1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. massimilianob68

    massimilianob68 Nuovo Iscritto

    Salve, volevo sapere se per fare l' amministratore di condominio è necessario e obbligatorio seguire un corso e essere iscritti a qualche Albo o Ruolo (sono agente immobiliare)


    Grazie
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    No.
    Per fare l' amministratore di condominio non è necessaria neanche la licenza elementare.
     
    A piace questo elemento.
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  4. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Natura legale attribuita all' Ente Condomìnio

    Dottrina e giurisprudenza, hanno dibattuto nel merito della NATURA GIURIDICA del condomìnio.
    Sia la dottrina che la giurisprudenza, concordemente, hanno definito il condomìnio come ENTE DI GESTIONE.

    Pertanto la natura di questo organo collettivo resta non giuridicamente definita (Non ha personalità giuridica in senso tecnico, tuttavia, di fatto ha una capacità giuridica collettiva, in quanto stipula contratti ed esercita diritti in nome proprio, ed è anche riconosciuto dalla legge come ente soggetto di obblighi fiscali propri, in quanto è considerato sostituto di imposta a tutti gli effetti, con l' obbligo conseguente di presentazione della dichiarazione fiscale).

    Organo deliberante

    L' organo deliberante dell' ente di gestione è stato individuato dallo stesso legislatore nell' assemblea dei condòmini (vedi articoli 1135 e 1136 del Codice Civile).



    Natura legale attribuita all' amministratore

    Il legale rappresentante di questo "organo collettivo" definito dalla giurisprudenza con il termine "ente di gestione" è indicato nella persona fisica denominata "amministratore di condomìnio".

    Siccome la natura giuridica del condomìnio non è giuridicamente definita, pertanto, anche la natura giuridica della figura dell' amministratore di condomìnio, risulta anch' essa non precisamente definita.

    L' amministratore, infatti, appare un "ente governatore" che non può essere definito "organo del condomìnio" in senso tecnico, in quanto l' ente è sprovvisto di personalità giuridica, e non può neanche essere definito "mandatario" in senso tecnico, in quanto, a differenza di quanto accade nel rapporto di mandato, l' amministratore può non godere della fiducia di tutti i condòmini, poichè alcuni possono aver votato contro la sua nomina e/o riconferma.

    Inoltre, in alcuni casi, l' amministratore ha il potere di agire nei confronti del proprio mandante, ad esempio per far rispettare il regolamento di condomìnio, o per risquotere i contributi dai condòmini morosi.

    Sono questi i motivi di fondo che determinano la necessità di delimitare e dirigere i poteri attribuiti nel tempo dalla legge all' amministratore di condomìnio, poichè gli obblighi di legge imposti in modo contingente, non coordinato a a cascata sia all' ente condomìnio, sia all' amministratore in quanto "rappresentante" e "parafulmine" di ogni incombenza attribuibile, hanno causato e causano una confusione e una zona d' ombra, in cui è facile che interessi privati prevalgano sull' interesse collettivo di una gestione di qualità.

    Questa qualità dei servizi, deve essere a vantaggio dell' ente di gestione, inteso sia come collettività dei condòmini (con l' interesse di accrescere il valore patrimoniale del proprio bene immobile), sia come collettività dei residenti (con l' interesse di accrescere la qualità dei servizi e la qualità della vita di tutto l' ambiente sociale del condomìnio). Nel lungo periodo gli interessi dei condòmini e gli interessi dei residenti tendono a coincidere.
     
  5. carlor

    carlor Nuovo Iscritto

    Chiunque può fare l'amministratore. Però, se non si è ben preparati, facendo corsi appositi (molti) ed avendo doti comunicative e di leadership (è vero deve eseguire le deliberazioni dell'assemblea, ma deve anche guidarla allorché questa è dubbiosa), si possono combinare pasticci civili e/o penali.
    La normativa condominiale è complessa perché investe tanti settori: tecnico, amministativo, legale.
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina