1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff


    1/6


    2/6


    3/6


    4/6


    5/6[/media]
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Per "Peak oil" si intende il livello di produzione di petrolio che il mondo sarà in grado di produrre al massimo ogni giorno.
    Dopo il "picco" la produzione mondiale di petrolio diminuirà progressivamente.

    Gli studiosi sono concordi che intorno al 2010, al massimo 2015, la produzione di petrolio mondiale comincerà a decrescere, mentre, al contrario, la domanda di petrolio continuerà ad aumentare.

    Questo accadimento provocherà notevoli sconvolgimenti negli equilibri geopolitici mondiali.


    Bibliografia:

    Titolo
    Che fine ha fatto il petrolio? (Energia e futuro dell' economia)
    Autore
    Jeff Rubin
    Editore
    Edizioni Ellint

    Titolo
    Ritorno al passato (La fine dell' era del petrolio e il futuro che ci attende; conversazione con James Howard Kunstler)
    Autore
    Andrea Bizzocchi
    Editore
    Edizioni per la decrescita felice


    Titolo
    La vita dopo il petrolio (Il mondo e la fine del benessere a buon mercato)
    Autore
    Vari autori
    Editore
    Terre di mezzo editori


    Portale

    ASPO Italia
    (Associazione italiana per lo studio del picco del petrolio)
    ASPO-Italia è la sezione italiana dell'associazione scientifica ASPO (Association for the Study of Peak Oil) il cui scopo principale è lo studio del Picco del Petrolio, delle sue gravi conseguenze sui sistemi ecologici, economici e sociali, e della mitigazione di questi effetti.

    Peak Oil, Portale AziendaCondomìnio:
    http://www.aziendacondominio.it/forum/viewtopic.php?t=2503

    Articoli pubblicati sul blog:
    Buone parole (Progetti di Economia Relazionale): Peak oil
     
  3. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Per i tedeschi il peak oil è stato già raggiunto

    Cari amici,

    di seguito vi propongo un articolo tratto da "il fatto quotidiano" che dichiara la presenza di uno studio autorevole promosso dal governo tedesco che asserisce il raggiungimento del picco del petrolio.

    Le conseguenze di cui abbiamo già scritto in precedenza, cominceranno a materializzarsi tra il 2025 e il 2040.

    Vi lascio alla lettura dell' articolo che si commenta da solo:


    Il Fatto quotidiano

    Un disastro senza precedenti, un’inarrestabile catena di tragedie economiche, politiche, sociali e ambientali. Uno scenario da incubo che potrebbe concretizzarsi nello spazio di una generazione. E’ l’insieme delle conseguenze della progressiva riduzione delle scorte di petrolio nel mondo previste da un rapporto riservato del Future Analysis department del Bundeswehr Transformation Center, un think tank tedesco direttamente collegato alle forze armate di Berlino. La relazione, chiusa nel luglio scorso e successivamente mantenuta segreta, è stata resa pubblica in questi giorni dal settimanale Der Spiegel. Il ministero della difesa tedesco non ha voluto rilasciare alcun commento ma fonti interne al dicastero hanno confermato l’autenticità del documento. E il panico, almeno in rete, ha potuto dilagare.

    Alla base della ricerca (qui una sintesi in Inglese) c’è un’ipotesi tutt’altro che teorica: il cosiddetto picco di Hubbert. Si tratta, per chi non lo sapesse, del più noto incubo legato al ciclo petrolifero, il momento, temutissimo, in cui la produzione di oro nero raggiungerà il suo livello massimo iniziando, di conseguenza, a diminuire inesorabilmente fino al definitivo esaurimento della risorsa. Opec a parte, non vi è nessuno, ad oggi, che abbia messo in dubbio l’ineluttabilità del fenomeno e il dibattito sulla collocazione della data fatidica non ha espresso pareri eccessivamente discordanti. Il punto, però, è che secondo gli analisti tedeschi il picco sarebbe stato raggiunto proprio quest’anno e le sue conseguenze sarebbero destinate a materializzarsi tra il 2025 e il 2040.

    Per capire quanto grave possa essere l’impatto del fenomeno basta concentrarsi su una singola cifra. Il 95% della produzione industriale, ricorda il rapporto, dipende in qualche modo dall’oro nero, autentico fattore primario della globalizzazione e dello stile di vita delle società avanzate. Da qui l’inevitabile collasso generale connesso al suo esaurimento. Tra i primi effetti del calo della disponibilità, nota la relazione, vi sarebbe l’aumento del potere politico e diplomatico delle nazioni produttrici. Un accrescimento che obbligherebbe l’Occidente a modificare le proprie relazioni con la Russia e il Medio Oriente convergendo sempre di più verso la necessaria realpolitik. A discapito, s’intende, della difesa e della promozione dei diritti umani laddove sarebbe più necessario.

    L’elenco dei disastri, ovviamente, non si fermerebbe qui. All’orizzonte, secondo il Bundeswehr, non mancherebbero una rinnovata volatilità dei prezzi, l’aumento dei conflitti, una crescente dipendenza dal nucleare e un’impennata nei costi di trasporto che penalizzerebbe soprattutto i Paesi più poveri che dipendono largamente dalle importazioni soprattutto nel comparto alimentare. L’elenco degli affamati, in altri termini, si allungherebbe ancora alla faccia degli obiettivi del millennio e la prevista corsa ai biocarburanti come alternativa al petrolio non potrebbe far altro che aggravare la situazione.

    Fonte di orrende previsioni finali (distruzione del commercio internazionale, dissesto valutario, collasso finanziario globale etc.) il rapporto preoccupa soprattutto per un ulteriore motivo: non rappresenterebbe un’opinione isolata. Un paio di settimane fa il quotidiano britannico Guardian ha rivelato l’esistenza di documenti riservati prodotti dal Department of Energy and Climate Change (DECC) del Regno Unito su richiesta del governo di Londra. L’apertura di una discussione circa il futuro dell’oro nero, che coinvolgerebbe anche la Banca d’Inghilterra e il Ministero della Difesa, dimostrerebbe l’esistenza di una crescente preoccupazione da parte dell’esecutivo di Sua Maestà e dello stesso apparato industriale del Paese.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina