1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. aurelio51

    aurelio51 Membro Attivo

    Buonasera ,abito in una casa di cui sono il nudo propietario,l'usufrutto lo detiene mia madre.Se non viene pagata l'IMU da parte di mia madre,cosa può succedere a me .In futuro lo Stato e il comune possono chiedermi di integrare io questo mancato pagamento.Grazie
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. L'unico soggetto passivo dell'imposta è tua madre.
     
  3. lordh

    lordh Nuovo Iscritto

    Dipende da cosa intendi per "in futuro".
    Ovvero lo Stato vanterà un credito nei confronti di tua madre e potrà rivalessi su di lei quindi eventualmente anche sulla sua quota di usufrutto o altri beni. In sostanza potrebbe pignorare l'usufrutto che le spetta e metterlo all'asta per ricavarne quanto dovuto. Ancora se tua madre ha una pensione potrebbe essere aggredita anche quella.
     
  4. lordh

    lordh Nuovo Iscritto

    Il diritto dello stato a pretendere queste somme si prescrive in 10 anni e 5 per le sanzioni quindi sul "futuro" sei tranquillo. Come dicevo l'unico problema è l'eventuale intervento dello stato sul bene in cui credo abiti tua madre ......
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Premesso che le attività di accertamento e riscossione della quota erariale sono svolte dal comune al quale spettano le maggiori somme derivanti dallo svolgimento delle suddette attività a titolo di imposta, interessi e sanzioni.
    Ciò premesso, gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie, a norma degli articoli 16 e 17 del D. Lgs. n. 472/1997.
    In caso di riscossione coattiva, il relativo titolo esecutivo deve essere notificato al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo.
     
  6. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Premetto che io in un contenzioso sull'ICI, avevo contestato l'accertamento del Comune perchè a mio parere erano scaduti (di anni) quei termini; la commissione tributaria, mi ha bocciato su quel punto, nonostante che il Comune nelle sue controdeduzioni avesse ignorato la cosa. Fortuna che quelle controdeduzioni erano molto particolareggiate e quindi da quelle sono riuscito a trovare altri elementi per vincere.

    Una domanda per aurelio51: ma a tua madre paghi un affitto? se no, a mio parere l'IMU dovresti pagarlo, tu indipendentemente dalle regole dello stato. Ciao.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina