1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. GandalfP

    GandalfP Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E' possibile fare il passaggio di proprietà dalla sorella maggiore che della casa ha il 95% (restante 5% il genitore) all'altra sorella?

    Intendo proprio un "passaggio", se previsto, evitando quindi la vendita o la donazione, spendendo solo i soldi per notaio e quant'altro per mettere il regola il tutto.

    Lo scopo è liberare la sorella maggiore da ogni vincolo e passare la proprietà all'altra sorella. Ovviamente sono tutti d'accordo.

    E' possibile passare anche il mutuo?

    A quanfo ammontano i costi del notaio e quelli della banca?

    Grazie
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il trasferimento della proprietà con atto tra vivi può avvenire a titolo oneroso (compravendita) o a titolo gratuito (donazione).
    Tertium non datur.
     
    A possessore e GandalfP piace questo messaggio.
  3. GandalfP

    GandalfP Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ---------------------------------------------

    Grazie Nemesis,
    dato che la sorella maggiore sta pagando il mutuo,
    esiste un modo di passare, o meglio realizzare la compravendita senza passaggio reale di soldi, ma trasferendo il debito?
    Non so se in questo caso è fattibile la donazione da una all'altra e da quello che ho letto ha molti svantaggi.

    Grazie ancora
     
  4. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il passaggio di proprietà di un immobile gravato da mutuo potrà avvenire solo previo assenso della banca erogatrice, la quale prima di fornire il consenso, verificherà la posizione creditoria e debitoria del promissario acquirente o donatario.

    Una volta ottenuto il permesso della banca, nel rogito notarile di compravendita o di donazione verrà scritto che la parte acquirente (o donataria) si impegna a farsi riconoscere debitrice diretta dell'istituto mutuante: avverrà così il trasferimento del debito.

    Tramite la "notifica accollo mutuo", la banca avrà notizia dell'avvenuta compravendita (o donazione).

    Sarà comunque cura dell'acquirente (o donatario) contattare la banca a mezzo raccomandata con avviso di riconoscimento, fornendo un recapito valido al quale saranno inviati gli avvisi di scadenza delle rate di mutuo.
     
    A GandalfP piace questo elemento.
  5. GandalfP

    GandalfP Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie Possessore
     
    A possessore piace questo elemento.
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @GandalfP. Per evitare la donazione fui costretto alla cessione onerosa per le mie due figlie. Prova a chiedere al notaio se si possa ricorrere a un corrispettivo simbolico o ad un valore sensibilmente inferiore a quello catastale e/o di Mercato. O nei limiti del mutuo residuo.Credo di no...ma tentar non nuoce. QPQ.
     
    A GandalfP piace questo elemento.
  7. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non si può. Scatterebbe la sanzione. Minimo il valore catastale.
     
    A GandalfP piace questo elemento.
  8. GandalfP

    GandalfP Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie delle risposte a QuiProQUo e Arciera. :)
     
    A arciera piace questo elemento.
  9. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Due anni fa mia moglie vendette ad una nipote (figlia di un fratello) un immobile ereditato dal genitore. Lo vendette in quanto inutilizzato, lontano dalla residenza, ed in pratica a disposizione del fratello e della figlia, ad un prezzo reale, quello materialmente pagato, inferiore al valore catastale.
    Io presente al rogito, domandai al Notaio se si rischiava una verifica fiscale e delle sanzioni da parte dell'Ade.
    Il Notaio ( una donna) mi rispose che non esisteva alcun rischio e che bastava pagare le imposte sul valore catastale. E così si fece il rogito.
     
    A arciera piace questo elemento.
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quindi è possibile! grazie Alberto
     
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quindi non era del tutto peregrina la mia esortazione a parlarne col notaio e qui si potrebbe aprire una riflessione se il legislatore possa lasciare degli spiragli di libertà al cittadino che nel caso in esame si configurerebbe come: "Lo vendo realmente al prezzo che mi pare anche al di sotto del valore catastale" E la stessa cosa si dovrebbe poter fare col canone locativo...magari dimezzato rispetto ai valori correnti o precedenti dei contratti scaduti. Senza incorrere in un controllo fiscale.
    QPQ
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Fu più o meno la risposta che mi diede il Notaio " Lei può fare il prezzo che vuole, ma le imposte si pagano sul valore catastale".
     
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il Prezzo Valore

    Apartire dal primo gennaio 20061 è possibile regolare fiscalmente
    alcuni trasferimenti immobiliari al valore catastale,
    indipendentemente dal corrispettivo pattuito e indicato
    nell’atto.
    Le finalità della norma, dalla quale
    i consumatori e tutti i cittadini hanno solo
    benefici, sono ispirate ad una logica
    di trasparenza nella contrattazione immobiliare
    e di equità nel relativo prelievo fiscale:
    è ora possibile indicare il prezzo reale pattuito
    e, al contempo, pagare le imposte relative all'atto
    solo sul valore dell'immobile determinato
    con i meccanismi di rivalutazione della rendita
    catastale, così detta "valutazione automatica"2.
    Il Notariato è stato, per oltre dieci anni, uno dei principali promotori
    di questo meccanismo, chiamato prezzo-valore, ritenuto
    idoneo a salvaguardare la totale legittimità degli atti di
    cui il notaio garantisce la pubblica fede e a recuperare il senso
    di una leale collaborazione tra lo Stato e i cittadini.
    Le Associazioni dei Consumatori, che per missione istituzionale
    perseguono questo senso di collaborazione civile, sostengono
    fortemente la trasparenza dei contratti di vendita
    immobiliare al fine di eliminare le zone grigie in cui i consumatori
    e tutti i cittadini possono più facilmente subire abusi.
    La norma sul prezzo-valore consente, in definitiva, la tassazione
    del trasferimento degli immobili sulla base del loro valore
    catastale e, al contempo, l’emersione dei valori reali del-
    le compravendite. Viene così meno ogni convenienza di dichiarazioni
    dirette all’evasione fiscale (“simulazione del prezzo”),
    e si elimina il conseguente rischio di riflessi negativi sulla
    stessa efficacia civile dei trasferimenti immobiliari.
    Deve riconoscersi la portata sociale del nuovo sistema: lo
    Stato tende una mano ai cittadini, consapevole che nella prima
    fase di applicazione delle norme potrà subire una riduzione
    di introiti tributari nel settore; i cittadini devono costituzionalmente
    comportarsi come tali, in quanto dalla emersione
    dei corrispettivi reali emerge una più trasparente visione
    del mercato e delle singole capacità contributive.
    L’azione del Notariato e delle Associazioni dei Consumatori
    sarà finalizzata all'illustrazione di questo nuovo sistema, degli
    inconvenienti connessi alla prassi precedente, dei vantaggi,
    non solo economici, della nuova norma e, ove se ne ravvisi
    la necessità, dovrà essere anche di contrasto ai “cattivi
    consiglieri” che, con
    con motivazioni poco chiare, cercano di far
    fallire la manovra.
    A chi si applica il sistema prezzo-valore
    Deve trattarsi di cessioni soggette ad imposta di Registro
    (escluse quindi, le cessioni soggette ad IVA) nei confronti di
    persone fisiche che non agiscano nell'esercizio di attività
    commerciali, artistiche o professionali. Sono quindi soggette
    al prezzo-valore anche le cessioni effettuate da società,
    imprese o enti, purché nei confronti di "persone fisiche" e
    purché soggette a imposta di Registro (non IVA). In altre parole,
    oltre a tutte le vendite in cui entrambe le parti sono
    “privati”, sono soggette a prezzo-valore anche le vendite
    fatte a persone fisiche, da cedenti non-soggetti IVA (associazioni,
    fondazioni e simili), e anche quelle fatte, sempre a persone
    fisiche, da società o imprese in regime di esenzione
    IVA; ad esempio, le vendite fatte da imprese costruttrici o di
    ristrutturazione poste in essere oltre i quattro anni dalla data
    di ultimazione della costruzione o dell'intervento, e le vendite
    fatte da imprese che non hanno costruito o ristrutturato
    l'immobile.
    4
    L’ambito applicativo del sistema
    prezzo-valore in base alle attuali norme
    I beni che possono beneficiare del sistema prezzo-valore
    Deve trattarsi di immobili ad uso abitativo e relative pertinenze
    (box, cantine, ecc). Come confermato dalla stessa
    Amministrazione Finanziaria (Telefisco 2006) il regime di
    favore si estende alle pertinenze senza limitazione di numero
    e anche se acquistate separatamente dal bene principale,
    purché risulti nell'atto di acquisto la destinazione
    pertinenziale.
    Il sistema vale anche per gli acquisti di abitazioni e relative
    pertinenze che non possono godere delle agevolazioni “prima
    casa”. Quindi anche chi acquista una seconda o terza casa,
    dovrà pagare le imposte secondo le aliquote ordinarie, ma
    potrà chiedere che la tassazione venga comunque effettuata
    sulla base del valore catastale: il che costituisce comunque un
    bel risparmio.
    Quando si applica il prezzo-valore
    Si ritiene concordemente che la nozione di "cessione" comprenda
     
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quindi non ci sarebbe più bisogno dell'assegno che una volta fuori dallo studio notarile si strappa. Potrei vendere ad un euro pagando le tasse sul valore catastale. A questo punto le carte in tavola, anche nel forum, sono altre. Le donazioni potrebbero essere cancellate dall'ordinamento. Le varie tutele sulle legittime anche. Un bel vespaio hai sollevato, @alberto bianchi .
     
  15. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se dichiari il vero non hai niente da perdere. Se però fai dei pagamenti in "nero" e ti scoprono sono guai.
    Pensa allo "spesometro" in funzione da qualche giorno. Ormai tutti i conti correnti sono sotto controllo, le carte di credito analizzate voce per voce.
    Sulle donazioni starei un po' più cauto, non bisogna palesemente danneggiare eventuali pretendenti sulla cosa donata.
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certamente! Tu dici che il bene ceduto ad un prezzo basso andrebbe sempre in collazione perché donazione mascherata?
     
  17. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Più che un problema fiscale può sorgere un problema con altri eredi, conosciuti o meno.
     
    A arciera piace questo elemento.
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Comunque a questo punto se non ci sono problemi di eredità noi nel forum potremo rispondere che l genitore può procedere alla vendita del suo bene anche per mille euro superando il problema che il figlio pone riguardo la donazione e la difficoltà di rivendere il bene. Insomma ci stai cambiando le prospettive
     
  19. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se sono tutti d'accordo può venderlo a qualsiasi prezzo.
    :stretta_di_mano:
     
  20. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per una completa analisi allego la Guida Prezzo-Valore
     

    Files Allegati:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina