1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. giacomo63

    giacomo63 Membro Junior

    salve, vorrei porvi delle domande:
    abito in provincia di milano vorrei sapere quale documenti, permessi e quant'altro è necessario, a chi vanno richiesti e presentati per poter fare il passaggio da riscaldamento autonomo a centralizzato.
    In una palazzina di 5 appartamenti con 4 proprietari con riscaldamento centralizzato a colonne, (a gasolio) due proprietari di 3 appartamenti decidono di passare a autonomo senza presentare la certificazione di un tecnico in cui si dichiara che per gli altri due condomini rimasti collegati al centralizzato non ci saranno aggravi di spesa, tutto questo rifiutando la proposta di passare da gasolio a metano e installare valvole termostatiche e contabilizzatori,
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Il distacco dall' impianto di riscaldamento centralizzato è consentito solo se si riesce a dimostrare che dalla sua rinuncia e dal suo distacco non derivano aggravi di spese per coloro che continuano ad utilizzare l' impianto di riscaldamento centralizzato, o uno squilibrio termico dell' edificio tali da pregiudicare la regolare erogazione del servizio.
    Pertanto, il condòmino in questione deve far accertare da un termotecnico di ficucia l' esistenza di tutti questi presupposti e fargli redigere una perizia da inviare all' amministratore per le opportune valutazioni.

    L' articolo 1118 del Codice Civile stabilisce che il condòmino non può, rinunciando al diritto sulle cose comuni, sottrarsi dal contribuire alle spese necessarie per la loro conservazione.
    Anche dopo il distacco, infatti, egli rimane sempre comproprietario dell' impianto centrale, e deve quindi continuare a sostenere gli oneri relativi alla manutenzione e all' adeguamento.

    Questa è la teoria!

    Nella pratica mi sembra di capire che la maggioranza degli appartamenti (3 su 5) del tuo palazzo si è dotata di un impianto di riscaldamento autonomo; inoltre, come scrivi, avete una caldaia a gasolio (che pertanto un po' di anni li deve avere).

    La mia domanda pertanto è la seguente: Cosa ti conviene di più?

    Forse è meglio metterti d' accordo con l' altro proprietario è acquistare due impianti di riscaldamento autonomi a metano (così forse avrete uno sconto sul fornitore??)

    Oppure scegliere di iniziare una guerra legale che non saprei neanche come iniziare al tuo posto?

    Certo, per iniziare una bella raccomandata A/R all' ammnistratore, citando magari la giurisprudenza, dimostrerebbe che hai ragione, ma come dice saggiamente mio padre bisogna sempre partire da questo presupposto:

    Puoi avere tutte le ragioni del mondo, ma devi trovare qualcuno che te le da!
     
  3. giacomo63

    giacomo63 Membro Junior

    ti ringrazio per la risposta, già in parte hai ragione, peccato che i propietari sono solo quattro, e pensa un pò non c'è obbligo di amministratore, e indovina chi non lo vuole.... chissà perchè...., in lombardia col DGR VIII-8745, quando i condomini sono più di quattro il passaggio da centralizzato ad autonomo è vietato, mentre viene incentivato proprio il contrario, centralizzato con valvole termostatiche e contabilizzatori; la spesa da sostenere per la trasformazione in autonomo è molto alta e va tenuto conto che non si ha diritto a nessuna detrazione (36% e tantomeno al 55%) cosa che invece si ha dotandosi di valvole termostatiche e contabilizzatori, altra cosa aggravio di spesa c'è e anche rilevante: ho fatto la media degli ultimi 10 anni del gasolio impiegato, diviso per dieci, diviso per cinque (numero degli appartamenti) e moltiplicato per due (numero degli appartamenti rimasti col centralizzato, è già finito da circa 20 giorni e mancano ancora quasi due mesi al 15 aprile, data in cui si spegne la caldaia; la mia domanda era diversa ti ringrazio comunque per la risposta
     
  4. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Pochi giorni fa ho ascoltato per radio (stavo viaggiando) che il Comune di Milano incentiva con un buon abbattimento di costi, la trasformazione delle caldaie centralizzate da gasolio a metano. Vale la pena informarsi, no?
     
  5. giacomo63

    giacomo63 Membro Junior

    vero e in effetti è quello che avevo proposto io
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina