1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. aurelio51

    aurelio51 Membro Attivo

    Buonasera ,abito in una casa di cui sono il nudo propietario,l'usufrutto lo detiene mia madre.Se non viene pagata l'IMU da parte di mia madre,cosa può succedere a me .In futuro lo Stato e il comune possono chiedermi di integrare io questo mancato pagamento.Grazie
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. L'unico soggetto passivo dell'imposta è tua madre.
     
  3. lordh

    lordh Nuovo Iscritto

    Dipende da cosa intendi per "in futuro".
    Ovvero lo Stato vanterà un credito nei confronti di tua madre e potrà rivalessi su di lei quindi eventualmente anche sulla sua quota di usufrutto o altri beni. In sostanza potrebbe pignorare l'usufrutto che le spetta e metterlo all'asta per ricavarne quanto dovuto. Ancora se tua madre ha una pensione potrebbe essere aggredita anche quella.
     
  4. lordh

    lordh Nuovo Iscritto

    Il diritto dello stato a pretendere queste somme si prescrive in 10 anni e 5 per le sanzioni quindi sul "futuro" sei tranquillo. Come dicevo l'unico problema è l'eventuale intervento dello stato sul bene in cui credo abiti tua madre ......
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Premesso che le attività di accertamento e riscossione della quota erariale sono svolte dal comune al quale spettano le maggiori somme derivanti dallo svolgimento delle suddette attività a titolo di imposta, interessi e sanzioni.
    Ciò premesso, gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie, a norma degli articoli 16 e 17 del D. Lgs. n. 472/1997.
    In caso di riscossione coattiva, il relativo titolo esecutivo deve essere notificato al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo.
     
  6. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Premetto che io in un contenzioso sull'ICI, avevo contestato l'accertamento del Comune perchè a mio parere erano scaduti (di anni) quei termini; la commissione tributaria, mi ha bocciato su quel punto, nonostante che il Comune nelle sue controdeduzioni avesse ignorato la cosa. Fortuna che quelle controdeduzioni erano molto particolareggiate e quindi da quelle sono riuscito a trovare altri elementi per vincere.

    Una domanda per aurelio51: ma a tua madre paghi un affitto? se no, a mio parere l'IMU dovresti pagarlo, tu indipendentemente dalle regole dello stato. Ciao.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina