1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. GIUSEPPE CAPONI

    GIUSEPPE CAPONI Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sono proprietario insieme con 2 fratelli a pari quota (1/3 cadauno) di una palazzina ereditata dai ns/ genitori ma non abbiamo trovato traccia di millesimi, prima veniva gestita per le spese a livello familiare poi sono cambiati gli inquilini che giustamente pretendono documentazione delle spese.
    Come posso calcolare le spese per i gli inquilini che ci abitano? fortunatamente non c'è ascensore
    Grazie
    Giuseppe
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    In alternativa:
    1) Stabilendo con gli inquilini una convenzione che indichi i criteri di riparto; il tutto allegandolo ai contratti di locazioni e facendone accettare le condizioni dai conduttori.
    2) Per convenzione da far sottoscrivere ai conduttori, applicare i medesimi criteri di legge esistenti in tema il Condominio; in tal caso andranno redatte delle tabelle millesimali.
     
  3. GIUSEPPE CAPONI

    GIUSEPPE CAPONI Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    L' idea è buona, comunque il problema potrebbe sorgere se cambiano i conduttori, e per i millesimi ci vuole un tecnico ? e vanno registrati?
    grazie
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Sì, per i millesimi ci vorrà un tecnico; non serve alcuna registrazione e basta definire un Regolamento per l'utilizzo/gestione/siddivisione spese delle parti comuni; i millesimi ne saranno parte integrante e assurgeranno a criterio per il riparto.
    Cambiano i conduttori? No problem; all'atto della sottoscrizione del nuovo contratto di locazione, basterà allegare al contratto stesso (diventandone così parte integrante) i relativi criteri/tabella millesimale = chi non li accettasse, non potrà nemmeno sottoscrivere la locazione e conduttore non diverrà.
    Saluti.
     
  5. GIUSEPPE CAPONI

    GIUSEPPE CAPONI Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    grazie, adesso per i millesimi mi informo per i costi del tecnico poi si vedrà
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se seguisse la strada della convenzione da allegare a contratto di locazione, indicando il criterio di riparto da far sottoscrivere al conduttore (ad es. la spesa si suddivide in parti eguali quanto ad alcuni servizi e/o in base ai mq dell'immobile locato per altri) lei potrà ben far meno dei millesimi e dei relativi costi di tecnico; ciò, in quanto il criterio di riparto oneri accessori sarebbe stato fissato per convenzione, quindi pattuito ed accettato volontariamente dalle parti = incontestabile.
    Fossi in lei praticherei tal ipotesi (si tratterà solo di pianificare bene il tutto) e lascerei perdere tecnico, tabelle millesimali e costi.
     
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    una divisione delle spese tiene conto delle consistenze dei singoli appartamenti, se sono simili o addirittura uguali il problema della ripartizione convenzionata è di facile soluzione altrimenti sarebbe meglio parametrare il tutto e redigere una tabella millesimale
     
  8. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao,
    nello specifico a che spese ti riferosci?
    a) Spese luce scale?
    b) Spesa Pulizia Scale?
    c) Acqua?
    d) Pulitura delle grondaie?
    Se sono tre appartamenti, uno per piano, e c'è accordo tra i proprietari si possono ripartire le spese (a) in base al piano (se non c'è l'uso della terrazza per stendere e/o lavare). 3 piani, si divide la quota fissa per 3 e poi i consumi così il primo piamo paga 1/6, il secondo 2/6 e il terzo 3/6;
    (b) come per i consumi di cui sopra;
    (c) se solo un contatore generale, secondo i contatori parziali, se non sono presenti occorrerà inserirli nell'impianto per evitare grane;
    (d) in parti uguali.
    Se ci sono più appartamenti per piano si divide la quota del piano tra questi.

    Se siete tre fratelli e non avete intenzione di vendere il regolamento di condominio e tabelle millesimali, oltre alla spesa iniziale per la loro redazione, regolerebbe i rapporti tra voi e non consentirebbe modifiche senza il comune accordo.
    Luigi
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Luigi, concordo sulla ripartizione che hai proposto. Mentre, sull'ipotesi di più appartamenti in qualche piano, ritengo che la sub ripartizione non sia equa, in quanto se in un piano, anziché una, esistono più famiglie, ciascuna usufruisce delle parti comuni, per cui semmai dovrebbe essere raddoppiato il carico del piano.
     
    A 1giggi1 piace questo elemento.
  10. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Di sicuro hai ragione, non avevo pensato alla questione come da te indicato, non sono del ramo, quindi qualche difetto la mia proposta può sicuramente averlo.
    Mi rimane però il dubbio che se il proprietario del piano dove ci sono 2 appartamenti voglia riunirli in uno dovrà poi pagare come se ci fossero 2 famiglie e non una, e per cambiarlo servirebbe l'accordo di tutti (ma sarebbe la stessa cosa nel caso contrario)
     
  11. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Attenzione che nel caso in discussione manca un Condominio:
    Siamo in ipotesi di comunione pro/indiviso, e la domanda posta riguarda non spese condominiali bensì il riparto degli oneri accessori tra conduttori; con ciò, mancando un Condominio, i criteri di riparto non potranno essere definiti dai proprietari e bastae; vero, si potranno anche costituire delle "tabelle millesimali" (valide così anche per quando un Condominio ci sarà), ma le stesse dovranno essere parte integrante dei contratti di locazione (e da far sottoscrivere ai conduttori tutti)
    Saluti.
     
  12. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si tutto giusto in un modo o nell'altro ma perché non si parte dall'inizio? ossia come già è stato detto, di che spese si parla? spese condominiali mensili oppure spese di manutenzione per i proprietari?
     
  13. GIUSEPPE CAPONI

    GIUSEPPE CAPONI Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    sono 11 appartamenti di cui 4 sotto il livello strada e gli a salire-le spese sono pulizia giardino, scale manutenzione non c'è ascensore
     
  14. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    con una consistenza simile credo sia meglio redigere una tabella millesimale
     
  15. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    se la volete fare semplice e voi proprietari siete tutti d'accordo e gli iquilini non sanno niente redigete voi una spartizione in base ai metri quadrati, faccio un esempio poi un matematico mi potrà correggere:
    Come riportare a 1000 le frazioni dei millesimi

    I millesimi della vostra palazzina devono essere calcolati facendo la proporzione a mille.
    Esempio:
    i vostri metri quadrati sono 80,90,75,95; la somma fa = 340.
    Per rapportare i vostri metri quadrati a mille millesimi si fa la proporzione: che sviluppata da 80 che sono i metri quadri per 1000 = 80.000 i quali li dividete per/340=235.291 (e così via per gli altri tre) x 90 per il secondo x 75 per il terzo e x 95 per il quarto.
    Matematici in ascolto ho sbagliato?
    Si ci sarà qualcuno che dirà.....ma non si fa cosi....lo so i calcoli si fanno in base all'esposizione all'altezza per piano all'importanza della stanza se affaccia a Nord o altrove ecc. ma o si è un architetto o nisba si sbaglia....e tante volte non è detto che anche loro non sbaglino.....ma il mio sistema è gratis.:)
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il risultato è lo stesso, ma il calcolo è quello di un'equazione:
    80:340=x:1000--> x=80x1000:340=235,294.
     
  17. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Meglio non procedere in tal modo: porterebbe conseguenze nefaste; non c'è un Condominio e tutto deve essere disciplinato su base contrattuale; ergo i conduttori non possono essere estromessi; si può scegliere qualsiasi criterio (anche suddivisione in parti uguali) importante che sia allegato a contratto e firmato dal conduttore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina