• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Freetime

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Salve,
abito in un piccolo condominio di 3 unità con aree di proprietà, aree comuni (cortile). Ognuno di noi ha il proprio accesso al proprio appartamento, chi in proprietà privata e chi in area comune. Uno dei condomini vorrebbe posizionare un pannello cieco nella sua entrata. Ne avevamo parlato in passato e si era reso disponibile ad installare una sorta di grata in modo da abbellire la sua entrata ma non levarmi la visibilità. Ho saputo invece che ha già ordinato un pannello, quindi un frangivista. Allego due disegni (scusate per come sono fatti) per cercare di spiegarmi.
piantina.jpgporta.jpg
"A" è l'accesso del condomino in questione. Quella "L" rovesciata disegnata in nero è un muretto che delimina la sua entrata. Inizialmente non era previsto e gli è stato concesso di costruirlo a suo tempo (più di 20 anni fa) per abbellire l'entrata in modo che aprendo la porta non si trovasse direttamente nel cortile comune (segnato in rosso).
"B" è l'entrata di casa mia e si trova in proprietà privata (segnata in verde).
Il pannello che vorrebbe far installare è quello segnato in azzurro e andrebbe montato sopra al muretto, fino al sottotetto, largo pìù o meno 1,5 mt. Servirebbe a creare ulteriore privacy all'entrata della sua casa però io mi troverei, uscendo dall'angolo di casa mia, a non avere più visibilità fini in fondo al cortile.
Volevo chiedere, visto che non mi ha avvisata (ma a queste cose non è nuovo) se lo può fare? Se sono necessari dei permessi o dei progetti per installarlo (è anche di un colore appariscente). Preciso che il precedente proprietario (questo ha acquistato da pochi anni) nello stesso posto aveva installato una grata in legno (carabottino), che però mi permetteva di vedere oltre. Il nuovo condomino ha eliminato la grata qualche anno fa (evitando in questi anni di tappare i fori delle precedenti viti e lasciando evidenti i segni sul muro. Probabilmente per mantenere il diritto a installare un nuovo pannello?), dimostrandosi disponibile, almeno a parole , ad installare nuovamente qualcosa che non fosse d'impatto, ma purtroppo così non è? C'è niente che io possa fare per evitarlo?
Grazie.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se il cortile è comune lo può utilizzare solo come spazio comune senza eseguire nessuna opera se non concordata con gli altri condòmini. Comunque il separè che sembra abbia installato dovrebbe ridurre l'aerazione e la luminosità del suo immobile per garantire la sua privacy. Sarebbe gradita una foto, che ovviamente sarebbe più comprensibile.
 

Freetime

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Comunque il separè che sembra abbia installato dovrebbe ridurre l'aerazione e la luminosità del suo immobile per garantire la sua privacy. Sarebbe gradita una foto, che ovviamente sarebbe più comprensibile.
Fortunatamente non lo ha ancora installato perchè avevano sbagliato le misure... A lui non leverebbe luminosità, perchè coprirebbe poco più della metà del muretto che ho disegnato e nemmeno visibilità visto che lui si trova praticamente fronte strada. A me non piace anche perchè, con i tempi che corrono, diventerebbe un bellissimo angolo dove uno si può nascondere... Volevo evitare di postare foto perchè vedi mai che il tipo legga magari mi accusa di aver postato l'entrata di casa sua.
 

Freetime

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Eccola questa è la "vecchia" situazione, la grata eliminata. Marciapiede, muretto sono stati costruiti in proprietà comune.foto.jpgfoto.jpg
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Già il muretto è un abuso che occupa e limita il godimento del marciapiede comune. Il pannello presente in questa foto è ad aria passante, consigliabile per entrambi. Comunque, aldilà dell'occupazione di uno spazio comune credo che occorra l'assenso del condominio e probabilmente anche dell'ufficio tecnico comunale, perché altera il prospetto.
 

Freetime

Membro Ordinario
Proprietario Casa
probabilmente anche dell'ufficio tecnico comunale, perché altera il prospetto.
Proverò ad appellarmi a questo quando tenterà di montarlo. In questa zona tra l'altro non è che si possano usare tutti i colori del pantone, tanto meno quelli sgargianti.
Grazie. Ora ho le idee più chiare.
 

Rompiballe

Membro Junior
Professionista
Prima che l'ufficio tecnico comunale rilasci il permesso a costruire, chiede sempre la delibera del condominio
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se il progetto chiaramente interviene sulle parti condominiali, si. Il richiedente potrebbe avere dichiarato di essere proprietario anche se l'intervento, secondario, interviene sulle parti comuni, non evidenti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
buongiorno a tutti ho stipulato un contratto preliminare per l acquisto di un immobile definito chiavi in mano con scritto che sarebbe stato finito il giorno 31 maggio 2019 ovviamente d accordo con l imprenditore.Ad oggi 22 giugno 2019 la casa non e ancora finita ed ora l'imprenditore vuole una proroga del contratto a fine luglio 2019 qualcuno sa cosa mi comporta questa proroga?cioè dovrei firmarla?e perché la vuole?
Alto