1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. nennanè

    nennanè Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    abito in un condominio-parco , dove ci sono villette e palazzine . tutti hanno un garage tranne me che quando ho comprato casa non ve ne erano disponibili perchè molti ne avevano comprati due in fase di costruzione , e fino ad ora nel corridoio del parco ed in altri luoghi sempre all'interno del parco abbiamo sempre parcheggiato . un giorno viene indetta una riunione condominiale alla quale io non ho partecipato , e decidono di non far più parcheggiare nel parco , ma solo nei propri garages . cioè vietato parcheggiare . preciso che fuori il parco non vi è la possibilità di parcheggio se non a un km .
    ora volevo chiedere se vi è una legge che possa tutelarmi , per legge io so che ogni condominio deve avere dello spazio esterno per permettere il parcheggio . conoscete questa legge ?? grazie
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Dato che dici "abbiamo parcheggiato", immagino che il posto sia previsto proprio per parcheggiare e per diverse autovetture, per cui l'assemblea può regolamentare l'uso delle parti condominiali, p.es. nello specifico potrebbe far tracciare le linee per gli stalli, turnare i posti ecc ecc, e proibire soltanto all'unanimità (1000/1000).
    Perciò se era possibile il parcheggio prima nel parco, non può essere vietato per delibera a maggioranza.
     
  3. nennanè

    nennanè Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    lo hanno potuto fare "dicono" perchè nel regolamento di condominio era vietato il parcheggio , ma poi abbiamo sempre parcheggiato tutti .
     
  4. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se era già vietato, purtroppo ....
     
  5. nennanè

    nennanè Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ho trovato questa legge , potrebbe essere a mio favore ??
    L’art. 18 della L. 6 agosto 1967, n. 765 (detta Legge-ponte perché doveva costituire una sorte di ponte di passaggio tra la legge urbanistica del 1942 e la successiva riforma del settore urbanistico) ha inserito l’articolo 41 sexies nella legge urbanistica del 17 agosto 1942, n. 1150 secondo il quale “Nelle nuove costruzioni ed anche nelle aeree di pertinenza delle costruzioni stesse, debbono essere riservati appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni venti metri cubi di costruzione” (rapporto successivamente aumentato ad un metro quadrato di parcheggio per ogni dieci metri cubi di costruzione
    Dopo la legge Ponte tutti gli edifici devono avere degli spazi destinati a parcheggio (si ripete che la legge non individua le tipologie di parcheggi, ma prevede che devono esserci degli spazi destinati a parcheggi e stabilisce solo deve essere prevista la costruzione di un certo numero di metri quadrati da destinare a parcheggio per ogni tot di metri cubi costruiti). Di conseguenza, dopo il 1967 non è più possibile costruire senza spazi destinati a parcheggio e, ove fossero realizzate costruzioni senza tali spazi, non sarebbe possibile la commerciabilità dei locali posti all’interno degli edifici.
     
  6. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Probabilmente le condizioni di quella Legge al momento della costruzione sono state rispettate ed i posti sono stati venduti, però quella legge non dice che tutti devono avere il posto garantito, hai detto tu stesso che qualcuno ha acquistato più di un posto.
    Nel mio condominio è uguale, io non ho il box perchè quando ho acquistato non cerano a disposizione, perchè erano stati venduti anche a persone estranee al condominio che abitano negli stabili vicini.
     
  7. nennanè

    nennanè Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    sono disperata ho bisogno di trovare una soluzione .
    io volevo solo sapere , se vado da un avvocato , potrebbe trovare legalmente una soluzione al problema ? ci sarà una legge che mi tuteli ?
     
  8. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non posso impedirti di sentire un legale, ma secondo me se la situazione è come l'hai descritta, ritengo che avrai poche possibilità, però sai com'è magari trovi un legale che trova il cavillo ..... ma non illuderti non credo sarà facile.
     
  9. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    interessante Uragano. Per Nennanè ci sono poche possibilità, ma ci sono. Anche se sul regolamento di condominio (dovresti informarti se è quello contrattuale, che è quello che vincola tutti ed ha bisogno dell'unanimità per essere cambiato o è quello assembleare) c'è scritto il divieto, tu potresti opporti perchè non puoi utilizzare liberamente gli spazi comuni che appartengono anche a te. Anzi la legge aiuta enormemente gli individui nell'uso dei beni comuni condominiali, se non ledono i diritti degli altri condomini.
     
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Iscriviti ad una associazione come, solo per esempio, all'UPPI dove vi sono molti avvocati esperti nella materia che, gratuitamente, ti potranno consigliare al meglio.
    Credo che Arciera abbia ragione sull'uso degli spazi comuni.....se, come credo, in caso di traslochi potranno entrare i camion dei traslocatori......potrai inventarti
    un carico-scarico quotidiano con l'eventuale successiva versione della macchina in panne. In tutti i condominii vi sono uno o due capetti.....cerca di convincerli sotto
    il lato umano. Auguri. Quiproquo.
     
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aggiungo al post precedente. In presenza di una sbarra hai il diritto alla chiave. Il percorso per raggiungere le singole unità è di proprietà comune e
    non ti può essere impedito. Non sempre il proprietario del garage vi ci entra; a volte, spazio permettendo, la lascia fuori nello spazio di pertinenza. Proponi all'aministratore, direttamente o indirettamente, di assegnarti lo spazio necessario e
    il meno invasivo a fronte di un pagamento para-locativo a beneficio della cassa condominiale. Chi ha comprato due o più garage si è reso complice di un abuso del costruttore perchè la ratio della legge che hai segnalato sottindendeva la necessità del garage più o meno pertinenziale, stante anche l'eccessiva distanza di altri spazi possibili. Potrai asserire che il costruttore prima di venderti l'alloggio ti ha dato per certo il parcheggiamento all'aperto. Tanto che insieme ad altri l'hai poi concretamente attuato.
    Il ricorso tardivo al regolamento condominiale può
    essere impugnato se nel meandro legislativo e nella giurisprudenza un avvocato esperto riuscirà a dimostrare la tua buona fede. Auguri.Quiproquo.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  13. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non sono tanto d'accordo con quiproquo, il fatto che il regolamento non sia mai stato apllicato non è una buona ragione per continuare a non applicarlo.
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Arianna, sul lato principio hai ragione...ma ti ricordo che con i principi,compresi quelli creati ad hoc, si fanno le guerre....anche gli animali a volte ricorrono al compromesso.....la nostra compagna di viaggio e.. di pena...avrebbe diritto ad usare lo spazio condominiale senza recare danno "CONCRETO" agli altri usuari i quali, ripeto, se decidessero in un certo momento della giornata di non ricoverare l'auto nel proprio garage, lasciandola all'aperto lo farebbero senza chiedere permessi a chicchessia e senza subire sanzioni, come l'intervento del carro attrezzi.
    Tutte le leggi, compresi i regolamenti dovrebbero sempre prevedere corpose eccezioni....purtroppo agli estensori spesso preme solo il principio di base. Comunque solo un avvocato esperto in conflitti giurisprudenziali potrebbe ottenere da un giudice una pena lieve nel caso che stoltamente il condominio dovesse optare per la lite giudiziaria. E un amministratore saggio difficilmente avallerebbe tale scelta. In chiusura, la proposta di pagare una specie di canone locativo aggiunta al lato umano potrebbe essere accettata. La copertura??? con il
    contravalore del garage che non hai potuto comprare. Auguri. Quiproquo.
     
  15. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La legge non deve essere cieca, quindi stolta. Non c'è qualcosa in terra che si deve ergere sopra di noi. Puntualizzo: infatti esiste l'istituto dell'usucapione. io non so come è messo fisicamente il problema, so però che il diritto dell'individuo-condomino nell'utilizzo delle cose condominiali, è cosa sacra.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  16. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Guarda che nessuno vuol sostenere il contrario, godere delle aree comuni è sacrosanto, il punto in discussione è come goderne...
     
  17. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    anche se tu hai ragione? il regolamento, e mi sa che è quello contrattuale, vieta il parcheggio. Comunque come goderne è semplice: non ostacolando i diritti degli altri condomini. Questo è il caso in cui non si ostacolano, anzi, il contrario.
     
  18. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma a me sembra il classico caso in cui ciascuno cerchi di farsi la legge a suo uso e consumo seguendo l'esempio di chi ci governa. Il regolamento vieta il parcheggio. Acquistando la casa senza parcheggio la ns amica, ha accettato il regolamento contando sul fatto che di fatto alo status quo sarebbe stato mantenuto. Così non è, purtroppo per lei, più. sinceramente non vedo margini per accampare diritti che nessuno in contratto le ha riconosciuto. Seecondo me rischia di perdere tempo e soldi. Forse sarebbe meglio offirsi di pagare per la sosta e cercare la solidarietà di chi sa che il parcheggio più vicino è ad un km.
     
  19. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    le avranno anche detto che poteva parcheggiare, per vendere. Tutti parcheggiavano..diritti acquisiti? arianna, cerca di essere più flessibile, anche se hai ragione e non vuoi illudere la nostra cara interlocutrice.
     
  20. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sarò poco flessibile ma di questo passo approveremo anche coloro che si sono da anni autoridotti le tasse. si tratta in fondo di aver acquisito il diritto all'autodeterminazione..[DOUBLEPOST=1382023163,1382022872][/DOUBLEPOST]E poi mettiamoci qualche volta anche dall'altra parte. Io ho acquistato un appartamento in un parco con dei viali il tutto mi costa sicuramente un botto in fatto di condominio e l'ho fatto perchè da regolamento risultava che potevo usarlo per, che so, passeggiare con il passeggino, e poi scopro che devo fare lo slalom tra le auto di tutti coloro che per un motivo o per un altro, vi parcheggiano ed il cui scarico è all'altezza di mio figlio. Tu ne saresti contenta?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina