all'inizio del nuovo esercizio. Nel giudizio relativo alla spettanza ed alla determinazione dell'indennità per la perdita dell'avviamento, le parti hanno l'onere di quantificare specificatamente la entità della somma reclamata o offerta e la corresponsione dell'importo indicato dal conduttore, o, in difetto, offerto dal locatore o comunque risultante dalla sentenza di primo grado, consente, salvo conguaglio all'esito del giudizio, l'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile.
    Art. 35. (Limiti). Le disposizioni di cui all'articolo precedente non si applicano in caso di cessazione di rapporti di locazione relativi ad immobili utilizzati per lo svolgimento di attività che non comportino contatti diretti con il pubblico degli utenti e dei consumatori nonchè destinati all'esercizio di attività professionali, ad attività di carattere transitorio, ed agli immobili complementari o interni a stazioni ferroviarie, porti, aeroporti, aree di servizio stradali o autostradali, alberghi e villaggi turistici.
    :daccordo:
     
  3. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Se si tratta di locazione commerciale a contatto con il pubblico l'indennità per la perdita dell'avviamento è di 18 mensilità in base all'ultimo canone, se entro l'anno viene esercitata un'attività simile od affine a quella precedente, l'ex conduttore potrà richiedere ulteriori 18 mensilità.
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    esercitando le stesse attività la buona uscita si raddoppia, pertanto da 18 mensilità passano a 36, ;)oppure tenere chiuso il locale x 1 anno e riaprirlo ex novo ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina